Pak Choi al forno: il cavolo proveniente dall’oriente

Pak Choi al forno
Commenti: 0 - Stampa

Pak Choi al forno: il cavolo proveniente dall’oriente. Sapete cos’è il pak choi? Scopritelo con la mia ricetta del Pak Choi al forno, una pietanza a base di questo ortaggio asiatico, chiamato anche “cavolo cinese”. Se avete viaggiato in Asia, probabilmente avrete già assaggiato questa verdura. In alternativa, è probabile che ne abbiate sentito parlare negli ultimi anni, visto che è diventato un alimento di moda, grazie all’importanza che ha acquisito la cucina asiatica a livello internazionale.

Si contraddistingue per un sapore più leggero e delicato rispetto a quello comune. Non facilissimo da reperire ma sicuramente più disponibile rispetto a un tempo, il pak choi è una crucifera quindi, esattamente come il cavolo comune, si contraddistingue per un basso contenuto calorico e per la presenza di vitamina K, di vitamine del gruppo C e del complesso B.

Nella mia ricetta dei Pak Choi al forno potrete gustare questo ortaggio nella maniera più semplice possibile. Oltre al pak choi, infatti, avrete bisogno di pochissimi altri ingredienti: salsa Tamari o di soia, uno spicchio d’aglio, peperoncino, semi di sesamo bianco e olio extravergine d’oliva. Questi ingredienti vi serviranno per emulsionare il pak choi prima di metterlo in forno, in modo da mettere in risalto il suo sapore inconfondibile.

Pak Choi al forno

Il Pak Choi: il cavolo asiatico

Il pak choi è un ortaggio della famiglie delle crucifere e, per questo, viene anche denominato “cavolo cinese”. Negli ultimi anni è presente non solo nei negozi asiatici ma anche in diversi supermercati italiani visto che è aumentata la richiesta per preparare diversi tipi di piatti asiatici. Visivamente, non si assomiglia molto agli altri cavoli ma ha foglie verdi lunghe e croccanti e non ha lo stesso odore sgradevole. In più, potete trovarlo anche nelle stagioni più calde, visto che cresce anche in primavere e in estate.

Gustare il Pak Choi al forno vuol dire fare il pieno anche di proprietà benefiche. Innanzitutto, proprio come le altre crucifere, ha un basso contenuto calorico ed è ricco di fibre. In più, contiene una vasta gamma di vitamine, del gruppo B, la C e la K, ma anche di sali minerali, come calcio e fosforo. Introducendo il pak choi nella vostra dieta potrete usufruire delle sue proprietà antiossidanti e depurative, vi aiuterà a mantenere sotto controllo il livello del colesterolo e a produrre globuli rossi.

Quando trattate il pak choi dovete ricordare una cosa importante: meno lo si cuoce meglio è. Per quale motivo? Perché il rischio è quello di alterare le proprietà nutritive. Ricordo inoltre la presenza di minerali importanti come il calcio e il fosforo, essenziali quando si tratta d’incrementare i nutrienti dopo lo svolgimento di un’attività fisica.

Gli usi del pak choi in cucina sono molteplici: in Cina viene per esempio usato per accompagnare le carni, ulteriormente impreziosita grazie ad aromi.

Pak Choi

Il condimento a base di salsa Tamari

Come ho spiegato all’inizio di questo articolo, preparando il Pak Choi al forno potremo gustare al 100% il gusto di questo ortaggio. Gli altri ingredienti, infatti, serviranno solo come emulsione e quindi a potenziare il gusto del cavolo cinese. L’ingrediente principale dell’emulsione sarà la salsa Tamari, o in alternativa la salsa di soia. Sono due salse molto simili, entrambe provenienti dalla gastronomia orientale e che, a prima vista, possono essere confuse.

In realtà, anche la salsa Tamari si basa sulla fermentazione della soia. Tuttavia, rispetto alla salsa di soia che solitamente troviamo nei ristoranti asiatici, è più densa ma soprattutto più salata e più intensa. In più, visto che nella Tamari non viene preparata con il grano, come avviene per la salsa di soia, può essere consumata senza rischi anche dagli intolleranti al glutine. Ovviamente, prima di utilizzarla è sempre raccomandabile dare un’occhiata all’etichetta per esserne sicuri.

Ed ecco la ricetta del Pak Choi al forno

Ingredienti per 4 persone

  • 3 pak choi
  • tre cucchiai di Salsa di soia Tamari a fermentazione naturale senza glutine
  • 1 spicchio di aglio
  • un pizzico di peperoncino (facoltativo)
  • un cucchiaino di semi di sesamo bianco
  • 5 cucchiai di olio extravergine di oliva

Preparazione

Lavate i pak choi, sgocciolateli e asciugateli con carta da cucina. Tagliate leggermente la base, poi divideteli in quattro parti nel senso della lunghezza.

Sbucciate lo spicchio di aglio, privatelo dell’anima interna e tritatelo molto finemente con una mezzaluna.

In una ciotola, mescolate 5 cucchiai di olio con 2 cucchiai di salsa Tamari o di soia. Poi unite l’aglio tritato, una presa di peperoncino tritato e 2 cucchiaini di semi di sesamo bianco. Emulsionare bene il tutto.

Distribuite i pak choi all’interno di una pirofila da forno.

A questo punto, versatevi sopra il condimento preparato facendolo penetrare anche tra le foglie ed i gambi.

Cuocete i pak choi in forno preriscaldato a 200° per 7/8 minuti + 3 minuti sotto il grill. Dovranno risultare cotti, ma ancora croccanti.

5/5 (553 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Tacos con arista

Tacos con arista, un secondo messicano-europeo

Tacos con arista, un fast food versione fusion I tacos con arista sono un esempio di preparazione fusion, in quanto mixano elementi della tradizione messicana con elementi della cucina europea. A...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-03-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti