Cime di rapa sott’olio, una conserva saporita!

Cime di rapa sottolio
Commenti: 6 - Stampa

Cime di rapa sott’olio, una delizia senza tempo

Le cime di rapa sott’olio sono una saporitissima specialità della tradizione meridionale. Un gusto ricchissimo che sa di Puglia, famiglia e benessere. Semplicemente adagiando un po’ di rape sott’olio su di una bruschettina di pane abbrustolito possiamo sperimentare un piacere intenso. Le rape, stufate dapprima in padella e poi insaporite con gli aromi sott’olio, sprigionano un sapore ancor più ricco e diventano una vera leccornia che sfida il tempo.

Conservando nei vasetti ermetici queste verdure sott’olio, riusciamo ad evitare la stagionalità ed abbiamo modo di gustare delle ottime cime di rapa anche d’estate. Ogni volta che ne abbiamo voglia, magari in abbinamento con bruschette, piade o friselline, le cime di rapa in vasetto sono ottime. Pratiche e comode anche per impreziosire un antipasto, stuzzicare l’appetito o diventare un ingrediente utile per insaporire paste, pizze, focacce o gnocchi fritti.

Cime di rapa piccanti, sapori strong

Vi piacciono le pietanze piccanti? Queste cime di rapa sott’olio saranno un piatto forte per il vostro palato! Potrete rendere questa conserva più o meno piccante, a seconda del tipo di peperoncino che sceglierete e soprattutto a seconda della quantità che deciderete di metterne. Il piccante del peperoncino e la sapidità delle alici sono perfetti per completare il gusto delle cime di rapa.

Cime di rapa sott’olio

Anche in altre pietanze, infatti, come le classiche orecchiette e cime di rapa pugliesi, questi ingredienti convivono meravigliosamente, esaltandosi l’un l’altro. Cogliamo l’occasione per ricordarvi la nostra versione di questo piatto tradizionale, ovviamente in chiave senza glutine. Un’altra specialità che potrete apprezzare con le cime di rapa è un ricchissimo secondo a base di salsiccia e cime di rapa, una bontà incredibilmente semplice ed economica, ma divina!

Una conserva ideale per antipasti ed aperitivi caserecci

Con le cime di rapa sott’olio ed un po’ di pane abbrustolito portiamo a tavola dei sapori semplici, caserecci, ricchi e stuzzicanti. Inoltre, serviamo tutto il buono delle rape con le loro straordinarie proprietà nutrizionali. Proteine, vitamine, ferro e vari sali minerali rendono queste verdure tra le più nutrienti e complete che ci offre la natura.

Inoltre, il contenuto di acido folico, ci teniamo a sottolinearlo, è utilissimo in gravidanza ma anche per migliorare la capacità di concentrazione e la regolarità del ciclo. Tutti ottimi motivi per consumare queste goderecce cime di rapa sott’olio. E poi, va detto, queste conserve sott’olio sono una coccola da condividere, regalare e gustare!

Ed ecco la ricetta delle cime di rapa sott’olio:

Ingredienti per 3 vasetti medio-piccoli:

  • 1 kg di cime di rapa
  • ½  lt. di aceto di vino bianco
  • 10 acciughe sott’olio
  • 1 lt. d’acqua naturale
  • 2 spicchi d’aglio
  • q. b. di peperoncino
  • q. b. di olio extravergine d’oliva

Preparazione:

Per preparare le cime di rapa sott’olio, abbiate cura, come prima cosa, di sterilizzare a dovere i barattoli e i coperchi. Lavate le cime di rapa, eliminando le impurità e le foglie esterne più dure o rovinate. Ricavate quindi solo cime e foglie tenere dal mazzo. Lavate poi dei buoni peperoncini, quanti ne gradite, e tagliateli a fettine. Sbucciate uno spicchio d’aglio e ricavatene fettine sottolissime. Tagliate infine le acciughe a pezzetti piccoli. In un tegame con i bordi alti, mettete in cottura le cime di rapa con acqua e aceto per circa 10 minuti. Trascorso il tempo indicato, stendente le rape su della carta assorbente da cucina, avendo cura di non sovrapporle.

Quando le rape saranno asciutte, mettetele in una coppa e conditele con peperoncino, aglio, acciughe ed un bicchiere di olio. Lasciate tutto così a riposo per circa due ore. Procedete dunque con l’inserimento delle rape nei vasetti, avendo cura di alternare verdure ed olio e lasciando uscire tutte le possibili bolle d’aria. A chiusura di ogni vasetto dovrà esserci un centimetro d’olio fino al bordo. Riempite i vasetti e lasciateli aperti per un’ora. Qualora il livello dell’olio risulti calato, fate il necessario rabbocco. Dopo un’ora, chiudete ermeticamente i vasetti con le cime di rapa sott’olio e riponeteli in una dispensa asciutta o in cantina. Attendete almeno due settimane prima di consumarli.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

6 commenti su “Cime di rapa sott’olio, una conserva saporita!

  • Mer 16 Dic 2020 | Chiara Semeraro ha detto:

    Scusate ma il sale non ci va

    • Mer 16 Dic 2020 | Tiziana Colombo ha detto:

      Salve io non lo metto. Ci sono le acciughe che rendono questa conserva saporita

  • Lun 4 Gen 2021 | Rosa Musti ha detto:

    Buona sera!!! È la prima volta che le faccio se le faccio stufate Saronno uguale come la ricetta ché ho letto grazie….

    • Gio 25 Feb 2021 | Vincenzo ha detto:

      Stufati è la stessa cosa?

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Confettura di uva spina

Confettura di uva spina, una confettura buona e...

Confettura di uva spina, una confettura fuori dal comune La confettura di uva spina è una confettura fuori dal comune. Il motivo risiede nelle peculiarità dell’ingrediente principale, ossia...

aglio marinato

Aglio marinato, una conserva buona e digeribile

Aglio marinato, un’idea utile L’aglio marinato è una splendida idea per una conserva diversa dal solito. Quando si parla di conserva si fa spesso riferimento ai pomodori, melanzane e ortaggi...

Cetrioli sotto aceto

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un’idea sfiziosa

Cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche, un contorno sfizioso I cetrioli sotto aceto con erbe aromatiche sono una splendida idea per un contorno rapido, saporito e leggero. La ricetta è molto...

Marmellata di arance e fiori di sambuco

Marmellata di arance e fiori di sambuco, una...

Marmellata di arance e fiori di sambuco, un abbinamento straordinario La marmellata di arance e fiori di sambuco è una marmellata diversa dal solito. Ciò dipende dalla presenza di un ingrediente...

fave

Le fave, alleate della buona cucina e del...

Le principali caratteristiche delle fave Le fave sono tra i fondamenti della dieta mediterranea. Sono un alimento che arricchisce l’alimentazione europea da millenni, molto apprezzato già...

Friarielli in conserva

Friarielli in conserva, un condimento davvero speciale

Friarielli in conserva, un ottimo condimento pronto per l’uso I friarielli in conserva sono un’idea semplice ma utile per valorizzare uno degli alimenti simbolo della tradizione napoletana e...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-01-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti