Gratin di finocchi e arance

Tempo di preparazione:

Il finocchio ( Foeniculum vulgare ) è una pianta erbacea coltivata negli orti fin dal 1500, proveniente dall’Asia Minore è diffuso in tutta l’area del Mediterraneo

Ci sono due tipi di finocchi:

• quello selvatico del quale si utilizzano i germogli e le foglie come aromatizzanti nella produzione di salumi, di liquori e di dolci
• quello dolce che viene coltivato negli orti e di cui si mangia la guaina a grumolo bianco e può essere consumato sia crudo, in insalata, che cotto in vari modi.

Il finocchio maschio dalla forma più tondeggiante si dice sia più indicato ad essere consumato crudo, mentre il finocchio femmina dalla forma più allungata si dice essere più adatto ad essere cotto.

E’ un ortaggio tipicamente invernale, ( si trova maggiormente nei mercati da novembre a marzo ) molto ricco di acqua, di sali minerali e di oli essenziali che gli danno la proprietà di essere diuretico e digestivo oltre che ad essere praticamente ipocalorico.

Si conserva al fresco anche per una decina di giorni dopo l’acquisto.

Alcune curiosità su questo ortaggio:
–  il finocchio ha il gambo vuoto e per questa sua caratteristica spesso allude  all’incapacità sessuale dell’uomo.
– si  dice che di questo ortaggio esistono due varietà, il “finocchio maschio” e il finocchio femmina” e  che il maschio sarebbe il più pregiato.
– fin dai tempi del Medio Evo  la parola finocchio veniva associata la figura di un uomo di poco valore, infido e traditore perché la si associava a i semi di finocchio  che nulla avevano a che vedere con le pregiate spezie che provenivano dall’Oriente  e che si usavano per aromatizzare la carne e per “infinocchiare” la salsiccia. Da qui il detto toscano “essere come il finocchio nella salsiccia”  che significava di essere persona di poco valore e anche nel nostro linguaggio attuale  infinocchiare viene indicato come modo per prendere in giro o imbrogliare qualcuno.
– dalla metà dell’800 la parola finocchio si associa al termine omosessuale sembra  che si tratti di una allusione all’ “occhio fino”, un modo burlesco di indicare l’ano.

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 finocchi;
  • 2 arance
  • brodo vegetale;
  • sale

per la decorazione: prosciutto crudo

Preparazione

Togliete ai finocchi le foglie dure, lavateli  e tagliateli a spicchi piccoli. Pelate le arance al vivo.
Disponeteli in un tegame, alternandoli con le arance e aggiungete qualche cucchiaio di brodo
Salate, se necessario, e fate cuocere su fuoco moderato finché il tutto sarà cotto e il brodo completamente assorbito.
Servite con del prosciutto crudo tostato nel forno.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *