bg header
logo_print

Emulsione all’aglio nero: una salsa raffinata

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Emulsione all aglio nero
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 5 min
cottura
Cottura: 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.5/5 (35 Recensioni)

Benvenuti nel cuore di un’esperienza culinaria gourmet, dove il sapore unico dell’aglio nero si fonde con l’arte dell’emulsione, creando una salsa eccezionale che soddisferà i vostri sensi e promuoverà il vostro benessere. Scoprirete come questo ingrediente affascinante si trasforma in una salsa raffinata che può arricchire una varietà di piatti, offrendo una nuova dimensione di gusto e una serie di benefici per la salute. Pronti a immergervi in ​​un viaggio culinario che vi conquisterà al primo assaggio?

L’aglio nero, celebre per le sue proprietà benefiche e il suo sapore unico, è al centro di un’esperienza culinaria straordinaria: l’emulsione all’aglio nero. Questa salsa è molto di più di un semplice condimento. È un viaggio gustativo che abbraccia una vasta gamma di piatti, dalla carne bianca ai piatti vegetariani. Scoprite il mondo dell’emulsione all’aglio nero e lasciatevi conquistare dalla sua versatilità, dal suo gusto irresistibile e dalle sue proprietà salutari.

Ricetta Emulsione all’aglio nero

Preparazione Emulsione all’aglio nero

Per la preparazione dell’emulsione all’aglio nero partiamo con sbucciare gli spicchi d’aglio. Versate nel bicchiere del frullatore, azionate qualche minuto e aggiungete l’olio a filo, l’acqua tiepida, sale e pepe.

Frullate fino ad ottenere una crema fluida. Filtrate ed è pronta! Io la utilizzo per condire primi piatti gustosi.

Ingredienti Emulsione all’aglio nero

  • 6 spicchi di aglio nero di Voghiera DOP
  • 50 ml acqua tiepida
  • 30 gr di olio extravergine di oliva
  • un cucchiaino di peperoncino (facoltativo)
  • un pizzico di sale e pepe

L’Aglio nero: un ingrediente versatile dalle proprietà straordinarie

L’aglio nero, noto per le sue proprietà benefiche per la salute e il suo sapore unico, è diventato una star culinaria in tutto il mondo. Chef di fama internazionale lo inseriscono regolarmente nelle loro creazioni, facendone il protagonista di molte ricette. Questo ingrediente affascinante può essere utilizzato in una varietà di modi, aggiungendo profondità e complessità ai piatti.

Un esempio straordinario dell’utilizzo dell’aglio nero è l’emulsione all’aglio nero, una salsa raffinata e deliziosa che incanterà il vostro palato sin dal primo assaggio. Questa salsa è particolarmente apprezzata per accompagnare carni bianche, ma il suo potenziale va ben oltre. È una scelta eccellente per chi ha intolleranze alimentari, come il lattosio, il nichel o il glutine, e per i celiaci, poiché offre un’alternativa saporita e priva di allergeni.

Un mondo di benefici da scoprire

Oltre al suo straordinario sapore, l’aglio nero offre una serie di benefici per la salute. È noto per le sue proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie, che possono contribuire a sostenere il sistema immunitario ea migliorare la salute cardiaca. Inoltre, è stato studiato per il suo potenziale nel migliorare la circolazione sanguigna e la salute cerebrale.

Siamo entusiasti di condividere queste informazioni e di aiutarvi a scoprire tutte le meraviglie dell’aglio nero. La sua versatilità in cucina e i suoi numerosi vantaggi per la salute lo rendono un ingrediente eccezionale da includere nella tua dieta. Speriamo che apprezziamo questa emulsione all’aglio nero e che continuiamo ad esplorare le infinite possibilità che questo ingrediente ha da offrire.

Emulsione all aglio nero

Emulsione all’ Aglio nero, un alimento che favorisce il benessere

L’aglio nero è considerato un super alimento per via dell’alto contenuto di antiossidanti, decisamente superiore rispetto all’aglio normale. Ma come viene ottenuto? Con un processo molto simile alla fermentazione, che determina una diminuzione del contenuto di allicina.

In questo modo si agisce diminuendo gli effetti antibatterici ma si potenzia la concentrazione di antiossidanti, che è come ben si sa congeniale dal punto di vista della prevenzione dei tumori e del contrasto ai radicali liberi, la cui azione è la principale responsabile dell’invecchiamento dei tessuti.

L’aglio nero, quindi, oltre che un fantastico elisir di salute è anche un alleato speciale della bellezza!

aglio nero

Tutte le proprietà dell’aglio nero: non solo efficacia antiossidante

L’aglio nero fermentato ha guadagnato una popolarità speciale tra gli appassionati di cucina per via di proprietà benefiche che sono davvero sorprendenti. Scriverne in maniera completa vorrebbe dire occupare pagine e pagine!

Io posso solo limitarmi ad approfondire quanto già iniziato e ricordare che l’aglio nero non è solo un portentoso antiossidante, ma anche un’ottima fonte di calcio (questo minerale è presente in quantità sette volte superiori rispetto a quanto si può trovare nell’aglio tradizionale).

L’aglio nero contiene anche tantissimo fosforo, un minerale che ottimizza l’assorbimento del calcio e che consente di apprezzare importanti benefici alle ossa e alla vista.

Davvero potrei continuare aggiungendo ancora tantissimi altri vantaggi legati all’assunzione dell’aglio nero, ma voglio concludere ricordando che è un valido alleato della salute del cuore in quanto tiene sotto controllo il colesterolo e che aiuta tantissimo il metabolismo del glucosio!

L’aglio di buona qualità è sodo, con spicchi ben attaccati alla membrana cartilaginea e privi di macchie scolorite. In alcune stagioni è difficile trovare aglio perfetto e se si è costretti ad usare spicchi non freschissimi bisogna togliere accuratamente tutte le chiazze sbiadite, perché in questi punti l’aglio ha cattivo sapore e rovinerebbe qualsiasi piatto.

La storia dell’aglio

Un tempo in Inghilterra l’aglio era senz’altro più usato che adesso perché oggi molta gente non ne fa uso per ragioni “sociali”. Nel Nord America è lo stesso. Questo non è un fattore importante nei paesi dove tutti lo adoperano … anche se i treni zeppi di lavoratori che hanno divorato aglio crudo a colazione possono risultare alquanto soffocanti. Però l’aroma più lieve dell’aglio cotto si nota appena e pare che bere del vino rosso migliori ulteriormente la situazione.

L’aroma dell’aglio è acuto e non si può descrivere facendo paragoni con la cipolla. In molti nel tentativo di classificare gli aromi hanno messo gli « odori all’aglio » tra quelli fondamentali. Quando lo si mangia crudo, l’aglio è aromatico e piccantissimo, come nelle fortissime salse d’aglio crudo (ad esempio e la skordalia della Grecia). In quantità minori ha soltanto aroma ma non è piccante, e la quantità costituisce sempre un problema. La cucina italiana è maestra nell’uso dell’aglio: basta pensare al pesto genovese, alla bagna cauda piemontese e alle puntarelle romane con salsa, appunto, di aglio, olio e alici.

L’aglio cotto ha un aroma piuttosto diverso da quello crudo e si hanno interessanti risultati quando si uniscono in una pietanza aglio cotto e aglio crudo. Per questa ragione una zuppa di pesce che già contiene aglio cotto si può servire con crostoni sfregati con aglio crudo. Nelle ricette per la salsa catalana, metà dell’aglio si può arrostire prima mentre l’altra metà si può adoperare cruda.

L’aglio si adopera nella cucina d’ogni giorno in tutta l’Europa meridionale, nel Medio ed Estremo Oriente, in Africa, nelle Indie Occidentali, in Messico e in Sudamerica. Si amalgama con ogni tipo di carne, selvaggina, pesce, crostacei, funghi e con la maggior parte delle verdure e delle erbe.

Si usa spesso insieme al prezzemolo e ai funghi, e di questi ultimi sembra far sprigionare assai meglio l’aroma. Probabilmente sarebbe più facile elencare i piatti in cui l’aglio non ci vuole, che fare l’opposto. Dopo la cipolla, l’aglio è probabilmente la più grande scoperta d’aroma fatta dall’uomo, ed è significativo il fatto che ha un ruolo importante in tutti i paesi che hanno la cucina migliore, a partire dalla Francia per finire alla Cina.

Adesso è il vostro momento! Non avete già voglia di correre in cucina a preparare questa emulsione?

La conservazione dell’aglio nero

Per quanto riguarda la conservazione dell’aglio nero, ecco alcuni suggerimenti:

  • Avvolgi ogni spicchio di aglio nero in un foglio di carta pergamena o pellicola di alluminio. Questo aiuterà a mantenere il suo sapore e a proteggerlo dagli odori indesiderati.
  • Conserva l’aglio nero in un luogo fresco e asciutto, come una dispensa o un armadio da cucina. Evitare di esporlo alla luce diretta del sole o a temperature troppo elevate.
  • Se preferisci, puoi mettere gli spicchi di aglio nero in un contenitore ermetico, come un barattolo di vetro con coperchio ermetico. Assicurati che il contenitore sia ben pulito e asciutto prima di metterci l’aglio.
  • L’aglio nero può assorbire l’umidità ambientale, quindi assicurati che il contenitore sia ermeticamente chiuso per evitare che diventi troppo appiccicoso.
  • Anche se l’aglio nero è più stabile rispetto all’aglio fresco, è una buona idea consumarlo entro un periodo ragionevole per mantenere il suo sapore e la sua consistenza migliori.

Con questi accorgimenti, dovrebbe essere in grado di conservare l’aglio nero in modo da poterlo utilizzare nelle tue ricette e continuare a deliziarti con il suo gusto unico. Spero che tu ti diverti a sperimentare con nuove ricette e a scoprire modi creativi per gustare l’aglio nero.

3.5/5 (35 Recensioni)
Riproduzione riservata

15 commenti su “Emulsione all’aglio nero: una salsa raffinata

  • Ven 19 Mar 2021 | Nicola ha detto:

    La ricetta più sbagliata e ridicola della storia. Ma per favore.

    • Ven 19 Mar 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buonasera Nicola accetto le critiche quando sono costruttive. Secondo lei dove e perchè è errata?

    • Ven 10 Giu 2022 | Giuseppe ha detto:

      Purtroppo di quelli come te è pieno il mondo, buoni solo a criticare ma non a costruire. Sono quelli che hanno problemi con se stessi, sgomitano e cercano solo di farsi ascoltare, di mettersi in evidenza, perchè nessuno se li fila. Non ti piace la ricetta? non farla e piantala lì.

      • Ven 10 Giu 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

        Giuseppe concordo con te ma purtroppo capita spesso che ci siano commenti che non hanno ne un capo ne una coda

        Grazie per il sostegno

  • Dom 20 Feb 2022 | Mirna Paoletti ha detto:

    Per me è risultata perfetta!!!! Volendo al posto dell’ acqua tiepida si può usare un brodo vegetale leggero. Grazie e ciao

    • Dom 20 Feb 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Mirna credo proprio che tu abbia ragione e anche un brodo vegetale leggero ci sta bene. A noi piace molto

    • Ven 10 Giu 2022 | Giuseppe ha detto:

      Io a posto dell’acqua ho messo un’aceto di vino, quelli veri e non quelli da supermercato, è venuto un condimento meglio dell’ aceto balsamico di Modena.

  • Sab 12 Mar 2022 | L ha detto:

    Come fate ad emulsionare acqua e olio vorrei saperlo.
    L’ho provata, è rimasta liquida e sapeva troppo di olio extra.
    Pessima ricetta

    • Lun 14 Mar 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno mi spiace che non le sia piaciuta. I nostri ospiti hanno gradito. E’ in grado di dare qualche consiglio per poterla migliorare?

    • Sab 24 Dic 2022 | alessandro ha detto:

      hai messo troppa acqua probabilmente, portala a bollore e lega con un po’ maizena precedente sciolta in acqua, così da ottenere una consistenza più congeniale

  • Gio 18 Ago 2022 | Thomas ha detto:

    Ottima semplice ricetta…io mi faccio ogni anno l aglio ma utilizzo un altra ricetta che comunque assomiglia…quindi complimenti 10+

  • Dom 17 Set 2023 | Laura ha detto:

    Buona sera
    Ho appena sfornato l’aglio nero dopo vari tentativi, è riuscito benissimo, il sapore ricorda la liquirizia, l’aceto balsamico, sono partita dall’aglio di RESIA presidio slow food, è un aglio molto “elegante”, digeribilissimo , dolce.
    Vorrei sapere come conservarlo, proverò sicuramente la sua ricetta, mi sta già venendo l’acquolina in bocca😃
    Grazie mille
    Laura

    • Mar 19 Set 2023 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno ho aggiunto un paragrafo che parla della conservazione. Buona giornata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

pasta di tamarindo

Pasta di tamarindo, un condimento per la carne...

La pasta di tamarindo per le ricette salate La pasta di tamarindo conferisce una nota agrodolce ai piatti, proprio per questo viene utilizzata per insaporire la carne e il pesce. Tuttavia vanta...

Chutney al tamarindo

Chutney al tamarindo, la salsa agrodolce per carne...

Scopriamo insieme le proprietà del tamarindo Vale la pena approfondire il tamarindo, protagonista indiscusso di questo chutney. E’ un frutto diverso dagli altri, sia per l’aspetto che per il...

salsa al rafano

Salsa al rafano, l’intingolo scandinavo per le carni...

Le proprietà del rafano Vale la pena parlare del rafano, che è il vero protagonista di questa salsa. E’ una radice molto versatile che, se opportunamente grattugiata, può fungere da spezia o da...