bg header
logo_print

Milza in padella, una ghiottoneria tutta da scoprire .

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Milza in padella
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Cucina regionale
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 10 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 6 persone
Stampa
Array
3.8/5 (13 Recensioni)

Oggi vi propongo la Milza in padella: ecco una piccola rustica ghiottoneria della cucina italiana! È poco nota e meriterebbe più considerazione. La milza in padella è un piatto veloce e gustoso che potete preparare in pochissimo tempo e che accontenterà proprio tutti  e ne apprezzeranno la tenerezza e il sapore dolce ma non stucchevole.

Bastano pochi minuti per avere un secondo piatto nutriente e genuino, che può diventare un piatto unico completo, magari con l’aggiunta di una maxi insalata come contorno (o ad esempio di spinaci lessati e poi passati in padella con un po’ di formaggio) e delle patatine fritte per i bambini…

Ricetta Milza in padella

Preparazione Milza in padella

Per preparare la milza in padella, se il vostro macellaio di fiducia non lo ha già fatto, pulite, spellate la milza e sciacquate sotto abbondante acqua corrente. Tagliatela a fettine sottili. Scaldate in padella sei cucchiai di olio, e gli spicchi d’aglio tritati.

Unite anche la polpa delle acciughe, ben lavate, diliscate, tagliate a pezzetti minuti, in modo che si disfino subito.

In questo sughetto cuocete le fettine di milza, mettendo dentro anche qualche fogliolina di salvia.

Quando vedete che le fettine di milza hanno preso colore, è segno che sono quasi cotte: bagnatele con due o tre cucchiaiate di aceto e salata. Lasciate che questo si consumi, e servite subito.

Ingredienti Milza in padella

  • 900 gr  di milza di manzo
  • 2 spicchi d’aglio
  • due acciughe salate
  • qualche foglia di salvia
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. aceto di riso e sale

Pani câ Meusa: Il panino con la milza nella cucina palermitana

Il pani câ meusa, o panino con la milza, è più che un semplice street food: è un frammento di storia e cultura di Palermo. La sua origine è affascinante, nato da un incontro culturale e un cambiamento storico che ha trasformato questo cibo da strada in un simbolo gastronomico della città. Ma non è solo un piatto ricco di storia; è anche un alimento nutrizionalmente denso che offre una serie di benefici per la salute.

La storia del pani câ meusa risale all’espulsione degli ebrei dalla città di Palermo da parte di re Ferdinando II d’Aragona. Prima di questo evento, la gestione delle frattaglie era nelle mani delle comunità ebraiche. Successivamente, i “cacciuttari” assunsero il controllo della preparazione delle frattaglie, aggiungendo fettine di milza al panino, trasformandolo in quello che oggi conosciamo come pani câ meusa.

A dispetto delle sue umili origini, la milza di maiale o di vitello usata nella preparazione del panino è incredibilmente nutriente. Con circa 107 calorie per 100 grammi di prodotto, la milza è un tesoro di proteine, grassi, vitamine e minerali. Tra questi, spiccano le vitamine del gruppo B, in particolare B1, B2, niacina (PP), acido folico e B12, oltre alla vitamina A. Non meno importanti sono i minerali come ferro, zinco e rame, che rendono questo alimento particolarmente adatto agli sportivi o a chi segue una dieta ricca di proteine.

Un’opzione salutare per gli sportivi

L’alto contenuto di proteine e la presenza di minerali importanti come ferro e zinco fanno del pani câ meusa una scelta eccellente per chi pratica sport. Questi elementi sono fondamentali per il mantenimento e l’incremento della massa muscolare, rendendo questo piatto non solo delizioso ma anche funzionale.

Il pani câ meusa è un esempio brillante di come un piatto può essere sia un patrimonio culturale che un alimento nutrizionalmente prezioso. Ogni boccone è un viaggio attraverso la storia e la cultura di Palermo, mentre fornisce al corpo vitamine e minerali essenziali. È un simbolo di resilienza e adattamento, un piatto che è riuscito a sopravvivere e adattarsi attraverso secoli di cambiamenti storici e sociali, e che continua a essere un punto fermo nella cucina palermitana.

milza in padella

La milza in padella: Un piatto della tradizione con sorprese nutrizionali

La milza, spesso relegata ai margini delle carte dei ristoranti, è invece una vera e propria superstar nella cucina della tradizione povera italiana e mediterranea. La milza in padella è un piatto che non solo sfrutta al massimo le qualità nutritive di questo ingrediente, ma lo fa in modo delizioso, grazie anche all’apporto di altri elementi come aglio, acciughe e salvia.

Nella gastronomia italiana, e in particolare nella sua versione “povera”, si sa valorizzare ogni parte dell’animale. La milza rappresenta una di queste parti spesso trascurate, ma che nella giusta preparazione possono rivelare un gusto ricco e un profilo nutrizionale sorprendente.

La milza è un alimento particolarmente ricco di proteine e vitamine, un tesoro nutrizionale che va oltre il semplice apporto calorico. A questo si aggiungono gli altri ingredienti della ricetta, come aglio, acciughe e salvia, che non solo arricchiscono il sapore ma apportano ulteriori benefici nutrizionali. L’aglio è noto per le sue proprietà antibatteriche, le acciughe sono una fonte di acidi grassi omega-3, e la salvia ha effetti antiossidanti.

Oltre la padella: La versatilità della milza

Se vi piace la milza ma desiderate variare dalla preparazione in padella, sappiate che le possibilità sono numerose. Un esempio intrigante potrebbe essere un patè di milza servito su crostini e arricchito con uova di quaglia. Questo antipasto non solo è elegante ma rappresenta anche un incontro perfetto tra tradizione e innovazione culinaria.

La milza in padella è un piatto che combina la ricchezza della tradizione gastronomica povera con un apporto nutrizionale davvero interessante. L’aggiunta di ingredienti come aglio, acciughe e salvia eleva ulteriormente il valore di questo piatto, trasformandolo in un’opzione che è tanto nutriente quanto gustosa. Quindi, la prossima volta che vi trovate a considerare un taglio di carne “minore”, ricordate che la milza offre un mondo di possibilità sia in termini di sapore che di nutrizione.

Cos’è la Milza?

La milza è un organo del sistema linfatico situato nell’addome, dietro lo stomaco e sotto le costole. Fa parte del sistema immunitario e ha varie funzioni, tra cui quella di filtrare il sangue, rimuovere le cellule sanguigne danneggiate o invecchiate, e immagazzinare piastrine e globuli bianchi. È anche coinvolta nella risposta immunitaria, producendo anticorpi.

La milza si trova nel quadrante superiore sinistro dell’addome, vicino allo stomaco. È generalmente una struttura morbida, di forma ovale e di colore viola scuro, con dimensioni che possono variare a seconda dell’individuo.

In cucina, la milza è un ingrediente che appartiene alla categoria delle frattaglie, ovvero quelle parti dell’animale spesso trascurate o meno pregiate rispetto a tagli di carne più noti. Nel panorama gastronomico, il termine “frattaglie” spesso evoca reazioni contrastanti. Alcuni lo vedono come un segno di una cucina audace e avventurosa, mentre altri lo evitano come la peste. Ma cosa sono esattamente le frattaglie? In sostanza, le frattaglie rappresentano i tagli di carne che provengono dagli organi interni degli animali. Parliamo di fegato, cuore, reni, milza e così via.

Tuttavia, la milza offre una gamma di opportunità culinarie e un profilo nutrizionale molto interessante. Ricca di proteine, vitamine e minerali come ferro e zinco, la milza può essere preparata in vari modi: in padella, come ingrediente di terrine o pâté, o persino in brodo.

La milza è un organo fondamentale per il corpo umano, con importanti funzioni legate al sistema immunitario e alla filtrazione del sangue. Ma oltre al suo ruolo biologico, ha anche un posto di rilievo nella gastronomia, particolarmente nelle cucine della tradizione povera, dove ogni parte dell’animale viene utilizzata. Grazie alle sue straordinarie proprietà nutrizionali e alla sua versatilità in cucina, la milza sta riscuotendo un crescente interesse tra gli appassionati di gastronomia e nutrizione.

Ricette con frattaglie ne abbiamo? Certo che si!

3.8/5 (13 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Hamburger di quinoa e melanzane

Hamburger di quinoa e melanzane, una delizia 100%...

Uno sguardo alla quinoa La quinoa è la vera protagonista di questa sfiziosa ricetta. Occupa un posto d’onore negli hamburger di melanzane, adatti anche ai celiaci o a chi manifesta una marcata...

Hamburger di manzo con friggitelli

Hamburger di manzo con friggitelli, un secondo delizioso

Cosa sono i friggitelli? Gli hamburger di manzo e friggitelli sono di norma una ricetta semplice, in quanto a variare non è il procedimento bensì gli ingredienti. Per l’occasione ho deciso di...

Hamburger di patate con porri e zucchine

Hamburger di patate con porri e zucchine, un...

Il porro come ingrediente cardine per la rubrica Erbe e Fiori Preciso che questa deliziosa ricetta è frutto della collaborazione con le mie amiche Miria Onesta di Due Amiche in Cucina, Daniela...