bg header
logo_print

Quaglie ripiene al forno con cavolfiore: un secondo gustoso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

quaglie ripiene di frutta secca
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
3/5 (1 Recensione)

Quaglie ripiene di frutta secca: un mix straordinario di sapori

Oggi voglio parlarvi di un secondo che è un vero trionfo di gusto. Le quaglie ripiene di frutta secca e cavolfiore al forno sono un fantastico inno ai sapori e ai colori. Ideale per gli intolleranti al lattosio e per i celiaci, questo piatto rappresenta una vera chicca per intenditori.

Ogni volta che lo presento in tavola alla famiglia o agli amici, conquista praticamente tutti. Non è davvero il caso di stupirsi dato che si tratta di un secondo raffinatissimo! Partiamo con dire due parole sul cavolfiore.

Il cavolfiore viene oggi largamente coltivato in Italia, specialmente nelle regioni centrali. È un tipo di cavolo selezionato piuttosto che per le foglie per i fiori, che diventano carnosi e sono commestibili. Il cavolfiore può venire surgelato con ottimi risultati; perciò è possibile raccogliere e conservare anche le infiorescenze che non vengono utilizzate immediatamente prima che vadano a seme.   Si trova tutto l’anno, ma l’apice della produzione va da novembre a febbraio.

Scegliete cavolfiori bianchi, non anneriti in superficie e con il fiore ben serrato. Un segno di freschezza è dato dalla presenza di qualche foglia verde. Conservatelo avvolto in un sacchetto di plastica nel cassetto delle verdure del frigorifero. Lavatelo accuratamente prima dell’uso. Il cavolfiore è ricco in vitamina C e di potassio; contiene inoltre discrete quantità di calcio e fosforo.

Ricetta quaglie ripiene

Preparazione quaglie ripiene

  • Tritate nel mixer i fichi, le albicocche disidratate, le mandorle, il cipollotto e il cumino in polvere.
  • Trasferite tutto in una bacinella e regolate di sale e di pepe nero.
  • Lavata le quaglie ed eliminate le eventuali piume.
  • Poi riempite le quaglie utilizzando il mix di frutta secca e mettetele in una pirofila da forno.
  • Mettete in una bacinella il miele, l’olio e l’aceto di vino. Emulsionate tutti gli ingredienti utilizzando una forchetta.
  • Spennellate le quaglie con l’emulsione ottenuta, infine regolate di sale e di pepe.
  • Fate cuocere le quaglie nel forno già caldo a 180°C per circa 45/50 minuti.
  • Per il contorno di cavolfiori procedete in questo modo. Pulite i cavolfiori e tagliate le cimette a fette spesse 1 cm.
  • Distribuite le fette su una teglia ricoperta da carta forno.
  • Spennellate i cavolfiori con dell’olio.
  • Poi tritate finemente le erbe aromatiche e distribuitele sulla superficie dei cavolfiori.
  • Fate cuocere nel forno già caldo a 180°C per circa 30 minuti.
  • Servite le quaglie appena sfornate accompagnandole con i cavolfiori cotti al forno.

Per le quaglie ripiene:

  • 4 quaglie,
  • 10 fichi disidratati,
  • 10 albicocche disidratati,
  • 80 gr. di mandorle spelate,
  • 1 cipollotto,
  • 1 cucchiaino di cumino in polvere,
  • 3 cucchiai miele di castagno,
  • 4 cucchiai olio extravergine di oliva,
  • 1 cucchiaio aceto di riso,
  • q. b. di sale e pepe nero

Per il cavolfiore:

  • un cavolfiore bianco,
  • un cavolfiore viola,
  • 1 rametto di rosmarino,
  • 3-4 rametti di timo,
  • 4-5 foglie di salvia,
  • 1 ciuffo di prezzemolo,
  • q. b. di sale fino e pepe nero

Alla scoperta della carne di quaglia

La ricetta delle quaglie ripiene di frutta secca si avvale di un tipo di carne davvero prezioso. Citata addirittura nel libro dell’Esodo la carne di quaglia, della quale l’Italia è uno dei maggiori produttori, è contraddistinta da un elevato contenuto proteico. Molto importante, inoltre, è citare il basso tenore di grasso.

Nota per il suo alto livello di digeribilità, si distingue anche per lo scarso contenuto di colesterolo. Come sceglierla al meglio? Il primo consiglio da ricordare al proposito riguarda il controllo della pelle, che deve essere di colore rosa chiaro, oltre che tesa e asciutta.

Fondamentale è ricordare che la carne di quaglia da evitare è quella che al tatto si presenta molle ed è caratterizzata da pelle rugosa e con macchie. Considerata un materia prima povera ma genuina, la carne di quaglia, come è chiaro da questa ricetta, si presta a numerose preparazioni, una più buona dell’altra.

Proprietà e valori nutrizionali del miele di castagno

Gli ingredienti di queste quaglie ripiene di frutta secca comprendono anche il miele di castagno. Quali sono le sue proprietà? La prima cosa da ricordare è che è estremamente ricco di proteine.

Fondamentale, inoltre, è il contenuto di vitamine del gruppo B e del gruppo C. Quando si parla dei suoi benefici, è essenziale chiamare in causa l’efficacia anti infiammatoria e quella anti batterica.

Diversi studi hanno sottolineato come la sua assunzione rappresenti una valida alternativa contro alcuni microbi, in particolare lo staffilococco aureus. Da citare sono anche le proprietà antiossidanti, superiori a quelle di altri mieli.

Ora non rimane che mettersi all’opera: basta davvero poco per preparare questo secondo delizioso, adatto agli intolleranti al lattosio ma prima di tutto a chi ama mangiare bene, godendosi ogni singolo piatto e il gusto degli ingredienti. Vi assicuro che non rimarrete delusi e che i vostri ospiti vi chiederanno il bis!

Come preparare il cavolfiore

Il cavolfiore gioca un ruolo importante per la ricette delle quaglie ripiene di frutta secca, infatti funge da contorno leggero e squisito. Per prepararlo è sufficiente pulire i cavolfiori e tagliarne le cime in fette spesse 1 cm. Le fette vanno poi posizionate su una teglia foderata con carta da forno, infine vanno spennellate con un po’ di olio, arricchite con erbe aromatiche e cotte per una buona mezz’ora.

Questo semplice procedimento valorizza il sapore leggero e corposo dei cavolfiori senza comprometterne le proprietà nutrizionali. Nello specifico il cavolfiore fornisce una notevole quantità di vitamina C, necessaria per la salute del sistema immunitario. Stesso discorso per la vitamina K, essenziale per la coagulazione del sangue e per la salute delle ossa.

Il cavolfiore contiene anche vitamine del gruppo B (come folati), importanti per la formazione del DNA e per la salute delle cellule. Il cavolfiore, inoltre, è una buona fonte di fibre, che supportano la digestione e possono aiutare a regolare il livello di glucosio nel sangue. Inoltre è ricco di composti fitochimici che possono ridurre l’infiammazione e promuovere la salute del cuore.

Come cuocere le quaglie al forno ripiene

In molte ricette la quaglia va marinata prima di essere sottoposta a cottura, tuttavia in questo caso è sufficiente arricchirla con alcuni ingredienti di supporto, poi va farcita e cotta al forno. In particolare è necessario preparare un’emulsione a base di miele, olio e aceto, da spennellare sulla superficie delle quaglie. Infine si cuoce nel forno già caldo a 180 gradi per 45-50 minuti.

In questo modo le quaglie risulteranno vagamente croccanti fuori e morbide dentro. Allo stesso tempo avranno un aspetto traslucido e brillante.

Un piccolo consiglio: durante la fase di cottura può capitare che la quaglia rilasci dei succhi. Questi vanno raccolti con un cucchiaio e utilizzati per irrorare la carne. Questo accorgimento evita che la carne si secchi, rendendola così più succosa e piacevole al palato.

Tante spezie ed erbe aromatiche per la quaglia ripiena

Tra i punti di forza della ricetta delle quaglie ripiene al forno spicca l’abbondanza di spezie ed erbe aromatiche, che vengono chiamate in causa in tutte le fasi del procedimento.

Nello specifico, il cumino viene impiegato per arricchire la farcitura. Invece il rosmarino, il timo, la salvia e il prezzemolo vengono impiegati per arricchire i cavolfiori.

Il cumino ha un sapore terroso e leggermente amaro, con un retrogusto caldo e piccante che risulta perfetto per piatti ricchi e speziati, come le quaglie ripiene di frutta secca.

Il rosmarino offre note pungenti e leggermente amare, inoltre il suo profumo intenso valorizza le ricette a base di carne e verdure. Il timo, invece, presenta un gusto fresco con sfumature di menta e limone, aggiungendo complessità ai piatti La salvia ha un sapore corposo e leggermente pepato con accenti di eucalipto, risulta quindi un aroma ideale per piatti di carne e piatti ripieni. Il prezzemolo, infine, è fresco e leggermente amaro, un gusto che rinfresca e bilancia i sapori più pesanti nei piatti.

FAQ sulle quaglie ripiene

Quanto va cotta la quaglia?

La quaglia si cuoce al forno in circa 20-25 minuti ad una temperatura di 200 gradi. In alternativa è possibile abbassare la temperatura a 180 gradi e prolungare la cottura per altri 10 minuti. È importante che la carne risulti dorata all’esterno e tenera all’interno. La cottura può variare leggermente in base alla dimensione degli uccelli e al tipo di forno.

Come si pulisce la quaglia?

Per pulire una quaglia si inizia eviscerando l’animale, ossia rimuovendo le interiora attraverso un taglio all’addome. Poi si risciacqua l’interno e l’esterno con acqua fredda. Le eventuali piume residue vanno rimosse e i peli bruciati sulla fiamma. Infine si tagliano la testa e le zampe prima della cottura.

Come marinare le quaglie?

Per marinare le quaglie si prepara una miscela di olio d’oliva, succo di limone, aglio tritato ed erbe aromatiche (rosmarino o timo, sale e pepe). Le quaglie vanno immerse nella marinatura, assicurandosi che siano completamente coperte, poi si lasciano riposare in frigorifero per almeno un’ora (o meglio per tutta la notte). In occasione di questa ricetta, considerando la lunga cottura al forno, la marinatura non è necessaria.

Quante calorie hanno le quaglie ripiene?

L’apporto calorico delle quaglie ripiene dipende dallo stesso ripieno e dal metodo di cottura. In questa ricetta il ripieno è abbondante, quindi si può stimare un apporto calorico pari a 400 kcal a porzione.

Ricette con le quaglie ne abbiamo? Certo che si!

3/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie gras

Crostini di foie gras, l’antipasto elegante per Capodanno

Perché è meglio usare la baguette? Quale pane utilizzare per i crostini di foie gras? Stiamo parlando di una specialità francese, dunque la baguette è d’obbligo, tra l’altro la baguette si...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...

Nocchiata

Nocchiata, il dolce natalizio della cucina romana

Quale frutta secca usare per la nocchiata? La ricetta della nocchiata, benché molto antica, è declinata in diverse varianti. L’elemento di differenziazione più importante è proprio la frutta...