bg header
logo_print

Zucchine saporite, un contorno che porta il brio in tavola

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Zucchine saporite
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (5 Recensioni)

Le zucchine saporite, un contorno ricco e gustoso

Oggi portiamo il brio in tavola con le zucchine saporite. Le zucchine sono delle specie di cenerentola delle verdure, con un sapore un po’ terroso, a volte insipido e acquoso. Nei ricettari sono trascuratissime.

Invece sono molo amichevoli, si adattano meravigliosamente a tutto: uova, carni, pasta, senza sovrastare, ma accompagnando dolcemente i sapori.

Per queste zucchine saporite  ho voluto dare un po’ di brio alle sane e buone zucchine con l’uso delle spezie  e del peperoncino. E’ un piatto che può essere usato come contorno o come condimento per una buona pasta senza glutine.

Ricetta zucchine saporite

Preparazione zucchine saporite

  • In una padella scaldate l’olio e rosolate a fuoco basso l’aglio e lo scalogno.
  • Unite il peperoncino, i semi di coriandolo e di finocchio.
  • Poi aggiungete le zucchine e fatele rosolare bene. Infine aggiungete un po’ di sale.
  • Eliminate l’aglio.
  • Versate l’acqua e cuocete con coperchio a fuoco basso per circa 15 minuti.
  • Condite con le foglie di timo, poi eliminate i peperoncini, mescolate e servite.

Ingredienti zucchine saporite

  • 800 gr. zucchine tagliate a dadini non troppo piccoli
  • 1 scalogno tritato finemente
  • 1 spicchio aglio schiacciato
  • 2 peperoncini
  • 1/2 cucchiaino semi di coriandolo
  • 1/2 cucchiaino semi di finocchio
  • 3 cucchiai olio extravergine di oliva
  • 2 rametti di timo
  • q. b. di sale
  • 50 ml. di acqua.

Zucchine saporite, un contorno ricco

Oggi cuciniamo le zucchine saporite, un contorno semplice, nonché una ricetta facile e veloce da preparare, che esalta uno degli ortaggi principe della cucina italiana. Le zucchine vengono passate in padella, come accade per tante altre ricette, in compagnia di molte spezie, formando così un aromatico e suggestivo connubio di sapori. Il contorno è così ricco da essere usato anche come primo piatto leggero, proprio come avviene con le zucchine trifolate. D’altronde l’impiego dell’olio extravergine di oliva è molto moderato, infatti se ne utilizza quanto basta per cuocere l’ortaggio.

Specifico che la ricetta non è mia, bensì di Simonetta Nepi, che l’ha elaborata per Le Intolleranze? Le cuciniamo. Ho organizzato questo contest per dimostrare che le intolleranze si combattono a tavola cucinando. A dimostrarlo sono anche le zucchine saporite, che dal canto loro non contengono ingredienti cerealicoli né caseari, dunque sono perfette per chi soffre di sensibilità al glutine, celiachia e intolleranza al lattosio.

Quali zucchine utilizzare?

Si fa presto a dire zucchine, d’altronde le varietà in Italia abbondano. Quale tipo di zucchine utilizzare? In realtà vanno bene tutte, dunque sta a voi decidere tenendo ben presente le differenze sul piano organolettico. Potreste utilizzare le zucchine napoletane, che sono le più diffuse in assoluto. Questo tipo di zucchine presentano una buccia chiara e striata, inoltre sono voluminose ed hanno una polpa molto soda. Il sapore è corposo ed in grado di esprimere una certa dolcezza in seguito alla cottura.

Potreste utilizzare anche la zucchina nera, molto diffusa nel nord Italia. Il sapore è più leggero ma anche più aromatico, mentre la polpa è cedevole, a tal punto da favorire il consumo a crudo. Il tempo di cottura è inferiore rispetto alle zucchine napoletane, invece la texture è molto più morbida.

Potreste optare, infine, per le zucchine romanesche, che si caratterizzano per una spiccata croccantezza e per un sapore più sapido.

A prescindere dalla varietà, le zucchine eccellono per versatilità e proprietà nutrizionali. A fronte di un apporto calorico molto basso, regalano molte vitamine e sali minerali. Troviamo la vitamina C, essenziale per il sistema immunitario e per il corretto assorbimento del ferro. E’ presente anche il potassio, utile a regolarizzare la pressione del sangue. Le zucchine, poi, abbondano di fibre e acqua, sicché possono essere considerate sia depurative che digestive.

Le zucchine sono molto indicate anche per le diete dimagranti, non solo per il ridotto apporto calorico ma anche per la capacità di contenere la glicemia, un valore in genere associato al senso della fame. Inoltre, inducono un senso di sazietà, disincentivando i pasti fuori orario.

Quali spezie usare?

Tra i punti di forza delle zucchine saporite troviamo un vasto assortimento di spezie che supportano la cottura dell’ortaggio. Si inizia con lo scalogno e con l’aglio, poi si prosegue con il peperoncino. Ovviamente sta a voi decidere la varietà. Di base vanno bene tutti i tipi di spezie capaci di apportare aromi specifici e gradevoli. Il grado di piccantezza, però, potrebbe essere un problema, quindi bisogna tenere presente la tolleranza da parte dei commensali.

Molto indicati sono anche i semi di finocchio, che donano un tocco aromatico e allo stesso tempo delicato alla preparazione. Stesso discorso per i semi di coriandolo, che presentano foglie dal sapore più intenso e in grado di imporsi al cospetto di così tante spezie. Per chiudere, si utilizza a mo’ di guarnizione qualche foglia di timo, una spezia preziosa in quanto propone dei gradevoli sentori limonati.

Il ruolo dell’aglio e dello scalogno nelle zucchine saporite

Una delle peculiarità della ricetta delle zucchine saporite è la base, che consiste in un leggero soffritto di aglio e scalogno. La presenza di entrambi questi ingredienti, in genere considerati come “alternativi” l’uno rispetto all’altro, potrebbe far storcere il naso ai più salutisti. In realtà la combinazione appare davvero equilibrata.

D’altronde lo scalogno è sì simile alla cipolla, ma rispetto a quest’ultima propone sentori più leggeri e in grado di non appesantire. Va considerato, poi, che l’aglio viene tolto a fine preparazione, alleggerendo ulteriormente la preparazione.

Infine, non bisogna dimenticare che l’aglio e lo scalogno fanno bene alla salute se vengono consumati con moderazione. Apportano vitamine e sali  minerali abbastanza rari. Il riferimento è allo zinco e al selenio, veri e propri toccasana per le difese immunitarie. Alcune sostanze presenti in questi alimenti, poi, giovano al sistema vascolare e aiutano a prevenire l’aterosclerosi.

zucchine

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Simonetta Nepi

Ricette contorni con zucchine ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (5 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tortini di broccoli e patate

Tortini di broccoli e patate, un antipasto per...

I celiaci e gli intolleranti al lattosio possono mangiare questi tortini di broccoli e patate? Chi soffre di celiachia non può mangiare questo tortino di broccoli e patate, in quanto l’impasto...

Peperonata senza pomodoro

Peperonata senza pomodoro, un’alternativa più digeribile

Quale cipolla utilizzare? La lista degli ingredienti della peperonata senza pomodoro comprende anche le cipolle. Il dubbio è sempre lo stesso: quale varietà di cipolle utilizzare? La scelta è un...

Ghirlanda salata con gamberi

Ghirlanda salata con gamberi: un contorno unico per...

Un contorno completo e ricco di gusto Questo contorno a forma di ghirlanda colpisce anche per la sua completezza. Troviamo infatti alimenti ittici (come i gamberi), la frutta esotica (come...