Le mini quiches alle bietole per il pranzo in ufficio

mini quiches alle bietole
Commenti: 0 - Stampa

Pranzo veloce? Ecco le mini quiches alle bietole, ricotta e mandorle.

Se siete alla ricerca di una ricetta facile e rapida da preparare, che sia senza glutine e priva di lattosio, le mini quiches alle bietole, ricotta e mandorle sono proprio quello di cui avete bisogno. Infatti, si presentano come delle piccole tortine salate, che si preparano in poco tempo. Si rivelano idonee per tutte quelle volte in cui dovete mangiare lontani da casa e/o magari sulla scrivania del vostro ufficio!

Sono nutrienti, gustose e perfette persino per le feste, gli aperitivi, le cene con gli amici e i picnic con la famiglia… Le mini quiches alle bietole conquistano anche i bambini! Insomma, avete proprio a disposizione una ricetta unica. Vi suggerisco di non scordarvela e di provarla al più presto. Potrete rendere migliore ogni pausa pranzo e persino completare egregiamente i vostri menu per le occasioni speciali. Sì, esatto: queste tortine salate sono veramente versatili!

Alla scoperta degli ingredienti principali della ricetta di oggi

Sicuramente, avrete assaporato più volte la bietola, ma la conoscete a fondo? A questo proposito, è utile sapere che ne esistono differenti tipologie. Le più note sono la bieta da taglio (chiamata anche “erbetta”) e la bieta da coste (detta semplicemente “costa”). In ogni caso, è importante considerare che possiamo trovare questo ortaggio in qualunque momento dell’anno. Perciò, non avrete problemi per la preparazione delle mini quiches alle bietole, ricotta e mandorle, e porterete in tavola tanta bontà e un sostanziale nutrimento.

Sappiate che 100 grammi di bietole propongono circa 19 kcal e una notevole quantità di acqua, fibre, sali minerali (soprattutto ferro e potassio) e vitamine (in particolare la C). Ci regalano inoltre ottime dosi di sostanze vegetali benefiche come i carotenoidi (principalmente luteina e betacarotene), la clorofilla e le saponine. Grazie a tutti questi componenti, l’ingrediente principale delle nostre mini quiches con ricotta e mandorle vanta interessanti proprietà antitumorali, digestive, diuretiche e depurative.

In più, promuove il corretto funzionamento dell’intestino e facilita l’eliminazione dei grassi e delle tossine accumulate nel corpo.

mini quiches alle bietole

Mini quiches alle bietole, ricotta e mandorle: le altre caratteristiche da non sottovalutare

Chiaramente, quello che vi ho detto finora è un buon punto di partenza. Infatti, queste informazioni potranno spronarvi a provare al più presto le mini quiches alle bietole, ma anche farvele gustare con più soddisfazione! Tuttavia, non possiamo di certo mettere da parte ciò che di buono ci propongono gli altri due ingredienti principali: la ricotta e le mandorle. Nel caso del latticino, potremo portare in tavola proteine ad alto valore biologico e un ulteriore apporto di vitamine e minerali.

Lo stesso vale per le mandorle, che offrono altresì una valida quantità di grassi sani, ovvero quelli a favore della salute dell’apparato cardiovascolare. Tra l’altro, questi semi oleosi sono ricchi di vitamina E. Questo significa poter contare su una notevole azione antiossidante nei confronti della pelle e dell’organismo in generale, promuovendo così la salute del corpo nella sua totalità. In poche parole, preparare le mini quiches alle bietole, ricotta e mandorle ci aiuta ad assimilare nutrienti importanti… senza mettere da parte il gusto!

Ed ecco la ricetta delle mini quiches alle bietole, ricotta e mandorle

Ingredienti per 4-5 mini quiches:

  • 1 rotolo di pasta briseè consentita
  • 1 cespo di bietole
  • 100 gr. di ricotta Accadi
  • 1 cucchiaio di farina di mandorle
  • 1 pezzetto di scalogno
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato stagionato 36 mesi
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale fino

Preparazione

Lavate e mondate le bietole, eliminando i gambi e tenendo solo la foglia verde. Fatele a pezzetti e lessatele appena, in una pentola con acqua bollente non salata. Scolate e fate raffreddare, strizzatele ben bene e mettetele un attimo da parte.

In una padella antiaderente, fate soffriggere leggermente l’olio con lo scalogno tritato finemente. Aggiungete le bietole cotte e fate saltare per alcuni minuti, salando a piacere e insaporendo così il tutto. Spegnete la fiamma e lasciate raffreddare.

Mettete le bietole cotte in un mixer insieme all’uovo leggermente sbattuto con il parmigiano, unite la ricotta e azionate, ottenendo un morbido composto. Aggiungete la farina di mandorle e salate ancora se vi sembra poco saporito.

Rivestite con la pasta briseè degli stampini da mini-quiche o mini-crostatina antiaderenti, leggermente unti e infarinati in precedenza. Riempite i gusci ottenuti col composto di bietole e, se vi avanza della pasta, create qualche decoro per abbellire le vostre mini-quiches.

Infornate in forno precedentemente riscaldato a 180°, con funzione statica per circa 15 minuti. Successivamente, lasciate cuocere per altri 5-10 minuti a modalità ventilata (le quiches devono dorarsi e gonfiarsi bene!).

Sfornatele e fatele leggermente raffreddare prima di consumarle. Sono ottime anche a temperatura ambiente… Facili da gustare a un brunch, un pic-nic e anche a scuola!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Schiscetta della studentessa

Schiscetta della studentessa, un pasto sano e veloce

Le pietanze della schiscetta della studentessa Oggi vi presento la schiscetta della studentessa, un vero e proprio menù, più che una pietanza. Una proposta gastronomica per chi, per un motivo o...

petto di anatra ed insalata

Pranzo in ufficio con petto di anatra ed...

Pranzo al volo con petto di anatra ed insalata. Se sei alla ricerca di un’idea golosa e pratica per l’ufficio, nutriente e particolare, questa ricetta del petto d’anatra ed insalata con mix di...

schiscetta pollo al curry

Schiscetta orientale con spiedini di pollo al curry

Una schiscetta ai profumi d’oriente. Oggi la schiscetta orientale con spiedini di pollo al curry. Un'idea molto golosa composta principalmente da due pietanze: gli spiedini di pollo al curry...

Club sandwich

Pranzo al sacco completo per gite fuori porta

Club sandwich, chips di frutta e mela: il pranzo al sacco è servito Gita scolastica in vista? Non sapete cosa preparare per i piccoli di casa? Nessun problema con questo pranzo al sacco, ricco e...

focaccia al rosmarino con tartare di salmone

La focaccia al rosmarino con tartare di salmone

Picnic con la focaccia al rosmarino, tartare di salmone. La focaccia al rosmarino con tartare di salmone per la tua gita!. Avete in programma un’uscita fuori porta o un picnic con tanto di...

cake salato alla zucca e olive

Cake salato alla zucca e olive verdi per...

Cosa mi porto a lavoro per pranzo? Ecco il cake salato che fa per te! Il cake salato alla zucca e olive verdi è uno dei piatti che vi consiglio di portare a lavoro. Sana e nutritiva, questa...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


22-04-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti