Frittata di Trahanas, una frittata alternativa

Frittata di Trahanas
Stampa

L’ingrediente particolare della frittata di Trahanas

Lo potete intuire dal nome, quella di Trahanas non è una frittata come le altre. Non tanto per il procedimento, che è praticamente identico a quello di qualsiasi altra frittata cotta al forno, quanto per la scelta degli ingredienti. Una scelta che non si basa su canoni particolarmente stravaganti e che non punta all’eccentricità. Ai nostri occhi la frittata di Trahanas può sembrare strana unicamente per un motivo, ossia che fa parte di una tradizione culinaria diversa dalla nostra. Nello specifico la frittata di Trahanas è un piatto tipico della cucina greco-turca, per quanto sia preparata anche a Cipro, nell’area mesopotamica e anche in alcuni paesi del Sud dei Balcani.

Ciò che colpisce di più di questa frittata è l’ingrediente principale, il Trahanas. Si tratta probabilmente di un ingrediente che non avete mai sentito nominare, a meno che non siete stati in Grecia o amate la cucina greca. Il Trahanas è una miscela disidratata composta da grano e yogurt. Questa miscela, oltre ad essere sottoposta a disidratazione, è anche soggetta a fermentazione. In alcune isole greche il Trahanas è un piatto nazionale e viene consumato praticamente da solo o in aggiunta ad alcune zuppe. Tuttavia può essere impiegato come ingrediente di ricette un po’ più complesse, proprio come in questa frittata di Trahanas. Una frittata che spicca per una certa corposità, almeno a giudicare dal numero di ingredienti necessari alla ricetta. Oltre al Trahanas troviamo, infatti, anche la feta, gli spinaci, le zucchine.

Tutta la delicatezza della feta

Uno degli ingredienti principali della frittata di Trahanas, che incide in maniera radicale sul risultato finale, è la feta. Come tutti sanno, la feta è uno dei formaggi tipici della Grecia. È un formaggio molto diverso da quelli nostrani, in primis perché è realizzato con il latte di capra e il latte di pecora (in un rapporto di 2 a 8) e secondariamente perché è più salato della media. Inoltre presenta una pasta semidura, quasi non lavorata, e molto compatta. La feta può essere consumata da sola, come qualsiasi altro formaggio da tavola, o inserita all’interno di ricette più elaborate. In questo caso la feta viene aggiunta al composto di uova, non prima però di essere sbriciolata.

Frittata di Trahanas

Nonostante sia un formaggio estremamente saporito, la feta non è poi così grassa, anzi è molto più dietetica di altri prodotti lattiero-caseari. 100 grammi di feta, infatti, apportano appena 260 kcal. Il 21%  della sua struttura è composto da grassi, mentre il 14% da proteine. Infine, la presenza di colesterolo, per fortuna, è praticamente trascurabile.

I tanti pregi nutrizionali degli spinaci

Uno dei pregi di questa frittata di Trahanas consiste nella presenza di molti ingredienti, che si abbinano alla perfezione l’uno con l’altro e si valorizzano vicendevolmente. Accanto a un prodotto a base di grano, com’è il Trahanas, spiccano anche alcune verdure: le zucchine e gli spinaci. Qui parlerò proprio degli spinaci. Gli spinaci sono delle verdure simbolo della cucina mediterranea, molto reperibili e relativamente facili da coltivare. Spiccano per la versatilità in cucina, per la capacità di adattarsi a moltissime ricette e per un valore nutrizionale elevatissimo.

Gli spinaci sono ricchi in primis di vitamina A e di vitamina C, ma sono anche estremamente ricchi di sali minerali. Il riferimento è in particolar modo al potassio, al calcio, al fosforo e al magnesio. Per quanto riguarda il ferro, è contenuto anche negli spinaci ma non in misura così elevata, certamente siamo lontani dallo stereotipo innescato da alcune produzioni cinematografiche cartoonesche. Gli spinaci contengono anche la luteina una sostanza fondamentale per la salute degli occhi, che esercita anche una funzione antiossidante. Tutto ciò al costo di un apporto calorico molto basso, pari a 30 calorie per 100 grammi.

Ecco la ricetta della frittata di Trahanas:

Ingredienti:

  • 100 gr. di Trahanas,
  • 3 uova,
  • 100 gr. di feta consentita,
  • 1 zucchina,
  • 150 gr. di spinaci,
  • 2 cipollotti,
  • qualche foglia di menta,
  • 1 peperoncino (facoltativo),
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione della frittata di Trahanas iniziate lavando la zucchina e grattugiandola per bene. Bollite per pochi minuti gli spinaci, poi scolateli, lasciateli raffreddare e infine tritateli. Poi lavate e sbucciate i cipollotti ricavandone delle fette sottili. Infine lavate la menta e fatela a pezzettini. Ora bollite il Trahanas in acqua non salata e poi fatelo intiepidire. Intanto fate imbiondire il cipollotto in un po’ di olio extravergine d’oliva. In una ciotola sbattete le uova intere e aggiungete gli spinaci, il Trahanas, la zucchina, il cipollotto affettato, il peperoncino (se lo gradite) e la menta. Completate il tutto con un po’ di sale e inserite anche la feta sminuzzata. Mescolate per bene, poi versate il composto in una teglia dai bordi alti e cuocete al forno a 180 gradi per circa 20 minuti.

CONDIVIDI SU


16-07-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo aka Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Tacos con arista

Tacos con arista, un secondo messicano-europeo

Tacos con arista, un fast food versione fusion I tacos con arista sono un esempio di preparazione fusion, in quanto mixano elementi della tradizione messicana con elementi della cucina europea. A...

Iles Flottantes

Iles Flottantes, uno dei migliori dessert francesi

Iles Flottantes, una meraviglia pronta in pochi minuti Iles Flottantes è uno dei più famosi dessert francesi. Si distingue nettamente dai dessert nostrani, sia per il procedimento (solo...

Japanese Cotton Cheesecake

Japanese Cotton Cheesecake, una dolce particolare

Perché la Japanese Cotton Cheesecake è diversa dalle altre? La Japanese Cotton Cheesecake è una variante molto particolare della classica cheesecake. Sia il procedimento che buona parte degli...

Agretti alla moda asiatica

Agretti alla moda asiatica, un contorno aromatico

Agretti alla moda asiatica, facili da preparare e squisiti Gli agretti alla moda asiatica sono un contorno molto gradevole e allo stesso tempo leggero e saporito. I condimenti proposti dalla ricetta...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti