Filetto di branzino al forno in crosta di melanzane e salsa di peperoni dolci

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo di Preparazione
    45 Minuti
  • Tempo di Cottura
    20 Minuti
branzino al forno

Un secondo di pesce da leccarsi i baffi!

Oggi ho fatto la spesa per preparare questo meraviglioso piatto che mi potro’ gustare in totale serenità: il branzino al forno in crosta di melanzane e salsa di peperoni dolci.

Vivendo in una cittadina del nord, ho a disposizione diversi negozi di ogni genere, per la ricerca e composizione dei miei piatti preferiti, e cucinare le specialità di qualsiasi paese: mi piace mangiare bene e uscire a cena ogni volta che posso. Se non fosse che per un particolare: sono allergica e intollerante a diversi alimenti che contengono nichel e lattosio.

Sto facendo degli sforzi incredibili per mantenere una vita sociale decente, convincendo i ristoratori a comprendere le esigenze di un soggetto con questo problema.

Il branzino al forno è una vera bontà!

“Non è facile amare il cibo quando sai che alcuni alimenti ti fanno male”. Ma è una lotta che vale la pena di portare avanti.

Mi piacerebbe estendere la possibilità di “azione” alimentare, spostarmi sulla scelta degli alimenti da mangiare nella giornata e nella settimana! Ma non solo, vorrei capire come poter estendere questa mia esigenza.

Chi cresce con un’esperienza del tipo “so che ci sono cibi pericolosi per me” non ha una vita di relazione e sociale normale.

Non ho avuto con la mensa scolastica i problemi che hanno i bambini allergici ad alimenti che si trovano un po’ in tutti i cibi come latte uova o frumento”. Ma col passare del tempo nutrirsi è diventato sempre più complicato: si sono manifestate intolleranze a soia, latticini e frumento, zucchero bianco, oltre alla comparsa di eczemi e asma.

“Ci sono alimenti che mi fanno pizzicare le labbra e la gola, e così alcune varietà di frutti tropicali. In alcuni periodi dell’anno la problematica aumenta: niente di grave, ma la sensazione è così sgradevole che tendo a evitarli”.

In queste condizioni preparare un pasto diventa una corsa a ostacoli, per non parlare di un incontro conviviale o un pic-nic.
La maggior parte degli allergici reagisce all’alimento che non tollera con rash cutanei e disturbi digestivi, ma ci sono soggetti per cui consumare glutine, noci, pesce o determinati vegetali, e persino cibi che sono venuti in contatto con questi alimenti durante la preparazione, la cosiddetta contaminazione incrociata, vuol dire rischiare lo shock anafilattico e la morte. “Se consideriamo lo spettro delle allergie alimentari serie, non sono messo poi così male, soprattutto ora che sono cresciuta e conosco il problema e i miei disturbi si sono attenuati”.

“Per chi non soffre di allergie o di intolleranze alimentari, tutto questo suona strano, una delle cose che mi sento chiedere più spesso dai non allergici è come faccio a sopportare questa situazione”, osserva: “La verità è che nel complesso sono una persona molto sana. Più di molti miei coetanei che fanno vita sedentaria, fumano e si rimpinzano di junk food.

Certo, bisogna lavorarci sopra”. E sull’impegno necessario per essere sani, non si rilasciano deleghe in bianco, bisogna prevenire, sottoporsi a test seri, per la ricerca di allergie tramite i test convenzionali e la ricerca di intolleranze alimentari attraverso il test ALCAT.

Una volta individuati gli alimenti o l’alimento che potenzialmente può creare sgradevoli reazioni è utile seguire una dieta a rotazione che permette di iniziare a tollerare, entro una certa misura individuale, gli alimenti che prima creavano spiacevoli reazioni, per poter condurre una vita da “normale” intollerante.

Meno male che in questo cammino ho trovato chef di straordinario livello umano come Daniele Zennaro, chef del Vecio Fritolin, che ha delle idee geniali come questo piatto che abbiamo cucinato per 7GOLD.

Ingredienti per 4 persone

  • 4 filetti di branzino da circa 200 g dalla polpa ben soda
  • 1/2 kg di melanzane tonde
  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • 1 peperone verde
  • 1 limone
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • q.b. sale

Procedimento

  1. Spinare e spellare il filetto di branzino, lavarlo con acqua gasata fredda, asciugarlo e conservarlo a 4°C avvolto da un canovaccio asciutto.
  2. Arrostire i peperoni sulla fiamma viva fino a far bruciare la pelle, metterli in un sacchetto morbido chiuso e farli sudare (faciliterà la fase di spellatura e darà un leggero tono di affumicato).
  3. Una volta sbucciati e privati dei semi frullare la polpa al Bimby e ottenere tre creme dense ben ferme dai colori brillanti. Lavare le melanzane e togliere la parte del gambo e spuntare il fondo.
  4. Con l'aiuto di una mandolina affettare delle fette sottili di melanzana e sistemarle leggermente intercalate su una teglia con carta da forno, salare leggermente e spennellare con del succo di limone, coprire con carta forno e una teglia a fare peso, passare in forno a 150°C per circa 12 min. dovranno risultare cotte, morbide e soprattutto leggermente rosate.
  5. Tamponare l'acqua di cottura in eccesso e far raffreddare. Tagliare delle strisce di melanzane larghe quanto il filetto di pesce e avvolgerlo con le stesse.
  6. Su una padella antiaderente calda con pochissimo olio rosolare i filetti di branzino facendo arrostire il guscio di melanzana, completare la cottura in forno caldo a 200°C per altri 8min.
  7. Sistemare le salse di peperoni puntinando con gocce irregolari per forma e disposizione lo specchio del piatto e accomodarvi al centro il filetto di branzino in crosta di melanzane.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *