Lime: il frutto esotico spesso confuso con il limone

lime ChiaraZoppei

Il lime rappresenta uno dei frutti più commercializzati al mondo: il suo sapore “frizzante” e fresco è in grado di conferire sapore e dolcezza a qualsiasi preparazione.

Non è un caso che, molto spesso, esso sia confuso con il limone: la sua larga diffusione sul mercato, il suo aspetto, il suo sapore, tutto del lime evoca il limone.

In verità, il lime non rappresenta un termine non convenzionale con il quale ci si vuole riferire al limone, e non è, tanto meno, un neologismo, ovvero un termine di nuova formazione.

Il lime è un frutto che proviene da molto lontano e che abbiamo imparato ad apprezzare anche da noi, grazie all’importazione.

Lime versus limone: le proprietà nutritive messe a confronto

I valori nutrizionali del lime non ci portano in verità molto lontano rispetto al limone: entrambi contengono un elevato tenore di vitamine, specie del gruppo C ed una buona quantità di sali minerali, potassio in particolare, che nel limone arriva a toccare persino i 138 mg, qualcosa in meno nel lime.

Il lime possiede, volendo scendere nel dettaglio, un contenuto lievemente inferiore di vitamina C rispetto al limone, ma si rifà su quello relativo alla vitamina A, che nel lime è presente in quantità leggermente superiori.

Entrambi condividono analoghe proprietà curative, che li rendono apprezzabili alimenti deputati al benessere del nostro organismo.

Potente antiossidante utile per la difesa del nostro sistema immunitario, il lime è, infatti, molto di più che un semplice, sia pur ottimo, ingrediente “da cucina”: esso suggella vere e proprie proprietà curative, tra le quali quella di prevenire l’insorgenza di calcoli e tumori, specie a carico dell’apparato gastro-intestinale, nonché quella di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

La grande diffusione nella nostra cucina del “tocco esotico” del lime

Una delle ragioni per le quali il lime è tanto utilizzato per la preparazione di dolci, drink, succhi di frutta, creme, ma finanche patate fritte in sacchetto, carni e pesce, è la capacità di questo piccolo frutto di conferire al gusto quel tocco in più, esotico e, in quanto insolito, molto apprezzato.

Il lime, per via della possibilità di utilizzarne sia il succo che la buccia, è molto versatile, e ben si presta ad essere utilizzato con facilità un po’ ovunque. L’abbinamento che se ne fa con il salato rende molti piatti agrodolci, una declinazione di gusto questa che sembra trovare, specie di recente, grande apprezzamento nella popolazione dei consumatori.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *