bg header
logo_print

Rotolo di frittata con bietoline, una versione per i bambini

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Rotolo di frittata con bietoline
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (20 Recensioni)

Rotolo di frittata con bietoline e prosciutto, un pasto gustoso e nutriente

Il rotolo di frittata con bietoline e prosciutto è una particolare frittata farcita, cotta al forno e arrotolata su se stessa. E’ buona, bella da vedere con i suoi colori sgargianti e facile da realizzare. In virtù di queste qualità, è una delle migliori ricette per i bambini. Inoltre non richiede una cottura vera e propria, ma viene semplicemente cotta al forno. Allo stesso tempo la ricetta è anche diversa da quella delle altre frittate. A partire dal composto di uova, che vede come protagonista il Parmigiano Reggiano e le bietoline, ovvero foglie di bietola di ridotte dimensioni. Questi ingredienti vengono frullati insieme alle uova già sbattute, in modo da produrre un’amalgama perfetta.

Le bietoline sono ingredienti preziosi, in quanto spiccano non solo per il sapore lineare e ben distinto, ma anche per le loro proprietà nutrizionali. Contengono molta acqua e fibre, sicché aiutano a depurare l’organismo e a digerire. Inoltre sono ricche di vitamina C, una sostanza che aiuta il sistema immunitario e facilita l’assorbimento di ferro. Proprio per questo le bietole sono molto indicate in presenza di anemia.

Ricetta rotolo di frittata

Preparazione rotolo di frittata

Per preparare il rotolo di frittata con bietoline e prosciutto iniziate proprio dalle uova. Sbattete le uova in una ciotola e trasferitele nel bicchiere del mixer. Ora lavate le bietoline, asciugatele e inseritene nel bicchiere una prima manciata. Poi azionate il mixer e aggiungete le restanti bietoline un po’ alla volta. Per concludere mettete il Parmigiano grattugiato, frullate con cura e regolate con un po’ di sale e un po’ di pepe macinato. Ora applicate della carta forno su una teglia, coprendo bene il fondo e le pareti interne. Mi raccomando, la carta da forno deve essere aderente alla teglia, per fare ciò basta inumidirla leggermente prima di posarla.

Ora versate il composto di uova nella teglia e livellate per bene. Infine cuocete al forno preriscaldato a 180 gradi (in modalità statica) per 20 minuti. Quando la frittata è pronta, sformatela con la carta da forno e fatela raffreddare, coprendola con la pellicola trasparente. Questo è un accorgimento essenziale per conservare la morbidezza della frittata e permettere che venga arrotolata. Poi rimuovete la pellicola trasparente e applicate uno strato di fontina sulla superficie della frittata, a seguire create un secondo strato di prosciutto cotto. Infine, facendo leva con la carta da forno, arrotolatela per bene su se stessa.

Completate il tutto piegando gli eccessi di carta, in modo da sigillare per bene. Ora fate riposare la frittata per una decina di minuti affinché mantenga la forma a rotolo. Infine rimuovete la carta, tagliate a fette e servite. Il rotolo si conserva per circa due giorni in frigo, all’interno di un contenitore a chiusura ermetica. Se il rotolo viene congelato, invece, perde una buona parte del suo sapore.

Per il rotolo di frittata:

  • 6 uova,
  • 200 gr. di bietoline fresche,
  • 60 gr. di Parmigiano Reggiano,
  • 1 pizzico di sale e di pepe.

Per il ripieno:

  • 150 gr. di fontina a fette,
  • 100 gr. di prosciutto cotto.

Un focus sul Parmigiano Reggiano

Vale la pena spendere qualche parola sul Parmigiano Reggiano, che è un ingrediente importante nella preparazione di questo rotolo di frittata con bietoline e prosciutto. Il Parmigiano è universalmente riconosciuto come uno dei formaggi più nutrienti in assoluto. Tanto per cominciare spicca per un apporto di proteine molto raro, secondo solo a quelli dei pesci essiccati, come il baccalà.

In secondo  luogo contiene grandi dosi di calcio e fosforo, sostanze che fanno bene alle ossa, ai denti e stimolano le facoltà mentali. L’unico vero difetto del Parmigiano Reggiano è l’apporto calorico, pari in media a 400 kcal per 100 grammi, una caratteristica comune a tutti i formaggi stagionati. A proposito, per quale stagionatura è bene optare? Potete scegliere liberamente la stagionatura che preferite, badando però agli effetti sul sapore. Infatti, le forme di formaggio molto stagionate si distinguono per un sapore più intenso e sapido.

Un ripieno davvero gustoso

Uno dei punti di forza di questo rotolo di frittata con bietoline e prosciutto risiede nel ripieno. Questo viene posizionato una volta che la frittata è pronta, poco prima di essere arrotolata. Il ripieno è formato da due strati: la fontina a fette e il prosciutto cotto. La fontina è probabilmente il più famoso formaggio da farcitura, anche perché tende a sciogliersi a temperature non troppo elevate, acquisendo una texture cremosa e gradevole. Sul piano nutrizionale non è da meno rispetto ad altri tipi di formaggi, dunque contiene buone dosi di proteine, vitamina D, calcio e fosforo.

Rotolo di frittata con bietoline

Per quanto concerne il prosciutto cotto, benché oggetto di qualche pregiudizio, è uno dei salumi più salutari in assoluto. L’apporto calorico è basso se si procede con la sgrassatura, eliminando il grasso accumulato ai bordi. Inoltre contiene una dose non eccessiva di sodio, di nitriti e di nitrati, che invece abbondano in altri tipi di salumi e insaccati.

Come preparare il rotolo di frittata senza romperlo?

Per realizzare un perfetto rotolo di frittata con bietoline e prosciutto è necessario prendere alcuni accorgimenti specifici durante tutte le varie fasi della ricetta. Infatti vi è il rischio che la frittata si rompa mentre viene arrotolata. In primo luogo è bene frullare gli ingredienti piuttosto che mescolarli, in questo modo si crea un’amalgama efficace, che conferisce una buona stabilità.

In secondo luogo fate attenzione alla fase successiva alla cottura, in cui la frittata va fatta riposare e intiepidire nella pellicola alimentare. Il contatto eccessivo con l’aria, infatti, la priva della sua morbidezza. Infine la cottura non deve durare molto, per questo la temperatura deve essere elevata. Con una cottura prolungata, infatti, vi è il rischio che il rotolo si asciughi troppo e  diventi rigido, dunque soggetto a rottura mentre viene arrotolato.

Ricette di frittate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (20 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Frittatina di ceci con uova di quaglia

Frittatina di ceci con uova di quaglia, una...

Le peculiarità delle uova di quaglia Tra i protagonisti di questa frittatina di ceci spiccano le uova di quaglia. Sono delle uova particolari, che spiccano per l'aspetto leggermente diverso da...

Whitebait omelette

Whitebait omelette, la frittatona della cucina neozelandese

Cosa utilizzare al posto del whitebait Come ho già accennato, con il termine whitebait omelette si intende il novellame di pesce (pesci ancora immaturi e molto piccoli). Nella pratica si dovrebbe...

Tortilla spagnola

Tortilla spagnola, una versione con le cipolle

Quali patate utilizzare nella tortilla spagnola? Le patate sono tra gli ingredienti principali della tortilla spagnola, e in particolare della versione di Jamie Oliver. Da questo punto di vista si...