bg header
logo_print

Frittata con funghi trifolati: una frittata gustosa e facile

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Frittata con funghi trifolati
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Frittata con funghi trifolati, un’idea semplice per arricchire le classiche frittate

Oggi cuciniamo la frittata con funghi trifolati, una versione sfiziosa della frittata classica. Rispetto alla frittata normale vanta due particolarità: è arricchita con i funghi trifolati (ma anche con le cipolle) ed è guarnita con il Parmigiano Reggiano, che interviene in due momenti diversi.

Per quanto concerne la cottura vi consiglio di procedere con la cottura in padella e rinunciare a quella al forno. In tal modo si formerà un composto migliore e più uniforme con i funghi. Vi consiglio inoltre di consumare la frittata quando è ancora calda, infatti i funghi trifolati quando si intiepidiscono tendono a perdere sapore.

Ricetta frittata con funghi

Preparazione frittata con funghi

  • Per preparare la frittata ai funghi iniziate saldando l’olio in una padella antiaderente, poi versate il trito di cipolla e fatelo imbiondire. Infine, aggiungete i funghi trifolati e cucinate per un paio di minuti.
  • In una ciotola aprite le uova, aggiungete un po’ di sale, un po’ di pepe e il Parmigiano grattugiato. Poi sbattete per bene fino ad ottenere una soluzione omogenea.
  • Ora versate le uova nella padella con i funghi, le cipolle e fatele cuocere a fiamma medio-bassa. Coprite con un coperchio in modo che anche la parte superiore inizi a cuocere. In alternativa potete ribaltare la frittata quando la parte inferiore si è addensata, in tutto occorrono 10-12 minuti.
  • Infine, servite la frittata con un po’ di prezzemolo tritato e un po’ di Parmigiano grattugiato. Vi consiglio di consumarla calda.

Ingredienti frittata con funghi

  • 6 uova
  • 200-250 gr. di funghi trifolati
  • 1 cipolla tritata
  • 50 gr. di Parmigiano Reggiano
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale e di pepe
  • q. b. di prezzemolo fresco tritato.

Come trifolare i funghi?

E’ molto semplice trifolare i funghi, basta tagliarli a pezzi piccoli e regolari (a cubetti o a fettine) e cuocerli in padella insieme all’olio, all’aglio e al prezzemolo tritato. In questa frittata i funghi vanno ripassati in padella insieme alle cipolla, in modo da recuperare sapore e consistenza.

Quali funghi utilizzare per questa ricetta? Di base potete utilizzare quelli che più vi aggradano, tuttavia vi consiglio di limitarvi ai classici funghi freschi “da trifolatura”, ovvero ai finferli, agli champignon e ai funghi porcini. Potete utilizzarli anche tutti insieme, in quanto i tempi di cottura sono sostanzialmente identici.

Nello specifico i funghi finferli si fanno apprezzare per il loro sapore intenso e capace di richiamare note fruttate. I porcini, invece, piacciono in quanto sono molto aromatici. I funghi champignon, infine, sono molto delicati e versatili, quindi possono essere utilizzati quasi ovunque.

Quale parmigiano utilizzare nella frittata con funghi trifolati?

Come avrete già capito il Parmigiano Reggiano gioca un ruolo fondamentale nella frittata con funghi trifolati. Viene impiegato per arricchire le uova sbattute, formando così una sorta di salsina densa, capace di creare un’amalgama stabile con i funghi e con le cipolle. Il Parmigiano viene impiegato anche alla fine per guarnire la frittata, un po’ come accade per la pasta.

A disposizione vi sono varie stagionature di Parmigiano Reggiano, tuttavia vi consiglio di utilizzare una stagionatura media. In questo modo il Parmigiano sarà abbastanza sapido da emergere al cospetto degli altri ingredienti, ma non così secco da compromettere l’amalgama.

Al di là delle considerazioni sulla stagionatura, il Parmigiano Reggiano aumenta lo spessore nutrizionale di questa ricetta, ossia la rende ancora più proteica e più nutriente. D’altronde questo tipo di formaggio è ricco di calcio, grassi benefici e vitamina D, essenziale per il sistema immunitario.

Frittata con funghi trifolati

Il gustosissimo mondo delle frittate

La frittata con funghi trifolati mi da modo di parlare delle frittate in generale. A tal proposito le soluzioni sono davvero numerose e contemplano l’impiego degli ingredienti più svariati, da quelli di carne, alle verdure e agli ortaggi. Qui sul sito ho pubblicato molte ricette di frittate, ecco una lista tra quelle che mi piacciono di più. Vi consiglio comunque di seguire i link e dare un’occhiata al procedimento completo.

Frittata di zucchine. Un classico della cucina italiana in cui le zucchine si uniscono alle uova in un abbraccio fatto di gusto e morbidezza.

Frittata di peperoni. Una frittata ricca e colorata, che si avvale della presenza di peperoni gialli e rossi, che risultano dolci e alquanto delicati.

Frittata di carciofi. Una frittata molto particolare che spicca per l’utilizzo dei carciofi. I carciofi donano alla frittata un sapore corposo e un aroma interessante, che si integra al meglio con le uova.

Frittata di spaghetti. Questa frittata è un classico piatto di recupero, che spicca per la morbidezza e per la portata nutrizionale. Questo tipo di frittata sazia come poche altre, d’altronde consente di fare un ottimo carico di carboidrati.

FAQ sulla frittata con funghi trifolati

Qual è la differenza tra una frittata e un’omelette?

La differenza principale tra una frittata e un’omelette risiede negli ingredienti. L’omelette in genere contiene solo le uova, mentre la frittata (come dimostra questa ricetta) può essere arricchita da vari ingredienti. Inoltre, la frittata è più secca e assume la forma della padella, mentre le omelette assomigliano più alle uova strapazzate.

Quante calorie ha una frittata di funghi?

Una frittata di funghi ha poche calorie se non si abbonda con l’olio. Considerando gli ingredienti e le dosi, una frittata intera per 4 persone non dovrebbe andare oltre le 800-1000 kcal.

Quante uova ci vogliono per fare una frittata?

Per fare una frittata occorrono una o due uova a persona. Ovviamente nessuno vi vieta di abbondare, preparando delle porzioni più corpose.

Come fare la frittata con i funghi?

Per fare la frittata di funghi è sufficiente versare le uova sbattute sui funghi passati in padella con la cipolla. Il resto del procedimento è identico a quello delle classiche frittate: si cuoce da un lato, poi si ribalta la frittata e si cuoce dall’altro lato.

Ricette di frittate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Frittatina di ceci con uova di quaglia

Frittatina di ceci con uova di quaglia, una...

Le peculiarità delle uova di quaglia Tra i protagonisti di questa frittatina di ceci spiccano le uova di quaglia. Sono delle uova particolari, che spiccano per l'aspetto leggermente diverso da...

Whitebait omelette

Whitebait omelette, la frittatona della cucina neozelandese

Cosa utilizzare al posto del whitebait Come ho già accennato, con il termine whitebait omelette si intende il novellame di pesce (pesci ancora immaturi e molto piccoli). Nella pratica si dovrebbe...

Tortilla spagnola

Tortilla spagnola, una versione con le cipolle

Quali patate utilizzare nella tortilla spagnola? Le patate sono tra gli ingredienti principali della tortilla spagnola, e in particolare della versione di Jamie Oliver. Da questo punto di vista si...