Finocchi gratinati al Parmigiano Reggiano

Finocchi gratinati al Parmigiano Reggiano
Commenti: 0 - Stampa

I finocchi gratinati al Parmigiano Reggiano, un secondo ed un contorno davvero unico

I finocchi gratinati al Parmigiano Reggiano posso essere serviti in pranzi e cene dove a farla da padrone può esserci qualunque pietanza. Si accostano benissimo a tutti i tipi di primi o di secondi, sia che al loro interno sia già contenuto del finocchio o meno. Ad esempio è il caso del pesce, dei formaggi e delle minestre, dove in genere vengono usate le foglie fresche del finocchietto selvatico. Se volete sbizzarrirvi, a questo piatto potete abbinare la pasta alle sarde siciliana, dei funghi e della carne di maiale. I finocchi gratinati possono essere tranquillamente accostati anche a dei taralli pugliesi, a delle olive, a del pane al sesamo e qualunque piatto vi venga in mente di cucinare.

Del finocchio non si butta quasi via niente! Dopo aver tolto i gambi e le prime “foglie” più dure e filamentose, del finocchio si può mangiare tutto, anche la dura parte interna. Oltre che gratinato, può essere sbollentato, stufato e cotto al vapore, oppure mangiato a crudo o unito a qualsiasi tipo di insalata. Per quanto riguarda la specie selvatica (detta “finocchina” o “finocchietto”) si usano i suoi fiori sia freschi che essiccati, oltre alle foglie e ai rametti. Proprio i rametti, ad esempio, fanno parte della tipica ricetta marchigiana dei bombetti (lumachine di mare), oppure servono per preparare delle ottime olive sotto sale insieme a peperoncino e aglio.

Le proprietà nutritive del finocchio

Prima di iniziare con la ricetta dei finocchi gratinati al Parmigiano Reggiano, penso sia interessante elencarvi le numerose proprietà nutritive dei finocchi, un alimento utile e importante per mantenerci in forma. Il finocchio è una tipica pianta erbacea diffusa nelle terre che si affacciano sul Mediterraneo. Fa parte della famiglia delle umbelliferae ed è un ortaggio tipicamente invernale, anche se possiamo mangiarlo quasi tutto l’anno grazie alle produzioni in serra.
E’ un vegetale conosciuto fin dall’antichità non solo per il particolare sapore fresco e aromatico (merito dell’anetolo in esso contenuto), ma per tutta una serie di interessanti proprietà benefiche.

Finocchi gratinati al Parmigiano Reggiano

Viene usato spesso nella fitoterapia. In particolare, vengono utilizzati con successo i suoi fiori e il suo olio essenziale per prevenire ed eliminare la formazione di gas intestinali. Inoltre, il galattoforo in esso contenuto, aiuta sia la produzione di latte nelle donne che la prevenzione di coliche d’aria nei bambini. Altre proprietà note dei finocchi sono associate alla stimolazione del ciclo femminile, oltre ad avere un effetto calmante su nausea e vomito. Il finocchio è abbastanza diuretico e aiuta le funzionalità del fegato, inoltre è un blando antinfiammatorio e un discreto aromatico (soprattutto nella variante selvatica).

Quale tipo di formaggio usare?

Nella ricetta dei finocchi gratinati al Parmigiano Reggiano possono essere usati tutti i tipi di formaggio, anche se sarebbe meglio evitare quelli dal sapore molto intenso in quanto potrebbero coprire esageratamente il gusto dei finocchi. Tra tutti i formaggi da usare per preparare i finocchi gratinati, però, il Parmigiano Reggiano risulta essere tra i migliori in quanto prodotto con latte bovino che, rispetto al latte di capra o di pecora, è più delicato e piace a grandi e piccini. Usando il Parmigiano Reggiano per preparare dei prelibati finocchi gratinati sarete certi di poter avere come alleato il più famoso e copiato formaggio al mondo! Il Parmigiano Reggiano è commercializzato in tutto il mondo fin dal 1200 ed ha ottenuto la denominazione DOP europea nel 1996.

Per preparare i vostri finocchi gratinati potete scegliere diverse stagionature, ne esistono di 12, 24, 36 e 48 mesi. I meno stagionati hanno un sapore più delicato rispetto agli altri e certamente hanno anche un costo diverso. Vi consiglio di usare un Parmigiano Reggiano di 12 o 24 mesi, anche se quelli più stagionati hanno comunque un sapore che si sposa bene con i finocchi.

Ecco la ricetta dei finocchi gratinati al Parmigiano Reggiano: 

Ingredienti per 4 persone: 

  • 1 kg. di finocchi,
  • 80 gr. di burro chiarificato,
  • 200 gr. di Parmigiano Reggiano grattugiato,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione dei finocchi gratinati al Parmigiano Reggiano iniziate pulendo i finocchi. Poi eliminate i gambi e le parti esterne se risultano troppo dure, filamentose o ammaccate. Lavateli varie volte in una bacinella con abbondante acqua, lasciandoli in ammollo ogni volta almeno 5 minuti per rimuovere eventuali residui di terra. Ora tagliateli in 4 o 6 spicchi, a seconda della loro grandezza, e lessateli in acqua leggermente salata.

Spegnete la fiamma quando i finocchi sono ancora al dente, poi scolateli e lasciateli riposare alcuni minuti. Ora prendete una teglia, rivestitela di carta da forno e adagiate gli spicchi di finocchio uno accanto all’altro e senza sovrapporli. Spolverate sui finocchi il Parmigiano Reggiano, poi aggiungete dei pezzi di burro chiarificato e un po’ di sale. Infornate per 30 minuti a 180 gradi. La cottura sarà ultimata quando sulla superficie dei finocchi vedrete formarsi una leggera crosticina dorata.

5/5 (464 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

colazione per gli studenti

Melanzane e zucchine alla scapece, un piatto napoletano

Melanzane e zucchine alla scapece, un contorno semplice e gustoso Le melanzane e zucchine alla scapece sono due piatti tipici della cucina napoletana. Sono famosi in tutta Italia, soprattutto...

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno sfizioso, molto gustoso, ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di...

cianfotta

La cianfotta, una versione vegetariana

La cianfotta, una pietanza che unisce mezza Italia La cianfotta o ciambotta è un piatto della tradizione italiana. E’ preparata soprattutto al Sud, dalla Campania alla Sicilia, tuttavia le...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...

Scalogno sotto olio

Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

Scalogno sotto olio, una preparazione versatile Lo scalogno sotto olio è un’ottima idea per un contorno sfizioso, leggero e aromatico. Può essere impiegato come ingrediente da antipasto e si...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-09-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti