Millefoglie di frittata con formaggio di capra per stupire

Millefoglie di frittata con formaggio di capra
Commenti: 0 - Stampa

Millefoglie di frittata con formaggio di capra, una ricetta con un ingrediente speciale

La Millefoglie di frittata con formaggio di capra è una ricetta molto corposa, colorata e gustosa. E’ anche una frittata diversa dalle altre, sia in quanto a procedimento che a ingredienti utilizzati. Esternamente, infatti, appare come una millefoglie in quanto la frittata viene tagliata a rettangoli, che vengono posti uno sull’altro, come gli strati di una torta. Il “ripieno” in questo caso è dato dal formaggio spalmabile e da un’emulsione di aceto e olio. Per inciso, la frittata è realizzata con la rucola e le uova. Inoltre non viene fritta, ma cotta al forno, un metodo certamente più salutare e leggero che rende questo contorno ancora più appetibile. Per la cottura è necessario usare una teglia piuttosto che una pirofila, rivestirla con carta forno e ungerla con olio d’oliva.

Il vero punto di forza di questa frittata è proprio il formaggio di capra. In primis perché questo tipo di formaggio aggiunge un tocco di creatività alla ricetta, dal momento che raramente viene consumato il formaggio di capra rispetto al formaggio classico. In secondo luogo perché non si tratta di un formaggio qualsiasi, bensì del formaggio Exquisa fresco cremoso alla capra.

Millefoglie di frittata con formaggio di capraE’ un prodotto straordinario, frutto dell’ingegno di Exquisa, che ha pensato bene di unire la praticità del formaggio spalmabile al gusto “insolito” del latte di capra. La texture è perfetta, uniforme e morbida. Inoltre è povero di grassi, ricco di proteine e del tutto privo di conservanti.

Gli insospettabili benefici della rucola

Anche la rucola fa la sua parte nella frittata con formaggio di capra. Nello specifico insaporisce la frittata conferendo un sentore aromatico e fresco. La rucola è una verdura spesso sottovalutata e considerata un’alternativa leggermente più pregiata rispetto alla lattuga. Tuttavia può offrire molto in cucina, fornendo un gusto peculiare alle proprie preparazione. Inoltre si difende molto bene dal punto di vista nutrizionale.

In primis è ricca di calcio, una caratteristica non scontata quando si parla di verdure. Stesso discorso per l’apporto proteico, che non è affatto trascurabile (pari al 3%). Ovviamente non contiene grassi, ma è ricca di vitamine, il riferimento è alla vitamina C, ma anche alla vitamina E, che funge da antiossidante. Per quanto concerne gli altri nutrienti, si segnalano dosi abbondanti di betacarotene, un eccellente precursore della vitamina A. In occasione di questa ricetta la rucola, dopo essere stata lavata, viene sminuzzata e frullata insieme alle uova e al sale. Il composto così ottenuto viene in seguito cotto al forno per creare una frittata davvero “light” e gustosa.

Perché è opportuno usare l’aceto di mele?

Un altro punto di forza di questa frittata con formaggio di capra e rucola è il condimento, che per l’occasione funge anche da “ripieno” della millefoglie creata con la frittata. Per la precisione il condimento è composto da un’emulsione di olio e aceto di mele. Ma perchè abbiamo scelto l’aceto di mele? La risposta va rintracciata nelle particolari caratteristiche organolettiche di questo ingrediente.

L’aceto di mele, infatti, è più delicato, lievemente dolciastro e decisamente aromatico. In virtù di ciò, si sposa con il gusto delicato della frittata più di quanto non farebbe il classico aceto di vino. Inoltre è anche più leggero, avendo un apporto calorico inferiore, ed è più ricco di vitamine e sali minerali. L’aceto di mele, infine, è un buon disintossicante e un discreto diuretico, nonché un fattore di accelerazione del metabolismo. In ultimo, si caratterizza anche per un buon potere saziante.

Ecco la ricetta della Millefoglie di frittata con formaggio di capra:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 confezione di formaggio Exquisa fresco cremoso alla capra,
  • 6 uova,
  • un mazzetto di rucola,
  • 50 gr. di lattughino,
  • 40 gr. di olio extravergine d’oliva,
  • 1/2 bicchiere di latte parzialmente scremato consentito,
  • 2 cucchiai di aceto di mele,
  • 1 cucchiaio di succo di limone,
  • q. b. sale,
  • q. b. di olio extravergine d’oliva.

Preparazione:

Per la preparazione della Millefoglie di frittata con formaggio di capra iniziate pulendo la rucola, poi lavatela e riducetela in pezzi molti piccoli. Mettete la rucola nel bicchiere del frullatore, aggiungete le uova, un po’ di sale, quattro cucchiai di latte e frullate il tutto. Ora ricoprite una teglia con della carta da forno, ungetela leggermente con un po’ di olio, poi formate uno strato sottile versando il composto che avete frullato. Infine cuocete per 15 minuti a 160 gradi.

In una ciotola versate il formaggio di capra e aggiungete un cucchiaio di succo di limone, poi lavorate il composto con una forchetta. A parte unite due cucchiai di aceto di mele e l’olio, creando così un’emulsione. Terminata la cottura, tagliate la frittata a rettangoli regolari di 10 x 5 cm. A questo punto componete una specie di millefoglie, spalmando tra uno strato e l’altro il formaggio di capra, il lattughino e l’emulsione di olio e aceto.

5/5 (475 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Frittata di cipolle al forno

Frittata di cipolle al forno, una variante squisita

Frittata di cipolle al forno, un contorno gustoso La frittata di cipolle al forno è una variante della classica frittata di uova, nonché un ottimo secondo piatto. Le differenze rispetto alla...

uova a colazione

Uova a colazione, un’abitudine molto nutriente

Perché le uova a colazione? Mangiare uova a colazione, già questa espressione rievoca contesti che ben poco hanno a che vedere con la tradizione italiana, invece hanno a che fare con quella...

Frittata di cicoria selvatica

Frittata di cicoria selvatica, una piatto semplice

Frittata di cicoria selvatica, una variante fuori dal comune La frittata di cicoria selvatica è una frittata diversa dalle altre e di facile preparazione. E’ semplice perché il procedimento è...

Frittata con peperoni e carote

Frittata con peperoni e carote, un contorno gustoso

Frittata con peperoni e carote, una scelta azzeccata di ingredienti La frittata con peperoni e carote è solo all’apparenza una frittata come le altre. Certo, potrebbe darvi l’impressione di una...

Omelette con borragine

Omelette con borragine, una piacevole alternativa

Le peculiarità delle omelette con borragine Le omelette con borragine rappresentano una gradevole alternativa alle classiche frittate. Allo stesso tempo si differenziano da queste ultime per la...

Frittata di bruscandoli

Frittata di bruscandoli, un piatto davvero speciale

Le peculiarità della frittata di bruscandoli Oggi vi presento una ricetta molto particolare: la frittata di bruscandoli. Molti di voi non conoscono i bruscandoli, d’altronde non sono ingredienti...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-06-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti