Quiche di ricotta e bietola: la delizia che nutre

Quiche di ricotta e bietola
Commenti: 0 - Stampa

Quiche di ricotta e bietola: la delizia che nutre

Ci sono ingredienti che vanno a vantaggio della nostra salute, lo sappiamo bene. Il monito di consumare verdura è ormai ampiamente diffuso al punto che non vi è chi non appronti in cucina delle preparazioni che vedono un tipo di verdura o un’altra quale ingrediente base di piatti anche molto raffinati. Il modo migliore di accompagnare la verdura è farlo con la ricotta: essa, a motivo della sua morbidezza, ben si presta a nutrire e dare corposità a molte preparazioni. Gustosa, morbida, essa davvero ben si concilia con i gusti di tutti, rendendo appagante dal punto di vista organolettico e salutare ogni pietanza. Scopriamo tutte le proprietà benefiche di questa ricetta: la quiche di ricotta e bietola.

Ricotta: fonte di calcio e non solo

Che la ricotta sia ricca di calcio non è certo una novità ma che essa assurga oggi, a dispetto delle sue umili origini, a formaggio tra i più nobili che il mercato metta a nostra disposizione, questo, probabilmente, potrà risultare a molti una novità.

Il motivo per il quale la ricotta, specie quella di vacca, è particolarmente apprezzata sta nella quantità di proteine che essa contiene, nettamente superiore rispetto a quella dei comuni formaggi, ma non è solo questo a renderla particolarmente appetibile agli occhi dei consumatori.

Quello che meraviglia è il contenuto lipidico, notevolmente inferiore a quello dei formaggi spesso presenti sulle nostre tavole, nonché la quantità di proteine ad altissimo valore biologico in essa contenute.

Bietola: miniera di potassio e di ferro

La verdura è ricca di sali minerali e ferro: si tratta di un mito da sempre esistito, quello che sta alla base della preferenza da accordare alla verdura rispetto ad altri cibi.

La bietola poi, tra tutte le tipologie di verdure, è consigliata soprattutto in ragione dell’alto contenuto di carotenoidi, vitamina C ed antiossidanti in essa celate.

Un altro motivo per il quale essa è da prediligere, in particolare dalle donne in gravidanza, risiede nella presenza di acido folico, indispensabile per lo sviluppo di tutte le cellule, ed, in particolare di quelle del feto.

Il connubio tra ricotta e bietola è davvero eccezionale: tra le preparazioni che possono essere realizzate vi è la quiche di ricotta e bietola, un piatto carico di sapore e ricco di importanti nutrienti per il nostro organismo.

Ed ecco la ricetta della Quiche di ricotta e bietola

Ingredienti per 4/6 persone

  • 1 rotolo di pasta sfoglia consentita
  • 450 gr bietola già mondata
  • 350 gr ricotta Accadi
  • 4 cucchiai parmigiano grattugiato stagionato 24 mesi
  • 2 tuorli
  • 6 fettine bacon
  • q.b. sale

Preparazione

In una ciotola versate i tuorli e sbatteteli leggermente con un pizzico di sale; aggiungete poi la ricotta, il parmigiano e amalgamate con cura.

Scolate le bietole e lasciatele intiepidire; strizzatele poi con cura per eliminare tutta l’acqua di cottura in eccesso.
Unite le bietole spezzettate al composto di ricotta e mescolate per bene sino ad ottenere un composto omogeneo. Salate, pepate e aggiungete il vino bianco. Mescolate ancora con cura.

In una padella antiaderente adagiate le fettine di bacon e arrostitele senza aggiunta di grasso; togliete dal fuoco quando saranno ben croccanti.
Stendete la pasta preparata precedentemente in una sfoglia di circa mezzo centimetro di spessore e adagiatela con cura in una tortiera del diametro di 24-26 cm rivestita con carta da forno. Punzecchiate il fondo e le pareti con i rebbi di una forchetta.

Srotolate la pasta sfoglia e stendete sul fondo di una teglia con la sua carta da forno. Sistemate delle fettine di bacon croccante. Versatevi sopra il composto di ricotta e bietole e livellate con cura la superficie. Ripiegate i bordi della pasta sfoglia verso il centro, quindi cuocete in forno già caldo a 180° per 45 minuti.

A cottura ultimata, togliete dal forno, lasciate riposare qualche minuto, quindi sformate e servite.

5/5 (384 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Wraps con barbabietole e formaggio

Wraps con barbabietole e formaggio, un piatto insolito

Wraps con barbabietole e formaggio per valorizzare le tortillas. Le wraps con barbabietole e formaggio sono un’idea molto interessante per un finger food corposo, ricco di sapore e nemmeno troppo...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Quesadillas con pollo

Quesadillas con pollo per valorizzare le celebri tortillas

Quesadillas con pollo, un finger food da leccarsi i baffi Le quesadillas con pollo sono uno splendido esempio di finger food messicano. Ne sono anche l’esponente più semplice, visto che rispetto...

Crostata tricolore con fiocchi di latte

Crostata tricolore con fiocchi di latte, davvero ottima

Crostata tricolore con fiocchi di latte, ricetta che stuzzica il palato La crostata tricolore con fiocchi di latte è una quiche dal sapore suggestivo, che coniuga una leggerezza spiccata con un...

Friselle con peperoni e formaggio

Friselle con peperoni e formaggio, un pasto sfizioso

Friselle con peperoni e formaggio di capra, ingredienti genuini Le friselle con peperoni e formaggio di capra sono un piatto unico o d'accompagnamento come secondo piatto davvero semplice e...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-01-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti