Festa della mamma: dadi di vitello in salsa tonnata

dadi di vitello in salsa tonnata
Commenti: 2 - Stampa

Un secondo piatto per la festa della mamma

I dadi di vitello in salsa tonnata e fior di cappero sono un secondo piatto ideale per celebrare la festa della mamma. Si tratta di una pietanza a base di carne preparata con la salsa tonnata, una grande varietà di ortaggi e spezie e con il tocco profumato dei fior di cappero. Si tratta di una ricetta non adatta ai vegetariani ma ideale per gli intolleranti al lattosio e al glutine.

Preparate questa pietanza con cura, seguendo passo a passo la ricetta, soprattutto la parte riguardante l’elaborazione della salsa tonnata, indispensabile per la buona riuscita di questo piatto. Potete presentare i vostri dadi di vitello in salsa tonnata e fior di cappero  stendendo la crema sul piatto, mettendo sopra il vitello e guarnendo con i fior di capperi.

Le proprietà nutrizionali della carne di vitello

La carne di vitello, una delle carni più consumate per il suo gusto e la sua morbidezza. Gode anche di buone proprietà nutrizionali. In primis non è molto calorica, infatti si attesta sulle 173 kcal per 100 grammi. Inoltre è ricca di proteine, che rappresentano il 20% della sua struttura. I grassi sono presenti, ma in misura piuttosto equilibrata e in base al taglio di carne scelto. Buono è anche l’apporto di vitamine e sali minerali, il riferimento è alle vitamine del gruppo B, tra cui la vitamina B12, ma anche al magnesio, al calcio, al potassio, allo zinco e al ferro.

I protagonisti di questo piatto sono la carne di vitello e la salsa tonnata. Si tratta di una ricetta alternativa al tradizionale vitello tonnato, specialità tipica della cucina piemontese.  La carne di vitello proviene da un bovino di 5/7 mesi, ricca di proteine e con meno colesterolo. Si tratta, infatti, di una carne bianca con meno grassi rispetto ad altri tipi di animali.

Dadi di vitello in salsa Tonnata e fior di cappero

In questa ricetta utilizzeremo lo scamone di vitello, una parte di prima qualità che si trova vicino all’anca del bovino. Si tratta di una parte pregiata, magra, tenera e molto gustosa. Nella ricetta di questi dadi di vitello la carne verrà semplicemente rosolata in padella e poi cucinata con le verdure per dargli un tocco in più di sapore.

La guarnizione: fior di cappero

È un cibo paesano, aspro ma delizioso. I capperi migliori provengono dalla Sicilia e dalla Francia meridionale, in particolare dalla zona della foce del Rodano e più a est nel Varo; ma anche la Spagna e l’Algeria producono molti capperi, cosi come la California e altre località con clima mediterraneo. La coltivazione dei capperi è però abbastanza difficile, e la raccolta richiede molta manodopera. L’ideale è cogliere le gemme ogni mattina, appena raggiungono la grandezza giusta. Dopo averle fatte appassire all’aria per un giorno, si pongono in barili d’aceto bianco forte e salato, oppure sotto sale .

I capperi migliori vengono selezionati e messi in contenitori di vetro, e la loro qualità è di norma indicata dal prezzo che bisogna pagare. Nei paesi del Mediterraneo, dove i capperi sono d’uso corrente, si trovano in vendita anche sciolti. Anche se di solito la qualità è inferiore, perché spesso sono troppo grandi o troppo salati, il prezzo è conveniente.

Il sapore della gemma del cappero, quando è fresca, non è promettente e l’aroma caratteristico appare soltanto quando sono stati messi in salamoia ed è dovuto allo sviluppo d’un acido organico – l’acido caprico – che quando è forte ha uno spiacevole odore di capra. Una piccola quantità d’acido caprico, nonostante o forse proprio per questo sapore caprino, costituisce un aroma importante che si trova in molti altri cibi. Anche se esistono molti sostituti per il cappero, a esempio le gemme di ginestra, le gemme di calendula di palude, il cappero euforbia ( che può essere velenoso), ecc. alla maggior parte manca quest’aroma essenziale, benché i semi di nasturzio verde sott’aceto siano eccellenti.

In tutti il mediterraneo, si possono trovare, durante le passeggiate in campagna, degli arbusti i cui boccioli vengono utilizzati in moltissime ricette: i capperi. Conservati sotto sale, sott’olio o sott’aceto, sono sempre a portata di mano per insaporire tantissime pietanze, come i nostri dadi di vitello in salsa tonnata e fior di cappero. Usateli in questa ricetta per dare un sapore deciso ma anche per guarnire il piatto.

Per la preparazione della salsa tonnata, invece, vi proponiamo di utilizzare tonno all’olio, le verdure e soprattutto la maionese senza lattosio per rendere questo piatto a prova di intolleranza al lattosio. Elaborate questa ricetta per la festa della mamma e farete un figurone con tutta la famiglia!

Ed ecco la ricetta dei Dadi di vitello in salsa tonnata e fior di cappero

Ingredienti per 4 persone:

  • 800 gr. scamone di vitello
  • 2 carote medie
  • 2 cipolle medie
  • 1 spicchio aglio
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 gambi di sedano
  • 2 foglie di salvia
  • q. b. brodo vegetale
  • 160 gr. maionese di riso
  • 80 gr. tonno sotto’olio
  • 2 foglie alloro
  • 2 bacche di ginepro
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • q.b. fior di capperi
  • q.b. sale e pepe

Preparazione:

Tagliate il vitello a cubetti, e fatelo rosolare in padella a fuoco vivo. Pelate la cipolla. Lavate e tagliate la carota e il sedano a dadini.

Nel mentre che il vitello cuoce tagliate a dadini la cipolla, la carota e il sedano e fate soffriggere in padella a fuoco moderato aggiungendo la salvia, il rosmarino e gli aromi in generale.

Una volta che le verdure avranno iniziato ad appassire aggiungete nella padella il vitello e il tonno per poi sfumare con il vino bianco e proseguite la cottura aggiungendo di tanto in tanto del brodo vegetale.

Cuocete in questo modo il vitello per circa quaranta minuti, trascorsi i quali separatelo dalle verdure e dal tonno per lasciarlo poi raffreddare.

Frullate quindi il tonno e le verdure aggiungendovi la maionese mano a mano fino a ottenere una consistenza cremosa ed omogenea.

Versate quindi la crema sul piatto, disponetevi sopra il vitello cotto in precedenza e guarnite con i fior di capperi.

5/5 (302 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Festa della mamma: dadi di vitello in salsa tonnata

  • Gio 22 Lug 2021 | Sara ha detto:

    Sicuramente un modo nuovo e alternativo di presentare il piatto. Anzichè il vitello tonnato provero’ a fare questa tua ricetta. Mi piace

    • Gio 22 Lug 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Sara anche io quando ho preparato questa ricetta ho pensato la stessa cosa. Pero’ ci andava di provare qualcosa di diverso e abbiamo pensato a questi dadi.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

madeleine al riso integrale

Madeleine al riso integrale e canihua, variante esotica

Madeleine al riso integrale, dolce perfetto per la Festa della Mamma Le madeleine al riso integrale e semi di canihua sono un’idea perfetta per la Festa della Mamma. Sono infatti dei dolcetti...

drip cake ai lamponi

Drip cake ai lamponi, una torta per la...

Drip cake ai lamponi e pistacchi per una giornata speciale La drip cake ai lamponi e pistacchi è un dolce delizioso e dal grande impatto visivo, equilibrato nel gusto e coloratissimo. E’...

Semifreddo allo Skyr e pere

Semifreddo allo Skyr e pere per la Festa...

Semifreddo allo Skyr e pere caramellate, raffinato Il semifreddo allo Skyr e pere caramellate è un dolce di alta classe, che non vi farà rimpiangere i prodotti da pasticceria. L’impatto visivo...

Ciambella profumata alle fragole

Ciambella profumata alle fragole per la Mamma

Ciambella profumata alle fragole, un tripudio di colori e sapori La ciambella profumata alle fragole con glassa rosa è un “signor” dolce buono da gustare e bello da vedere, ricco di ingredienti...

Torta con fragole e sciroppo

Torta con fragole e sciroppo di agave, per...

Torta con fragole e sciroppo di agave per la Festa della Mamma La torta con fragole e sciroppo di agave in pasta di zucchero è un dolce davvero speciale, che coniuga un gusto pieno con un impatto...

Straccetti di vitello

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, piatto...

Straccetti di vitello con salsa alle fragole, un secondo delicato e originale Gli straccetti di vitello con salsa alle fragole sono un secondo molto particolare come potete vedere dalla foto. Un...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti