bg header
logo_print

Lasagne di quinoa, un primo piatto ottimo e senza glutine

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

lasagne di quinoa
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette a basso contenuto di nichel
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (8 Recensioni)

Come cucinare la quinoa?

Le alternative per cucinare la quinoa sono molteplici, il modo più semplice è cuocerla come fosse riso in due tazze d’acqua (o brodo) per ogni tazza di quinoa. In una casseruola portate a ebollizione a fuoco vivace, coprite, poi, con un coperchio, abbassate la fiamma, e lasciate cuocere per circa 15-20 minuti, finché il liquido non si sarà assorbito. Infine, prima di servire dividete i “chicchi” con una forchetta.

Un altro modo semplice e gustoso di godere dei benefici della quinoa è preparare una pasta, magari una pasta all’uovo o delle ottime lasagne di quinoa.

Ricetta lasagne di quinoa

Preparazione lasagne di quinoa

  • In una terrina mescolate la farina con l’uovo e versate man mano acqua e sale. Mescolate bene, l’impasto deve essere liscio e senza grumi.
  • Per la cottura potete utilizzare sia una pentola antiaderente del diametro di 16/18 cm circa sia una crepiere.
  • Prima di versare l’impasto scaldate molto bene la pentola e ungetela leggermente. Quando la pentola è ben calda versate un mestolino di composto nel centro e stendetelo facendo roteare. Se usate una pentola coprite con il coperchio e cuocete per qualche minuto.
  • Quando vedete che il bordo della crepe comincia a dorarsi e si stacca dalla padella, giratela dall’altro lato per un minuto. Continuate così fino a che non terminate tutto l’impasto che avete preparato.
  • Ora passate alla farcitura e alla besciamella.
  • Prendete i 3 peperoni rossi, lavateli e metterli in forno a 250° per circa 25 minuti, finché la pelle non si abbrustolisce, a questo punto metteteli in un sacchetto di plastica chiuso finché non diventano tiepidi.
  • Ora, potete togliere la pelle ed i semi, metterli nel mixer con un po’ d’olio e di sale e frullare.
  • In una padella antiaderente fate rosolare la salsiccia sbriciolata. Fate cuocere per circa 10 minuti e spegnete il fuoco.
  • In un pentolino fate scaldare il latte senza farlo bollire, poi spegnete.
  • In un altro pentolino, con il fondo pesante e antiaderente, scaldate l’olio a fiamma bassissima poi unite la farina, facendola cadere da un passino e continuando sempre a mescolare finché il composto è omogeneo.
  • Togliete dal fuoco e unite a filo il latte caldo, mescolando con forza per evitare di formare grumi.
  • Poi aggiungete il sale e rimettete il pentolino sul fuoco a fiamma bassa.
  • Continuate a mescolare con un cucchiaio di legno, finché il latte arriva a bollore.
  • Proseguite ancora fino a quando la besciamella sarà al giusto punto di densità. Ci vorranno ancora circa 10 minuti.
  • Quando la besciamella è intiepidita versate nel pentolino la salsiccia cotta, il Parmigiano e amalgamate bene tutti gli ingredienti.
  • In una teglia antiaderente adagiate sul fondo una parte delle crepes, poi coprite con uno strato di besciamella, salsiccia e Parmigiano.
  • Continuate in questo modo fino ad esaurimento degli ingredienti, terminando con uno strato di besciamella con salsiccia e Parmigiano.
  • Scaldate il forno a 100°. Coprite il composto e ponete la teglia in forno.
  • Infine, fate cuocere le lasagne per 10-12 minuti circa.
  • Poi spegnete il forno, lasciate riposare ancora per 6 minuti e servite le lasagne fumanti.

per l’impasto:

  • 500 ml. di latte di riso
  • 60 gr. di panna di riso
  • un pizzico di sale
  • 3 uova
  • 200 gr. di farina di riso
  • 50 gr. di farina di quinoa

per 1/2 litro di besciamella

  • 500 ml. di latte intero consentito
  • 50 gr. di farina di riso
  • 50 gr. di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di sale

per la farcitura

  • 250 gr. di parmigiano reggiano 48 mesi
  • 3 peperoni rossi
  • 150 gr. di salsiccia
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale

Le lasagne di quinoa, un primo piatto a prova di intolleranze alimentari

Lo chef in questa puntata ci ha proposto, uno dei suoi piatti nei quali utilizza preparati a base di farine senza glutine. Per noi, ha cucinato le lasagne di quinoa.

Dal punto di vista nutrizionale la quinoa, è quello che gli americani chiamano super -food, ovvero un alimento che contiene valori nutrizionali e benefici non riscontrabili in altri alimenti. Inoltre, dal punto di vista di chi soffre d’intolleranze alimentari, in primis al glutine e al nichel, la quinoa, è un alimento del tutto sicuro.

Il rapporto tra carboidrati, proteine e grassi è quasi perfetto, questo rende la quinoa ideale per essere consumata anche da sportivi o da chi cerca di perdere peso. Rilevante è, infatti, non tanto la quantità di proteine, ma, piuttosto, la varietà: la quinoa è il perfetto equilibrio di tutti e nove gli aminoacidi essenziali per l’alimentazione umana.

Questa caratteristica, comune nella carne, si trova raramente in alimenti di origine vegetale, per questo la quinoa è considerata una delle migliori fonti di proteine vegetali reperibile.

Lasagne di quinoa, un primo tra tradizione e sperimentazione

Oggi vi presento le lasagne di quinoa, una variante davvero suggestiva delle lasagne alla bolognese. Si distingue non solo per la lista degli ingredienti, che propone dei veri e propri elementi di novità, ma anche per il procedimento. Sia chiaro, la composizione a strati rimane, ma è valorizzata dalla presenza di ben due preparazioni: la besciamella e una purea di peperoni.

Le lasagne di quinoa si fanno apprezzare per il loro sapore a metà strada tra il rustico e l’esotico. Il carattere rustico è dato dalla presenza di ingredienti “tipici” della cucina italiana, come i peperoni e la salsiccia. Il carattere esotico è dato, invece, dall’impiego della farina di quinoa. Per inciso, questa non è impiegata per creare delle sfoglie di pasta, come si farebbe con le farine tradizionali, ma delle vere e proprie crepes.

Grazie alla quinoa, ma anche alla farina di riso che viene impiegata come ingrediente base, le lasagne sono accessibili anche a chi soffre di celiachia. D’altronde, questo tipo di farina è totalmente priva di glutine. La ricetta è consigliata anche agli intolleranti al lattosio, infatti il latte vaccino è sostituito dal latte di riso o dal latte delattosato, che è solo un po’ più dolce dell’originale.

Una farcitura semplice ma squisita

Le lasagne di quinoa spiccano per la corposità e l’abbondanza di sapori. Da questo punto di vista non si differenziano dalle lasagne classiche. Tuttavia, in questo caso la farcitura è formata da due composti sui generis: una besciamella alla salsiccia, che approfondirò tra poco, e una purea di peperoni rossi.

I peperoni rossi spiccano per la dolcezza, che è di gran lunga superiore a quella dei peperoni verdi e persino dei peperoni gialli. Questo tipo di peperoni sono leggeri, soprattutto se vengono cotti e spellati. Inoltre, sono ricchi di vitamina C (che fa bene al sistema immunitario) e di potassio, che ottimizza la pressione del sangue. I peperoni rossi contengono anche la luteina e il licopene, che sono responsabili del colore e svolgono una funzione antiossidante.

In occasione di questa ricetta, i peperoni vanno lavati e cotti per circa 25 minuti al forno. Poi si pongono in un sacchetto e si attende che si raffreddino un po’. Al termine di questa operazione i peperoni non saranno solo cotti, ma anche facili da spellare. Non rimane dunque che procedere con la rimozione della buccia e con il frullaggio. Bastano pochi colpi di mixer, aggiungendo un po’ di olio e di sale per ottenere una purea morbida, colorata e gustosa.

Una besciamella anti-intolleranze

Uno dei punti di forza delle lasagne di quinoa è la presenza della besciamella alla salsiccia. Si tratta di una besciamella diversa dal solito, dalla grana variegata e dal sapore accentuato. L’impatto della carne si fa sentire in questo tipo di besciamella, a tal proposito la salsiccia va sbriciolata e cotta in padella antiaderente senza grassi aggiunti per una decina di minuti.

Per quanto riguarda la besciamella in sé, questa va preparata con il latte, la farina e l’olio (che sostituisce il burro). Il latte deve essere intero, in quanto i suoi grassi tornano utili alla formazione della “crema”. Tuttavia, se soffrite di intolleranza al lattosio, optate per il latte delattosato.

La farina deve essere di riso e quindi accessibile anche ai celiaci. L’ultimo tocco è garantito dal Parmigiano, che rende la besciamella più sapida e saporita, oltre che più densa. Fate attenzione a non utilizzarne troppo Parmigiano, in quanto potreste ritrovarvi con una besciamella poco spalmabile.

In linea di massima otterrete una bella besciamella “rinforzata” con sapori e sostanze nutritive abbondanti. In questo caso troviamo più prodotti caseari, una farina e persino della carne.

Come comporre le lasagne di quinoa?

Come abbiamo visto, le lasagne di quinoa sono molto diverse dalle lasagne tradizionali. Tuttavia presentano alcuni punti in comune, come la presenza di una pasta sotto forma di crepes, che è adeguata ad accogliere un corposo ripieno. Stesso discorso per la presenza della besciamella, che è arricchita dalla salsiccia e dal Parmigiano.

A segnare un punto di incontro tra questa lasagna e quella alla bolognese vi è anche il procedimento per la sua composizione. Un procedimento che consiste nell’applicazione di strati, alternando pasta e farcitura. 

Quanti strati andrebbero posti? Non c’è un limite, d’altronde dipende dalla stabilità degli ingredienti e dalla quantità delle varie componenti. E’ importante terminare il tutto con una bella copertura in besciamella.

Le lasagne di quinoa, frutto di una forte passione per la cucina

Le lasagne di quinoa sono state fatte in occasione della messa in onda della prima puntata de “la salute vien mangiando”. E’ stata un’emozione e rappresenta il debutto e l’inizio di un’avventura! Tuttavia, nonostante un esordio con i fiocchi, l’emozione non sparisce, anzi.

Ho ricevuto tanti commenti, complimenti e conferme che mi hanno riempito di gioia e di soddisfazione e per questo ringrazio tutti quelli che mi hanno seguito e dimostrato il loro affetto.

Chi di voi segue il blog e ha visto la prima puntata, sa che “la salute vien mangiando” è soprattutto passione per la cucina, coniugata per ottenere un maggiore benessere fisico e migliorare la propria salute. E’ una cucina non solo per chi soffre d’intolleranze alimentari o per chi ha particolare esigenze alimentari, ma per tutti in quanto la salute dipende da quello che mangiamo.

Per questo, in ogni puntata abbiamo la fortuna di ospitare chef importanti, conosciuti a livello nazionale, che ci offrono una loro ricetta studiata apposta per soddisfare questo obiettivo.

Ricette lasagne ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...

Cous cous con vongole e zucchine

Cous cous con vongole e zucchine, un piatto...

Uno sguardo alle vongole Tra i protagonisti di questo cous cous spiccano le vongole, tra i molluschi più apprezzati in quanto capaci di trasmettere delle note ittiche in un contesto di generale...

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...