Confettura di prugne e ciliegie: concentrato di bontà tutto da gustare

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    3 vasetti
  • Tempo Totale
    2 Ore
confettura di prugne e ciliegie

Potete sostituire lo zenzero fresco con un cucchiaio di zenzero tritato

Quale miglior modo di iniziare la giornata se non con una ghiotta confettura di prugne e ciliegie, stimolante golosità che ci ridà la carica, che mette a tacere tutto il malumore con il quale ci troviamo a convivere, nostro malgrado, al mattino.

La confettura, frutto di un lavoro che inizia dal momento della raccolta della frutta sino alla lavorazione finale, alimento che vorremmo fosse presente sulle nostre tavole, ci predispone in maniera del tutto naturale al buon umore, dandoci un valido aiuto a dare inizio alla giornata con più allegria.

Il primo pasto della giornata deve assicurare un apporto calorico adeguato, corrispondente al 20% della quantità di calorie di cui il nostro organismo abbisogna giornalmente. La confettura, in questo scenario, assolve a pieno a questo ruolo, apportando il giusto apporto di nutrienti che ci occorre ogni mattina.

Ciliegie: depuriamoci in maniera del tutto naturale

Il migliore veicolo per il nostro benessere è rappresentato dalla selezione di ingredienti sani e genuini, primi tra tutti, come è facile intuire, la frutta. Tra quelli che maggiormente si prestano alla preparazione delle confetture spiccano le prugne e le ciliegie, particolarmente utili per il benessere del nostro organismo, in quanto in grado di preservare le nostre difese immunitarie e garantirci un’adeguata protezione dalle infiammazioni.

Le ciliegie godono infatti di un potere antinfiammatorio particolarmente notevole, che le rende alimento da privilegiare nella cura degli stati dolorosi, in particolare di quelli a danno del nostro cavo orale, nonché di quelle che colpiscono il tratto gastrointestinale.

Le ciliegie sono altresì dotate di un potere diuretico non irrilevante, la ciliegia è, infatti, fortemente depurativa oltre a rivelarsi inaspettatamente antireumatica.

Prugne: un’inattesa fonte di vitamina C

Che le prugne godano di un incontestabile potere lassativo è notorio. Esse, difatti, sono portatrici di un notevole quantitativo di fibre, che, a parte facilitare l’eliminazione delle tossine dal nostro organismo, si rivelano in grado di diminuire i livelli di colesterolo cattivo dal nostro sangue.

Un’altra qualità che solitamente passa in secondo ordine è l’alto quantitativo di vitamina C contenuto in questi piccoli frutti, utile, in particolare, a tutti coloro che versano in condizioni di astenia o anemia essendo, in questo secondo caso, in grado di favorire l’assimilazione del ferro.

Stando poi a recenti studi le prugne godono di un lodevole potere antiossidante per il quale possono essere eguagliate ai mirtilli neri.

Per tutti coloro che non vogliano rinunciare alla realizzazione di un preparato così goloso e salutare ecco rappresentati ingredienti e procedimento.

Ingredienti per 3 vasetti

Ingredienti

  • 1/2 kg prugne
  • 1/2 kg ciliegie
  • 300 gr zucchero di cocco
  • 1 dl succo di cedro
  • 1 cucchiaino cannella in polvere
  • 1 pezzettino zenzero

Procedimento

Preparazione

  1. Sterilizzate i vasetti di vetro facendoli bollire, con i coperchi e le guarnizioni, prima in acqua per almeno 10 minuti e poi facendoli asciugare in forno caldo a 180° per circa 10 minuti.
  2. Lavate e pulite le prugne e le ciliegie tagliandole a metà e privandole del nocciolo. Stendetele su di un canovaccio e lasciate asciugare.
  3. Mettete la frutta pulita e tagliata in una pentola, aggiungete lo zucchero,il succo di cedro, lo zenzero pelato e tagliato a lamelle e la cannella. Fate cuocere a fiamma bassa per circa due ore. Mescolate spesso durante la cottura ed eliminate la schiuma che si forma con l'apposita paletta.
  4. Una volta raggiunta la consistenza desiderata travasate il composto nei barattoli e chiudeteli ermeticamente. Potete usare un piccolo trucco per capire se la nostra marmellata è pronta: mettetene un  cucchiaino in un piatto e se non cola vuol dire che è pronta.
  5. Rovesciate i vasetti a testa in giù e lasciate raffreddare. Conservate in luogo fresco e asciutto.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *