Strangozzi al limone, gamberi e zucchine

strangozzi al limone, gamberi e zucchine
Commenti: 0 - Stampa

Chi ama la pasta e i sapori di mare che si uniscono con il gusto delle verdure, dovrebbe assolutamente assaggiare gli strangozzi al limone, gamberi e zucchine! Questa tipologia di pasta lunga si presta perfettamente al tipo di preparazione, innalzando il valore e la gustosità di questo piatto. Le caratteristiche principali di questa ricetta? Pochi semplici ingredienti… per una pietanza favolosa!

Portarla in tavola non sarà difficile e avrete a che fare con un primo in grado di conquistare anche i bambini, nonché i palati più esigenti, facendovi fare un figurone con tutti gli ospiti. Ma prima di preparare questo magnifico incrocio di sapori, andiamo a scoprire quali sono gli ingredienti principali e le loro inconfondibili peculiarità…

Un piatto di pasta fatto di alimenti sani e genuini

Uno degli ingredienti principali di questa ricetta è decisamente la pasta. In questo caso, parliamo degli strangozzi di Gragnano al limone, prodotti grazie a tecniche uniche e fatte di tradizione, e a materie prime genuine e di qualità. Con questi presupposti, possiamo preparare un piatto sostanzioso, nutriente, digeribile e ricco di nutrienti come carboidrati e fibre, utili per saziarci, darci energia e favorire un corretto funzionamento del nostro intestino.

Usare una pasta così gustosa e artigianale, ci permette di preparare la ricetta degli strangozzi al limone, gamberi e zucchine con molta più soddisfazione e tranquillità. Tuttavia, non possiamo di certo sottovalutare l’importanza dei gamberoni argentini freschi, che daranno al nostro piatto un sapore ancor più unico e un ulteriore apporto di sostanze nutritive, quali minerali, vitamine e proteine magre, che potranno promuovere la salute del nostro organismo sotto molti punti di vista.

Lo stesso vale per le zucchine e l’olio extra vergine di oliva: potranno regalare al pasto notevole proprietà antiossidanti, tanta energia e un sapore delicato, ma allo stesso tempo coinvolgente. Entrambi gli ingredienti possono fare la differenza e donare un valore aggiunto alla pietanza. Verdure e gamberi vanno sempre d’accordo, sia per quanto riguarda il gusto, che per tutto il nutrimento che insieme possono garantirci!

Strangozzi limone gamberi e zucchine

Pronti per assaporare gli strangozzi al limone, gamberi e zucchine?

Insomma, non possiamo fare altro che ammettere che questo piatto è speciale per moltissimi aspetti: ci propone un abbraccio di sapori da non perdere e un notevole supporto per il nostro organismo, rinforzandolo e promuovendone la salute. Prepararlo non è difficile e si rivelerà un piatto adatto per qualunque stagione e occasione, che potrà risultare ancor più apprezzabile se accompagnato da un prestigioso vino bianco.

Detto questo, non vi resta che assaporare al più presto un buon piatto di strangozzi al limone, gamberi e zucchine. Qui di seguito, trovate la lista completa degli ingredienti e le modalità di preparazione. Non dimenticate di prediligere alimenti sani, freschi e di qualità… Ne varrà sicuramente la pena: potrete godere di un maggior apporto di nutrienti e di una gustosità ancora più accentuata!

Ed ecco la ricetta per gli strangozzi al limone, gamberi e zucchine

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr Strangozzi Gragnano al limone
  • 8 gamberoni argentini freschi
  • 2 zucchine Napoli medie
  • 4 cucchiai olio extravergine oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Sgusciate e togliete il filo di intestino lungo la schiena dei gamberi, e tagliateli a pezzettini. Con un pela patate ricavate delle tagliatelle dalle zucchine, utilizzando solo la parte verde e tenendola da parte.

Tagliate la polpa delle zucchine a cubettoni e fatela stufare a fuoco moderato con un cucchiaio di olio un pizzico di sale e un bicchiere di acqua per circa 10 minuti. Una volta cotta, frullatela fino ad ottenere una crema omogenea.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata per 11 minuti circa e poi scolatela al dente. Nel frattempo, fate rosolare in una padella antiaderente ben calda i gamberi tagliati a pezzetti, con due cucchiai di olio un pizzico di sale e pepe.

Aggiungete le tagliatelle di zucchine e fate rosolare il tutto per alcuni minuti. Aggiungete la crema di zucchine e lasciate insaporire il condimento per 1 minuto circa.

Mantecate la pasta al dente con il condimento e completate il piatto aggiungendo a vostro piacere del prezzemolo fresco tritato.

5/5 (396 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-06-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti