bg header
logo_print

Frittata di pomodori e acciughe per una dieta senza glutine

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Frittata pomodori e acciughe
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 15 min
cottura
Cottura: 15 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4/5 (2 Recensioni)

Frittata di pomodori e acciughe, una frittata leggera

La frittata di pomodori e acciughe costituisce una variante stuzzicante della classica frittata di uova. Le differenze con la ricetta classica sono almeno due. La prima riguarda il metodo di cottura, infatti viene cotta al forno anziché in padella. Un dettaglio non di poco conto in quanto permette di “risparmiare” sull’olio e quindi sulle calorie, insomma è più leggera e genuina.

Inoltre, per non avere una frittata troppo secca o instabile è sufficiente prendere qualche accorgimento, ossia basta cuocere nella parte bassa del forno e scuotere per bene la teglia prima di iniziare la cottura; in questo modo la soluzione si distribuirà uniformemente.

La seconda differenza rispetto alla frittata standard riguarda gli ingredienti. Quella che vi presento oggi è a tutti gli effetti una frittata “rinforzata” e piuttosto ricca, infatti contiene i pomodori, le acciughe, il Parmigiano ed le erbe aromatiche. Inoltre, può fungere da pasto completo visto che è molto proteica.

Ricetta frittata di pomodori e acciughe

Preparazione frittata di pomodori e acciughe

  • In una terrina mettete i pomodori tagliati a dadini, mescolateli delicatamente alle uova, al parmigiano, aggiungete le acciughe spezzettate e il timo.
  • Regolate di sale e pepe, poi versate ilo composto in una teglia aderente, scuotetela affinché si distribuisca in modo uniforme.
  • Mettetela in forno già caldo a 180° per 15 minuti no fino a quando la superficie non sarà diventata leggermente dorata.
  • Tagliatela a fette e servitela in tavola.

Ingredienti frittata di pomodori e acciughe

  • 300 gr. di pomodori perini maturi
  • 6 uova
  • 4 acciughe sotto sale
  • 1 cucchiaio timo tritato
  • 100 gr. di Parmigiano Reggiano stagionato 36 mesi
  • 1 spicchio d’aglio
  • q. b. di sale e di pepe.

Dieta senza glutine, ecco alcuni vantaggi inaspettati

La frittata di pomodori e acciughe ci da l’occasione per approfondire l’argomento sull’intolleranza al glutine. Che la dieta dei celiaci, scevra di tutti i cereali contenenti per loro natura glutine, porti loro vantaggi derivanti dall’inibizione degli effetti di questa proteina è ormai ampiamente noto e dimostrato. Quello che molti non sanno è che la dieta senza glutine aiuta un po’ tutto l’organismo, con tutti i vantaggi che ne conseguono. Alcune ricerche hanno dimostrato che il glutine produce effetti negativi sulla barriera difensiva dell’intestino non  solo di chi soffre di celiachia, ma anche di tutti coloro che soffrono di intestino irritabile.

Questa sindrome riguarda, infatti, una molteplicità di problemi digestivi, e non essendo le cause ancora del tutto chiare, si è dimostrato che eliminare dalla dieta il glutine può donare benefici di non poco conto. 

Dieta senza glutine: è vero che aiuta a dimagrire?

La dieta senza glutine rappresenta un modo del tutto innovativo e singolare di controllare quello che si mangia, rivelandosi, per l’effetto,  ottima per regolamentare l’apporto di calorie e carboidrati.
Attenzione però a non ritenere i cibi senza glutine come certamente “dimagranti”: è vero che una dieta senza glutine è in grado di garantire risultati visibili come pancia meno gonfia e riduzione della cellulite, ma questi benefici sono generati dalla nuova condotta alimentare intrapresa,  che, per necessità, orienta il soggetto che la segue ad optare per frutta, verdura, cibi freschi, sani e genuini, che non inducono a sentire la fame e che fanno bene alla nostra salute.

Se è vero dunque che evitare il glutine si rivela decisamente un limite in molte occasioni, specie quando si viaggia e si va a mangiare fuori, è altrettanto vero che i risultati a carico del nostro organismo ripagano in maniera inattesa e straordinaria tutti i sacrifici sostenuti.

Vale dunque la pena provare. Un’ottima occasione per chi, da sempre, ha tentato di tenere a freno le proprie sregolatezze nell’alimentazione.

Le insospettabili proprietà dei pomodori

I pomodori giocano un ruolo di primo piano in questa particolare frittata, in quanto deliziano con il loro sapore leggermente acidulo e inconfondibile, inoltre impreziosiscono la frittata con il loro colore rosso acceso. Quali pomodori utilizzare per la frittata di pomodori e acciughe? Vanno bene tutte le varietà di pomodori non troppo succosi (eccessive quantità di acqua destabilizzano la frittata). Tuttavia, vi consiglio i pomodori perini che hanno una forma oblunga ed un sapore equilibrato non troppo dolce. Infine, la polpa è soda e non troppo succosa.

A prescindere dalla varietà, i pomodori vantano delle ottime proprietà nutrizionali. Sono ricchi di vitamina A e C, che fanno bene alla vista e al sistema immunitario. Inoltre, contengono molti sali minerali e una certa quantità di antiossidanti, in particolare il licopene e la luteina. Sono infine poco calorici, in quanto non raggiungono nemmeno le 30 kcal per 100 grammi.

Tutto il gusto delle acciughe

Anche le acciughe giocano un ruolo importante in questa frittata sui generis. Il loro sapore sapido contrasta con quello delicato e dolce dei pomodori, valorizzano allo stesso tempo quello corposo delle uova. La presenza delle acciughe, poi, aumenta lo spessore nutrizionale della ricetta in quanto apporta alcuni elementi importanti come le proteine; da questo punto di vista le acciughe non fanno rimpiangere i pesci più sostanziosi. In secondo luogo le acciughe apportano gli acidi grassi omega tre, che fanno bene al cuore e alla circolazione.

Per questa occasione potete utilizzare le classiche acciughe sott’olio, da scolare per bene e inserire nella soluzione a base di uova. Durante il processo di cottura le acciughe si scioglieranno, integrandosi perfettamente con gli altri ingredienti e conferendo alla frittata una tonalità un po’ più scura.

Il contributo del timo nella frittata di pomodori e acciughe

Nonostante l’abbondanza degli ingredienti, la frittata di pomodori e acciughe è un secondo piatto semplice che si prepara in pochi minuti. Il valore della semplicità è declinato anche nella fase di aromatizzazione. Di base si utilizza il solo timo. Si tratta di un’erba aromatica molto utilizzata in cucina per la sua capacità di aromatizzare senza coprire. Inoltre impreziosisce il piatto offrendo sentori aromatici non molto pungenti, che richiamano al limone.

Il timo è ricco di vitamine e sali minerali, come le altre erbe aromatiche del resto. E’ anche ricco di antiossidanti, sostanze che aiutano a prevenire il cancro, contrastano i radicali liberi e rallentano l’invecchiamento cellulare. Se il timo non vi piace, potete sostituirlo con altre erbe aromatiche. Un ottimo sostituto è il prezzemolo, che tra le altre cose si sposa bene sia con le uova che con le acciughe. Al limite potete impiegare un po’ di salvia, che risulta un po’ più “presente” come aroma.

FAQ sulla frittata di pomodori e acciughe

Quante uova servono per fare una frittata per una persona?

In genere si utilizzano due uova a persona, tuttavia nessuno vi vieta di abbondare se la padella è abbastanza ampia. Ovviamente, se optate per la cottura al forno, il problema non si pone in quanto è sufficiente utilizzare una teglia un po’ più alta.

Come si sbattono le uova per la frittata?

Le uova vanno sbattute con la forchetta e con la frusta. Se desiderate una frittata sottile, sbattetele per pochi secondi, il tempo di amalgamare i tuorli agli albumi. In caso contrario sbattete per lungo tempo per incamerare più aria possibile (senza però montare).

Quante calorie ha una frittata di uova?

Dipende dal metodo di cottura e dalla quantità di olio utilizzato. Una frittata per quattro persone cotta in padella e con abbastanza olio, dovrebbe apportare circa 400 kcal a persona. L’omologa frittata da forno non dovrebbe andare oltre le 200 kcal.

Ricette frittate ne abbiamo? Certo che si!

4/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Frittata con funghi trifolati

Frittata con funghi trifolati: una frittata gustosa e...

Come trifolare i funghi? E’ molto semplice trifolare i funghi, basta tagliarli a pezzi piccoli e regolari (a cubetti o a fettine) e cuocerli in padella insieme all’olio, all’aglio e al...

Frittatina di ceci con uova di quaglia

Frittatina di ceci con uova di quaglia, una...

Le peculiarità delle uova di quaglia Tra i protagonisti di questa frittatina di ceci spiccano le uova di quaglia. Sono delle uova particolari, che spiccano per l'aspetto leggermente diverso da...

Whitebait omelette

Whitebait omelette, la frittatona della cucina neozelandese

Cosa utilizzare al posto del whitebait Come ho già accennato, con il termine whitebait omelette si intende il novellame di pesce (pesci ancora immaturi e molto piccoli). Nella pratica si dovrebbe...