Finocchi gratinati alla scamorza , un ottimo contorno

Finocchi gratinati alla scamorza
Commenti: 2 - Stampa

Finocchi gratinati alla scamorza , un ottimo contorno. Croccante, leggermente dolce e rinfrescante, è uno dei più popolari ortaggi della cucina mediterranea, il finocchio. C’è a chi piace crudo e c’è chi lo preferisce cotto, il finocchio è molto versatile e si presta a diverse ricette. Ve ne propongo una molto interessante e gustosa, i finocchi gratinati alla scamorza. Ma prima, come sempre, vi voglio far venir voglia di prepararla, partendo dalle caratteristiche nutrizionali degli ingredienti da utilizzare.

Parliamo proprio di lui, il protagonista della ricetta, il finocchio. Il mio consiglio è di tenerne sempre qualcuno in frigorifero a partire dall’autunno, fino a primavera, quando sono più buoni. Perché?

Le proprietà salutari del finocchio

Beh uno dei motivi principali è che contiene una combinazione unica di fitonutrienti, come gli antiossidanti, preziosi alleati della salute. Nel finocchio abbiamo la rutina, la quercetina (entrambi appartenenti alla famiglia dei flavonoidi), e vari glicosidi che conferiscono al finocchio una forte azione antiossidante.

Tuttavia, il fitonutriente più affascinante contenuto nel finocchio è l’anetolo. Alcuni studi hanno dimostrato che l’anetolo sarebbe in grado di ridurre le infiammazioni e a prevenire l’insorgenza del cancro.

Finocchi gratinati alla scamorza

Oltre a possedere questi preziosi fitonutrienti, il finocchio è anche una fonte eccellente di vitamina C, un antiossidante idrosolubile di primaria importanza per l’organismo, in grado di neutralizzare i radicali liberi in tutti gli ambienti acquosi del corpo.

È anche una buona fonte di fibre può quindi aiutare a ridurre i livelli di colesterolo e, dal momento che la fibra rimuove anche le tossine potenzialmente cancerogene dal colon, il finocchio può anche essere utile anche nella prevenzione del cancro al colon. Il finocchio è, inoltre, una buona fonte di folato, una vitamina del gruppo B, e di potassio, un minerale che aiuta a ridurre la pressione arteriosa, fattore di rischio per ictus e infarto.

Che dite basta per farvi venire voglia di mangiare i finocchi? Allora, se volete una ricetta gustosa, vi consiglio di provare questa che vi propongo qui sotto.

Ingredienti per 4 persone

  • 5 finocchi teneri
  • 1 scamorza stagionata
  • 100 gr prosciutto cotto
  • 30 gr burro chiarificato
  • q.b. brodo
  • q.b. sale

Preparazione

Mondate e lavate i finocchi, tagliateli a spicchi, quindi tuffateli in acqua in ebollizione e, dopo due minuti, scolateli.

Tagliate a striscioline il prosciutto cotto e a fettine molto sottili la scamorza

Sistemate i finocchi ben scolati in un recipiente facendo un solo strato, poi salateli poco e ponete qua e là dei pezzettini di burro e le striscioline di prosciutto cotto.

Con il brodo irrorate i finocchi, incoperchiate il recipiente e sistematelo nel forno per circa 20 minuti. Scoperchiate e lasciate cuocere altri 10 minuti con la funzione grill

5/5 (463 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Finocchi gratinati alla scamorza , un ottimo contorno

  • Dom 26 Mar 2017 | Alessandra ha detto:

    Scusate,
    la ricetta si intitola finocchi gratinati alla scamorza, ma la scamorza non fa parte degli ingredienti :-) !!

    • Lun 27 Mar 2017 | Tiziana ha detto:

      Grazie avevo omesso di mettere la scamorza stagionata negli ingredienti… mano male che ci sono i lettori attenti.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Curry di verdure al forno

Curry di verdure al forno, un contorno speziato

Curry di verdure al forno, un contorno esotico Il curry di verdure al forno è un piatto che si ispira alla cucina indiana. Può essere considerato come un contorno molto speziato, o come un primo...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

colazione per gli studenti

Melanzane e zucchine alla scapece, un piatto napoletano

Melanzane e zucchine alla scapece, un contorno semplice e gustoso Le melanzane e zucchine alla scapece sono due piatti tipici della cucina napoletana. Sono famosi in tutta Italia, soprattutto...

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno sfizioso, molto gustoso, ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di...

cianfotta

La cianfotta, una versione vegetariana

La cianfotta, una pietanza che unisce mezza Italia La cianfotta o ciambotta è un piatto della tradizione italiana. E’ preparata soprattutto al Sud, dalla Campania alla Sicilia, tuttavia le...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-09-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti