Cupcakes ragni salati: una delizia per Halloween!

Cupcakes ragni salati
Commenti: 0 - Stampa

Cupcakes ragni salati alla zucca: non un dolce come gli altri

Come suggerisce il nome i cupcakes ragni salati alla zucca non sono i classici dolcetti di Halloween. Anzi, di dolce hanno davvero poco.

In compenso, però, sono molto saporiti, splendidi bocconcini da gustare durante le feste e gli eventi dedicati a questo appuntamento di origine anglosassone ma che ormai ha preso piede anche da noi. Sono due gli elementi che stupiscono di questi particolari cupcakes: l’estetica e la scelta degli ingredienti.

E’ sufficiente dare un’occhiata alla foto per capirlo: i ragnetti sulla superficie (non vi preoccupati, sono fatti di olive nere!) riprendono le atmosfere cupe e allo stesso tempo goliardiche tipiche di questa festa. La scelta degli ingredienti, invece, rende i cupcakes davvero gustosi, perfetti per un aperitivo particolare e capace di stupire gli invitati.

Scacco matto alle intolleranze con i cupcakes alla zucca:

Un altro pregio di questi cupcakes è l’accessibilità, ovvero la possibilità di essere consumati da chiunque, e in particolare da chi soffre di disturbi dell’assorbimento del lattosio e del glutine, celiaci compresi. Anche in questo caso il merito va alla scelta degli ingredienti. Nessuno di questi, infatti, contiene lattosio o glutine.

Cupcakes ragni salati

Sia chiaro, gli ingredienti non sono stati sottoposti ad ambigui trattamenti chimici per la rimozione di queste sostanze. Le farine, per esempio, sono prive naturalmente di glutine, mentre la delatosizzazione del latte avviene con un procedimento naturale. Il tutto, ovviamente, senza compromettere minimamente il gusto. Dunque possiamo considerare questi cupcakes ragni salati alla zucca delle preparazioni per Halloween a prova di intolleranze!

La farina di tapioca e il suo apporto di vitamine

Uno degli ingredienti che merita maggiore attenzione è la farina di tapioca. Attorno a questa farina si addensano numerosi pregiudizi, tra cui quelli che lamentano uno scarso apporto nutritivo. E’ vero che contiene principalmente amido ed è povera di minerali, ma c’è da dire che contiene buone quantità di vitamine del gruppo B, vitamina C e folati.

Inoltre va chiarito un malinteso: la farina di tapioca non si utilizza quasi mai da sola, bensì è un ingrediente di supporto per le altre farine, visto il suo potere addensante e il suo gusto particolare. E poi non contiene glutine, particolare non da poco vista l’elevata incidenza della celiachia. Nel caso dei nostri cupcakes, la farina di tapioca interviene a valorizzare la farina di mais e la farina di riso.

Ecco  la ricetta delle cupcakes ragni salati alla zucca

Ingredienti per 6 cupcakes:

  • 100 ml di latte intero consentito
  • 70 gr. di farina di mais integrale
  • 50 ml di olio di semi di mais
  • 50 gr. di zucca al netto degli scarti
  • 3 cucchiai colmi di farina di riso
  • 2 cucchiai colmi di farina di tapioca
  • 2 cucchiai di olive nere a rondelle
  • due cucchiai colmi di Parmigiano Reggiano 36 mesi grattugiato
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale fino
  • un cucchiaino di aceto di mele
  • ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • q. b. di olio di extravergine d’oliva

Per la decorazione:

  • 12 olive nere denocciolate
  • 200 gr. di formaggio spalmabile consentito
  • 1 pizzico di sale
  • q. b. di pepe nero
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva

Preparazione:

Per realizzare i cupcakes ragni salati iniziate facendo saltare in una padella con pochissimo extravergine d’oliva la zucca tagliata a piccoli dadini. Fatela cuocere leggermente, in modo che rimanga comunque soda e croccante; poi fatela raffreddare. In una ciotola capiente sbattete l’uovo insieme a poco sale e al parmigiano grattugiato, aggiungendo poi il latte, l’olio e mescolando fino a ottenere una crema morbida. A questo punto, continuando a mescolare, unite poco per volta le farine e concludete con l’aceto di mele e il bicarbonato. Continuate ad amalgamare e unite infine i dadini di zucca e le olive e rondelle. A questo punto ungete e infarinate uno stampo antiaderente per 6 cupcakes, versate il composto fino a raggiungere tre quarti della capienza. Poi cuocete per 25-30 minuti in un forno già riscaldato a 180 gradi con funzione ventilata.

Prima di estrarre i cupcakes fate la prova dello stecchino: infilatelo al centro dei cupcakes, se rimane asciutto la cottura è terminata, altrimenti prolungatela per qualche altro minuto. Lasciate i cupcakes a raffreddare su una gratella e occupatevi della decorazione. Iniziate con la mousse sbattendo in una ciotola il formaggio spalmabile, l’olio, poco sale e il pepe nero; aiutatevi con una spatola in silicone per rendere il composto bello soffice. Infine versatelo in una sac a poche con bocchetta tonda. Con questa, decorate i cupcakes a piacimento. Adesso occupatevi della decorazione “ragno”. Ricavate il corpo del ragno tagliando a metà le olive; con un coltellino affilato ricavate invece le zampette. Infine servite e buon divertimento!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Madeleine con zucca

Madeleine con zucca, il dolcetto perfetto per Halloween

Madeleine con zucca, un perfetto incontro tra gusto ed estetica Si sa, quando lo scopo è creare dei dolcetti per Halloween anche l’occhio vuole la sua parte, e in senso creativo per giunta....

Risotto di Halloween con salsiccia

Risotto di Halloween con salsiccia, un primo da...

Risotto di Halloween, un primo creativo Il risotto di Halloween non è un risotto come tutti gli altri, d’altronde potete vederlo voi stessi, guardando semplicemente la foto. Ciò che colpisce di...

Brunch di Halloween

Brunch di Halloween, un tris di ricette da...

Perché un brunch ad Halloween? Chi lo ha detto che Halloween si festeggia solo di sera, con il favore delle tenebre? Certo, la festa è associata all’oscurità, alle tematiche horror e noir....

Ragnetti bon bon

Ragnetti bon bon: goliardia e gusto ad Halloween

Ragnetti bon bon bicolore: un dolce economico Volete fare la classica bella figura ad Halloween ma allo stesso tempo vorreste spendere il meno possibile? Preparate dei deliziosi ragnetti bon bon...

Tortini di zucca e cioccolato

Tortini di zucca: un Halloween a prova di...

Tortini di zucca, mandorle e cioccolato: belli da vedere e buoni da gustare I tortini di zucca, mandorle e cioccolato sono i dolci perfetti per Halloween, appuntamento che ormai ha preso piede anche...

cheese cake cioccolato halloween

Una cheesecake con formaggio cremoso per Halloween!

Una cheesecake ed è subito Halloween! La nostra cheesecake con formaggio cremoso Exquisa e cioccolato è un modo dolce per prendere con leggerezza l’arrivo di Halloween! Non vedete l’ora di...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-10-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti