bg header
logo_print

Gratin di finocchi e arance, ottimo contorno

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Gratin di finocchi e arance
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (11 Recensioni)

Gratin di finocchi e arance per contorno. Il finocchio ( Foeniculum vulgare ) è una pianta erbacea coltivata negli orti fin dal 1500, proveniente dall’Asia Minore è diffuso in tutta l’area del Mediterraneo

Ricetta Gratin di finocchi e arance

Preparazione Gratin di finocchi e arance

Togliete ai finocchi le foglie dure, lavateli  e tagliateli a spicchi piccoli. Pelate le arance al vivo.Disponeteli in un tegame, alternandoli con le arance e aggiungete qualche cucchiaio di brodo

Salate, se necessario, e fate cuocere su fuoco moderato finché il tutto sarà cotto e il brodo completamente assorbito.

Ingredienti Gratin di finocchi e arance

  • 8 finocchi
  • 2 arance
  • q.b. di brodo vegetale
  • un pizzico di sale

Ci sono due tipi di finocchi:

• quello selvatico del quale si utilizzano i germogli e le foglie come aromatizzanti nella produzione di salumi, di liquori e di dolci
• quello dolce che viene coltivato negli orti e di cui si mangia la guaina a grumolo bianco e può essere consumato sia crudo, in insalata, che cotto in vari modi.

Il “finocchio maschio dalla forma più tondeggiante si dice sia più indicato ad essere consumato crudo, mentre il finocchio femmina dalla forma più allungata si dice essere più adatto ad essere cotto.

E’ un ortaggio tipicamente invernale, ( si trova maggiormente nei mercati da novembre a marzo ) molto ricco di acqua, di sali minerali e di oli essenziali che gli danno la proprietà di essere diuretico e digestivo oltre che ad essere praticamente ipocalorico.

Si conserva al fresco anche per una decina di giorni dopo l’acquisto.

Alcune curiosità su questo ortaggio:

  • il finocchio ha il gambo vuoto e per questa sua caratteristica spesso allude  all’incapacità sessuale dell’uomo.
  •  si  dice che di questo ortaggio esistono due varietà, il “finocchio maschio” e il finocchio femmina” e  che il maschio sarebbe il più pregiato.
  • fin dai tempi del Medio Evo  la parola finocchio veniva associata la figura di un uomo di poco valore, infido e traditore perché la si associava a i semi di finocchio  che nulla avevano a che vedere con le pregiate spezie che provenivano dall’Oriente  e che si usavano per aromatizzare la carne e per “infinocchiare” la salsiccia. Da qui il detto toscano “essere come il finocchio nella salsiccia”  che significava di essere persona di poco valore e anche nel nostro linguaggio attuale  infinocchiare viene indicato come modo per prendere in giro o imbrogliare qualcuno.
  • dalla metà dell’800 la parola finocchio si associa al termine omosessuale sembra  che si tratti di una allusione all’ “occhio fino”, un modo burlesco di indicare l’ano.

Gratin di finocchi e arance saporito e leggero, un mix di vegetali invernali di grande raffinatezza. Scopri anche tu il sapore di questo contorno.

E delle arance non si parla?

Gli aranci sono probabilmente originari della Cina, ma dal periodo della dominazione araba vengono estesamente coltivati nel bacino mediterraneo, particolarmente in Sicilia e Calabria. Le numerose varietà possono venire raggruppate in due principali sottospecie: l’arancio dolce e l’arancio amaro (vedi). Le arance dolci. sono il frutto del Citrus aurantium (varietà dulcis) propriamente detto, e le sue varietà più comuni si distinguono in bionde e sanguigne, quest’ultime a loro volta suddivise nelle varietà moro, tarocco e sanguine/lo. Oltre ai frutti freschi, sono disponibili in commercio la polpa di arancia surgelata e il succo d’arancia concentrato, con o senza zucchero.

Le arance maturano da novembre a primavera inoltrata e alcune varietà addirittura all’inizio dell’estate. Scegliete arance compatte, piene; evitate quelle ammaccate, ammuffite o comunque danneggiate. Refrigerate le arance se intendete conservarle a lungo; tenetele a temperatura ambiente per periodi di conservazione più brevi. Le arance sono ricche di vitamina C ma contengono anche vitamina A e sali minerali.

Ricette contorni ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (11 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Carciofi alla giudia

Carciofi alla giudia, un piatto della tradizione romana

Origini e curiosità dei carciofi alla giudia I carciofi alla giudia sono uno dei piatti più famosi e prelibati della cucina romana. La loro origine risale al XVI secolo, quando la comunità...

Insalata di quinoa natalizia

Insalata di quinoa natalizia, un’idea esotica per il...

Melograno e quinoa, un abbinamento che non ti aspetti Lo avrete già capito, i protagonisti di questa ricetta sono il melograno e la quinoa. Due ingredienti che raramente si trovano insieme, eppure...