bg header
logo_print

Zuppa di porri e patate, una vellutata per i giorni freddi

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

zuppa di porri e patate
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
3.5/5 (2 Recensioni)

Zuppa di porri e patate, un piatto nutriente per l’inverno

È superfluo dare una definizione alle zuppe e alle minestre, piatti tipici italiani con una vasta gamma di specialità. È bene, però, fare una piccola distinzione: sebbene entrambi i tipi di minestre siano a base di verdure e legumi, le minestre vere e proprie sono completate da pasta o riso, mentre le zuppe si accompagnano in genere con pane tostato.

Due sono le regole fondamentali per la preparazione di questi piatti: le verdure vanno sempre tagliate a pezzettini e fatte stufare con burro in modo che perdano tutta la loro umidità; la rosolatura deve essere a fuoco lentissimo, affinché gli Ingredienti «verdi» possano impregnarsi al massimo di condimento e trasmettere a questo tutto il loro aroma.

Solo dopo queste due operazioni preliminari si passa all’aggiunta del liquido. A questa categoria di primi piatti appartengono naturalmente anche i minestroni, che forse sono gli «esponenti» più rappresentativi di questa famiglia, per la grande varietà dei loro componenti e per la sostanza in essi contenuta. Questa minestra porri e patate è di quelle facilissime da fare, gradita a tutta la mia tribù e perfetta per gli intolleranti al glutine e lattosio!

Ricetta zuppa di porri e patate

Preparazione zuppa di porri e patate

  • Mondate, lavate e pulite i porri prima di affettarli, sbucciate le patate e tagliate a tocchetti , in una pentola fare un soffritto con olio e cipolla sbucciata e affettata finemente.
  • Mettete i porri, le patate e versare parte del brodo.
  • Cuocete prima a pentola coperta per una decina di minuti, e poi versate il resto del brodo, un po’ di sale e finite la cotture senza coperchio fino a che le patate non saranno morbide.
  • Una volta pronte frullate il tutto con il mixer fino a raggiungere una consistenza cremosa e una volta pronta condite con un filo d’olio d’oliva e il parmigiano grattugiato.
  • E’ un’ottima idea accompagnare con crostini di pane tostati. Potete rifinire anche con dell’ erba cipollina lavata e tagliuzzata.

Ingredienti zuppa di porri e patate

  • 4 porri
  • 3 patate
  • 1 cipolla
  • mezzo lt. di brodo vegetale
  • 40 gr. di Parmigiano Reggiano 48 mesi grattugiato
  • q. b. di sale e di pepe
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva

Le straordinarie proprietà dei porri

Tra i protagonisti di questa zuppa di patate spiccano i porri. Nello specifico, i porri vengono lavati, puliti e ridotti a fette, infine vengono cotti insieme alle patate con l’aiuto del brodo vegetale. In genere si utilizza la parte bianca del porro, che ricorda in quanto a sapore la cipolla ma si distingue da quest’ultima per la delicatezza e per l’aroma. Tuttavia, è possibile utilizzare la parte verde, o almeno quella meno coriacea, per dare un’intensità spiccata alla zuppa senza interferire più di tanto con gli altri ingredienti.

Il porro è un alimento benefico. A fronte di un apporto calorico pari a 60 kcal, regala molti sali minerali. Il riferimento è soprattutto al calcio e al fosforo, che fanno bene alle ossa e alle facoltà cognitive (in primis la memoria). Il porro abbonda anche di vitamina C, perfetta per il sistema immunitario, vitamina E e vitamina K, quest’ultima è fondamentale per mantenere un buon grado di densità del sangue.

Esploriamo i benefici delle patate

Nella zuppa di porri e patate quest’ultimo ingrediente gioca un ruolo fondamentale per la buona riuscita della ricetta. Proprio come i porri, le patate vanno tagliate e cotte nel brodo vegetale. Ma quale varietà di patate è opportuno scegliere per questo piatto? Potete scegliere le patate a pasta gialla, e in questo caso il loro sapore emergerà in maniera chiara, oppure potete scegliere le patate bianche farinose, che presentano un sapore più delicato e spiccano per la morbidezza e per la capacità di sfaldarsi e ridursi in purea (che fa molto comodo nella preparazione delle zuppe).

A prescindere dalle varietà, le patate vantano un discreto profilo nutrizionale. L’apporto calorico è inferiore a quanto si pensa, infatti non supera mai le 90 kcal per 100 grammi. Inoltre, apportano ottime quantità di carboidrati, a tal punto da sostituire il pane, la pasta e gli altri cereali. Infine, sono ricche di vitamine e sali minerali.

Le patate sono piene di amido (in particolare quelle farinose), ciò permette alle zuppe e alle vellutate di acquisire una marcata morbidezza e di vantare una perfetta amalgama tra i sapori.

Il brodo vegetale, il segreto per un’ottima zuppa di porri e patate

Il segreto di questa zuppa di porri e patate è proprio il brodo vegetale. Esso consente una cottura omogenea, previene gli effetti collaterali dell’amido (che tende a far attaccare gli alimenti alla pentola) e insaporisce la preparazione. Proprio per questo non prendete sottogamba la preparazione del brodo, rinunciando al classico dado pronto, che si caratterizza in genere per un deficit di sapore e per l’eccessiva sapidità. Vi consiglio quindi di fare il brodo con le vostre mani, scegliendo in prima persone le materie prime.

Preparare il brodo vegetale è semplice, ma preparare un eccellente brodo vegetale è già più difficile. Per questo motivo ho preparato una guida apposita, che vi permetterà di ottenere un brodo vegetale genuino e leggero. Ovviamente, se soffrite di sensibilità o allergia al nichel operate le dovute sostituzioni, infatti buona parte dei vegetali da brodo contiene questo allergene.

Ci vanno le spezie in questa zuppa di porri e patate?

La zuppa di porri e patate vuole essere un primo piatto semplice e genuino, che esalta il sapore dei due ortaggi. Tuttavia, si può pensare all’aggiunta di spezie ed erbe aromatiche senza esagerare e facendo in modo che le note corpose degli ingredienti principali non vengano meno.

Per questa vellutata vi consiglio di andare sul sicuro e puntare sul prezzemolo, che sta bene sulle patate e sui porri. Se invece desiderate un sapore più deciso e tendente all’amarognolo, potete utilizzare la maggiorana e l’origano. Infine, se desiderate un sentore ancora più delicato scegliete l’erba cipollina, che ricorda la cipolla ma in una versione più soft.

Per quanto concerne le spezie il rischio è di coprire gli ingredienti, dunque vi consiglio di non andare oltre il classico pepe. Per il resto c’è il Parmigiano grattugiato e l’olio extravergine di oliva, un’accoppiata vincente quando si tratta di condire zuppe, minestre e vellutate.

Zuppe per tutti i gusti

La zuppa di porri e patate ci da modo di fare una breve panoramica sul mondo delle zuppe. Le zuppe nascono come piatti poveri, che danno vita a preparazioni interessanti o a delle vere ricette gourmet. Ecco alcune delle mie zuppe preferite (con le relative ricette).

Zuppa di cavolo nero e baccalà, una vellutata che unisce la corposità della verdura con la sapidità del pesce. Un primo completo, che apporta tante proteine.

Zuppa di quinoa al dragoncello, una preparazione aromatica ed esotica, che sfrutta tutte le potenzialità di uno pseudo-cereale come la quinoa.

Zuppa di aglio orsino, un primo molto aromatico che viene valorizzato dall’azione legante e corposa delle patate.

Zuppa di verdure con uovo poché, un altro primo molto corposo che può fungere da pasto completo. In questa ricetta la delicatezza delle verdure incontra il sapore deciso delle uova.

Zuppa fredda di piselli e aneto, un piatto per l’estate che si mangia con gusto, grazie alle combinazioni azzeccate degli ingredienti.

FAQ sulla zuppa di porri e patate

Che parte si usa del porro?

Del porro si utilizza in genere la parte bianca, soprattutto se lo scopo è quello di preparare i soffritti. Tuttavia, la parte verde è nutriente e propone sentori molto accesi, ideali per molti tipi di zuppe. Le foglie, infine, possono essere impiegate per preparare il brodo vegetale.

Che differenza c’è tra zuppa e vellutata?

La differenza principale consiste nella consistenza, che nel caso della vellutata è molto più morbida e caratterizzata da una texture più regolare. Questo effetto è ottenuto mediante il passaggio in frullatore delle verdure e l’impiego di leganti come la panna.

Che gusto ha il porro?

Il porro ha un sapore simile a quello della cipolla, anche se in alcune varietà si registrano sapori simili alle erbe aromatiche. In ogni caso il porro è più delicato, e quindi adatto ai soffritti leggeri che interferiscono poco con gli altri ingredienti.

Ricette di zuppa ne abbiamo? Certo che si!

3.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

2 commenti su “Zuppa di porri e patate, una vellutata per i giorni freddi

  • Mar 13 Dic 2011 | pamela ha detto:

    insomma…una delizia mai fatta ma mi piacerà di sicuro!!!

  • Mer 14 Dic 2011 | Tiziana Colombo ha detto:

    Ciao, l’orto mi ha portato a sperimentare negli anni tantissimi tipi di zuppe, creme e vellutate. questa è una delle preferite da tutta la famiglia.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caserecce con pesto di kale

Caserecce con pesto di kale, un primo rustico...

Cosa sapere sul cavolo riccio Il protagonista di queste caserecce è il pesto di kale, o di cavolo riccio. E’ un pesto particolare e un po’ meno aromatico rispetto al pesto con foglie di...

Zuppa di asparagi

Zuppa di asparagi, un primo colorato e gustoso

Un focus sugli asparagi I protagonisti di questa zuppa sono ovviamente gli asparagi. Gli asparagi esprimono una bella tonalità di verde, d’altronde si utilizza un mazzo intero, che equivale a...

Pici con le briciole

Pici con le briciole, il primo rustico della...

I differenti tipi di pici I pici con le briciole sono il simbolo della genuinità e dell’autenticità della cucina toscana, sono realizzati con farina, acqua e sale. L’impasto viene poi tirato a...