Come preparare il Pan di Spagna a regola d’arte

Come preparare il Pan di Spagna
Commenti: 0 - Stampa

La storia del Pan di Spagna

Quando pensiamo alle basi per le torte, la più classica che viene in mente è senza dubbio il pan di Spagna. Famosa in tutto il mondo, questa base per dolci ha origini tutte italiane. Per raccontarla dobbiamo far un salto indietro nel tempo fino al XVIII secolo.

Siamo nel 1700 in Spagna. I protagonisti della storia sono il cuoco genovese Giovan Battista Cabona e il marchese Domenico Pallavicino, ambasciatore ufficiale della città ligure, in viaggio insieme.

Secondo la tradizione, il primo presentò un dolce dalla pasta dalla consistenza incredibilmente soffice. Inizialmente chiamata “pasta genovese”, in onore della nazionalità del suo inventore, prevedeva una preparazione con i medesimi ingredienti che si utilizzano oggi, ma a caldo.

Detto questo parliamo un attimo dei numerosi modi che si possono chiamare in causa quando si cucina il Pan di Spagna. Lo si può gustare con una semplice bagna, che può essere alcolica o analcolica, ma anche farcito con le creme.

Ovviamente, il Pan di Spagna può essere anche guarnito con frutta o panna montata. Quello che non cambia è il successo che questa base ha quando la si presenta in tavola. Morbida e profumata, al primo assaggio evoca la magia di momenti unici con le persone amate.

Ovviamente si può preparare anche nella versione per intolleranti al lattosio, così come in quella per celiaci. In che modo? Vediamolo assieme!

Tante ricette, una sola modalità di preparazione

Oggi impariamo a preparare il Pan di Spagna a regola d’arte Una preparazione basilare della cucina italiana ed in particolar modo della pasticceria. Parliamo, ovviamente, della base di Pan di Spagna, madre di tutte le torte e regina delle ricette dolci! Tutte le ricette che troverete su questo portale con dicitura “Pan di Spagna” sono pensate per essere ammorbidite con una bagna a scelta e farcite con la crema o la panna che maggiormente di preferisce.

Secondo quanto previsto dalla tradizione italiana, queste basi si prestano tutte adatte ad essere torte di ricorrenza o anniversario. Se doveste, dunque, preparare una torta di compleanno, magari con esigenze speciali come la celiachia o l’intolleranza al lattosio, non avrete che da scegliere tra le nostre tante possibilità!

Come preparare il Pan di Spagna

Preparazione del Pan di Spagna, procediamo con ordine!

Tutte le ricette di pasticceria, ed in particolar modo la ricetta del Pan di Spagna, risentono delle dosi e richiedono accortezze scrupolose per ottenere un risultato ottimale.

Per assicurarvi la miglior base possibile, tenete presenti questi suggerimenti:

  • pesate tutti gli ingredienti uno per volta, separatamente. Quindi uova, zuccheri (siano essi soliti o liquidi), farine ed amidi.
  • È buona abitudine quella di montare le uova con gli zuccheri con uno sbattitore regolato a media velocità (nel caso del Kitchen Aid, velocità 7, per essere precisi). Questa accortezza è indispensabile perché genera una schiuma d’uovo più stabile che è quindi capace d’incorporare al meglio le farine, senza correre il rischio di smontarsi. Dovete prestare molta attenzione a questo perché montare troppo velocemente crea una schiuma più delicata. Si ottiene quindi un impasto instabile che tende ad appiattirsi e collassare, prima o dopo la messa in cottura nel forno.
  • Cercate sempre di ottenere un impasto montato in maniera spumosa, ossia che raddoppi il suo volume iniziale. Per verificare questa consistenza è utile la “prova della frusta”, ossia intingete la frusta nel composto e vedete se, tenendola in sospensione, si forma un filo.
  • Quando dovete introdurre le farine e gli amidi, setacciateli sempre ed uniteli con delicatezza al resto del composto.

Come preparare il Pan di Spagna

Cottura e dimensioni

Vi abbiamo già parlato delle accortezze necessarie per l’impasto, ma non dovrete abbassate la guardia nemmeno nelle fasi successive. Per tutti i Pan di Spagna:

  • pre-riscaldate il forno a 180° ed infornate l’impasto subito dopo la sua preparazione, per circa 10-15 minuti.

Per la base, scegliete sempre uno stampo che non superi la capienza di un diametro di 20 cm con altezza di 3 cm. Entro questi valori, non sarà necessario aggiungere alcun addensante perché in Pan di Spagna dovrebbe crescere comunque piuttosto stabile.

Se vi occorre una base più grande o se non disponete di uno stampo delle dimensioni indicate, dovrete aggiungere 1 grammo di farina di semi di guar ogni 400 grammi di uova. Per evitare grumi, il guar va mescolato con lo zucchero solido nelle quantità indicate dalla ricetta. Questa aggiunta cambia la temperatura di cottura, che dovrà essere di 160° e richiederà un calcolo delle tempistiche in proporzione alla grandezza della base.

Come preparare il Pan di Spagna

Sfogo alla fantasia con le altre varianti di Pan di Spagna

Da questa ricetta “madre” scaturiscono tutta una serie di varianti di Pan di Spagna che si adattano a differenti tipi di ricette. I differenti tipi di Pan di Spagna renderanno ancora più unici i vostri dolci, nel rispetto dei celiaci o di chi soffre di intolleranze alimentari.

Di Pan di Spagna per celiaci si parla da tempo. Quali sono le migliori alternative al proposito? Nel novero delle ricette migliori, è senza dubbio possibile ricordare il pan di Spagna a base di farina di riso.

Ah, prima di mettersi ai fornelli, è ovviamente il caso di dare una veloce occhiata alle principali istruzioni da seguire per preparare, a prescindere dagli ingredienti, un ottimo Pan di Spagna senza glutine.

Ci si può poi sbizzarrire e, per esempio, provare il Pan di Spagna con crema di cocco e cioccolato, una delizia super nutriente.

Cosa desiderare di più? Davvero nulla! Non c’è che dire: con il pan di Spagna è possibile sbizzarrirsi un sacco. Se si considera che è la base di dolci storici come lo Zuccotto, è facile capire fino a che punto possa essere fondamentale come preparazione!

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

I migliori piatti italiani

I migliori piatti italiani, apprezzati in tutto il...

Alla riscoperta della cucina italiana Quali sono i migliori piatti italiani più famosi e apprezzati in patria e all’estero? Sembra una domanda superflua, se posta da un italiano. Eppure può...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

La colazione per gli studenti, alcune idee nutrienti

La colazione per gli studenti, il pasto più importante della giornata La colazione per gli studenti (e non) è il primo e il più importante pasto della giornata, secondo gli esperti. In Italia si...

insalata con melissa

Tornare in forma dopo l’estate, alcuni consigli utili

Perché si tende ad ingrassare in estate? Tornare in forma dopo le vacanze estive è un obiettivo di molti, proprio perché sono in tanti a “ingrassare” durate i momenti di relax. Ma perché...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-06-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti