Cuori di riso venere al cocco, romantico capodanno

Cuori di riso venere al cocco
Commenti: 0 - Stampa

Cuori di riso venere al cocco per un capodanno in montagna

Avete in programma un bel capodanno da festeggiare in montagna? Amate le preparazioni a base di cocco? Riscaldate i vostri sensi con questi deliziosi cuori di riso venere al cocco. La nota dolce a fine pasto è sempre decisiva per il giustizio finale dell’intero pranzo o dell’intera cena, quindi questa scelta non va presa sottogamba! A livello di presentazione, lo possiamo ben vedere, questo dessert si mostra romantico e tenero, una coccola per gli occhi prima ancora che per il palato.

Immaginatevi in una bella baita in montagna, con il crepitante fuoco del camino acceso, due tazze di cioccolata calda o due flûte di bollicine e questi tortini. Riuscite ad immaginare niente di meglio? Questi cuori saranno il miglior modo per salutare l’anno passato ed accogliere al meglio quello in arrivo, con la speranza che i prossimi mesi siano dolci e teneri proprio come questa delizia al cocco! E perdonate l’eccesso di romanticismo, ma davanti a dolci così buoni e zuccherosi non possiamo far altro che concederci à la vie en rose!

Note di romanticismo al profumo di cocco

Burro al cocco, zucchero di cocco, cocco rape’, panna di cocco, insomma… se non gradite il cocco questo dessert vi conviene evitarlo decisamente. Al contrario, se come noi amate il sapore intenso ed esotico del cocco, questo dessert vi manderà in uno stato di assoluta libidine! Il pan di spagna, morbido, soffice ed alveolato, coronato da ricchi ciuffi di panna al cocco e cocco rape’ in scagliette, sprigiona profumi e sapori davvero eccezionali.

Cuori di riso venere al cocco

Un dessert che oseremmo definire straordinariamente gustoso ed elegante. Potrete proporre, come abbiamo fatto noi, questi cuori di riso venere al cocco per capodanno oppure per S. Valentino. In ogni caso l’accoglienza riservata a questo dolce, ne siamo certi, sarà davvero calorosa.

Tutto il buono del cocco e del riso venere, in formato dessert!

Potrà sembrarvi strano ma l’abbinata riso venere e latte di cocco è possibile anche in versione “salata” per la preparazione di risotti. In questa ricetta dei cuori di riso venere al cocco, l’abbinata è in chiave dolce, ma non meno vincente.

Fibre, sali minerali ed antiossidanti, propri del riso venere potranno essere assunti efficacemente anche grazie alla farina usata come ingrediente di questo dessert. Allo stesso modo, tutte le proprietà benefiche del cocco saranno incluse per un mix buono, salutare e genuino al tempo stesso.

Ed ecco la ricetta dei cuori di riso venere al cocco: 

Ingredienti:

  • 130 gr. di tuorlo
  • 130 gr. di burro di cocco liquido
  • 100 gr. di zucchero di cocco solido
  • 200 gr. di sciroppo di acero
  • 150 gr. di fecola di patate
  • 130 gr. di albume
  • 100 gr. di farina di riso venere
  • 50 gr. di farina di cocco
  • 5 gr. di guar
  • 5 gr. di lievito
  • 1 gr. di sale
  • 200 gr. di cocco disidratato

per la decorazione:

  • 200 gr. di panna di cocco senza conservanti (18/20% materia grassa)
  • q. b. di cocco rape’
  • q. b. di cocco fresco

Preparazione:

Dedicatevi alla preparazione della maionese, frullando i tuorli col burro di cocco ed il sale. Versate lo sciroppo d’acero e la fecola di patate, passandola al setaccio. A parte, montate gli albumi con lo zucchero di cocco solido ed il guar e continuate fino ad ottenere una meringa. Passate al setaccio la farina di riso venere e quella di cocco con il lievito. Mescolate poi la meringa assieme al composto tipo maionese, unendo un po’ alla volta farina e cocco disidratato. Procedete fino ad ottenere un composto omogeneo e versatelo in uno stampo a forma di cuore.

Mettete il tutto in cottura a 180° per circa 15-20 minuti. In un pentolino, scaldate la panna di cocco e lasciatela ridurre fino al peso di 140 gr. Infine, mettete la panna a raffreddare in frigo. Quando la panna sarà fredda, montatela normalmente. Componete il dolce spalmando uno strato di panna, spargendo della granella di cocco rape’ e decorando il tutto con tocchetti di panna e cocco fresco.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è un piatto della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

Olio al basilico

Olio al basilico, un condimento aromatizzato speciale

Olio al basilico, dove e come utilizzarlo L’olio al basilico è un’idea spettacolare per un condimento che sappia valorizzare i piatti. Incarna alla perfezione lo spirito della cucina italiana,...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-12-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti