bg header

Lenticchie e zucchine aromatizzate

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Lenticchie e zucchine aromatizzate

Cosa preparo per il Cenone?

Lenticchie e zucchine aromatizzate per il cenone di San Silvestro che non avrebbe fascino senza le lenticchie che, come dice una voce popolare, annunciano ricchezza e fortuna per l’anno che sta arrivando. Non è dato sapere se quest’usanza è legata alla loro forma, simile a quella delle monete, o alla capacità nutritiva, tenuta in gran conto nelle antiche civiltà. Certa è invece la loro presenza già durante i primi passi della storia.

Pensate: se non bastassero le testimonianze del biblico piatto di lenticchie di Esaù e le ricette di Apìcio nel De Re Coquitiaria , al Louvre sono conservate tre lenticchie provenienti da una tomba egizia del 2300 a.C. Le cucine regionali italiane hanno fatto tesoro di questi legumi.

Lenticchie e zucchine aromatizzate : un buon contorno

In Lombardia ancora oggi si gustano con la folaga (un volatile di palude), in Emilia Romagna con il bollito misto, nel Lazio e in Abruzzo sono il tema di zuppe saporite; in Campania e in particolare a Napoli “fanno” minestra insieme alla borragine e in Puglia esiste una favolosa pasta con le lenticchie. Anche fuori dai nostri confini confermano il meritato successo: in India e in Medio Oriente sono fra i legumi più diffusi e si preparano con mille erbe e spezie.

Lenticchie e zucchine aromatizzate

Nella cucina contemporanea, quella creativa per intenderci, le lenticchie sembrano non serbare segreti e contribuiscono a creare sfiziose insalate, ghiotti purè e sorprendenti piatti con molluschi e crostacei. Curiosamente, c’è solo un aspetto che la storia della gastronomia non ha mai registrato: il commercio e l’utilizzo delle lenticchie fresche, cosa che invece capita agli altri legumi. Il perché è semplice: se sgusciate si rompono con facilità.

Alla scoperta delle proprietà delle lenticchie

Per apprezzare ancora di più questo piatto a base di lenticchie e zucchine aromatizzate, perfetto per gli intolleranti al lattosio, è il caso di approfondire le proprietà degli ingredienti. Cominciamo appunto dalle lenticchie, caratterizzate da un important apporto proteico oltre che dalla presenza di una grande quantità di fibre, il che le rende adatte a chi ha bisogno di tenersi in forma.

La lenticchia è un piccolo seme di piante erbacee annuali che fanno riferimento alla famiglia delle Fabaceae, più semplicemente dette Leguminose, e il suo nomescientifico è Lens culinaris (che indica la varietà verde).

Il frutto (che è anche il seme, così come accade per tutti i legumi) è contenuto nel bacello. Per quanto riguarda le varietà di lenticchie va detto che ne esistono veramente tantissime, più o meno tipiche a seconda delle zone in cui vengono coltivate. In Italia, ad esempio, sono molto conosciute ed apprezzate quelle di Castelluccio di Norcia, riconosciute come DOP.

Le lenticchie più comuni sono quella marrone, quella rossa (che spesso viene decorticata), quella verde, la bionda e la rosa, forse un po’ più rara. Anche le dimensioni della lenticchia differiscono a seconda della varietà.

Gli straordinari benefici delle zucchine

Continuiamo a parlare dei benefici delle lenticchie e zucchine aromatizzate approfondendo le proprietà della seconda verdura. Contraddistinte da un’interessante quantità di sali minerali, le zucchine sono anche ricche di vitamina E, sostanza dal grande potere antiossidante.

Le zucchine non possono mancare nella dieta di chi vuole coniugare gusto e salute. Le ricette con le zucchine sono un toccasana per la nostra salute in quanto contengono eccellenti proprietà nutrizionali. Le zucchine, infatti, sono ortaggi ricchi di vitamina C, magnesio e zinco. Inoltre, non contengono grassi (presenti solo in bassissime percentuali) e sono più che abbondanti di fibre. Proprio per questo, non è un caso che alle zucchine vengano attribuite proprietà diuretiche e disintossicanti. Hanno, infine, un apporto calorico quasi inesistente, che le rende protagoniste anche delle diete dimagranti più ferree.

Le zucchine sono presenti con tantissime varietà, che differiscono per gusto e per aspetto. Sono simili, invece, le caratteristiche nutrizionali e le molteplici applicazioni in cucina. Uno dei pregi delle zucchine, infatti, è la versatilità, possono fungere da ingrediente principale, o di supporto, per primi, antipasti, contorni, piatti unici, torte salate e molto altro ancora. Non presentano difficoltà particolari, anche perché sono ampiamente gestibili da chi ha poca esperienza in cucina. Qui di seguito vi presento alcune ricette che valorizzano e si fanno valorizzare alle zucchine

Adesso basta parlare! È arrivato il momento di andare in cucina per preparare queste Lenticchie e zucchine aromatizzate! Le lenticchie sono fra gli alimenti con alto contenuto di nichel.

Ed ecco la ricetta delle Lenticchie e zucchine aromatizzate

Ingredienti per 4 persone:

  • 150 g di lenticchie;
  • 300 g di zucchine a fettine sottili
  • erbe aromatiche a piacere
  • 1 scalogno affettato sottilmente
  • uno spicchio d’aglio pestato
  • il succo di 1 limone
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale e pepe.

Preparazione

Lasciate le lenticchie in acqua fredda per una notte, scolatele e tuffatele per cinque minuti in una pentola con acqua bollente salata, insieme all’alloro e alla maggiorana; scolatele, tenendo il liquido di cottura.

Fate appassire in una capace pentola lo scalogno. Unite le zucchine e fatele insaporire per cinque minuti, quindi aggiungete le lenticchie, il succo di limone, l’aglio,  il basilico, il rosmarino, il sale e il pepe, e una parte del liquido di cottura delle lenticchie. Lasciate cuocere a fuoco basso per almeno un’ora o sino a che saranno ben cotte. Cospargete di prezzemolo tritato e servite la preparazione in tavola sia calda sia tiepida.

4/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

1 commento su “Lenticchie e zucchine aromatizzate

  • Sab 31 Dic 2011 | Gianni ha detto:

    Il tempo è sempre poco, ma eccomi qui almeno per augurare a te e famiglia un buon fine ed un 2012 pieno di amore, felicità e lavoro! un bacio, Gianni

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...

Carciofi alla giudia

Carciofi alla giudia, un piatto della tradizione romana

Origini e curiosità dei carciofi alla giudia I carciofi alla giudia sono uno dei piatti più famosi e prelibati della cucina romana. La loro origine risale al XVI secolo, quando la comunità...

Insalata di quinoa natalizia

Insalata di quinoa natalizia, un’idea esotica per il...

Melograno e quinoa, un abbinamento che non ti aspetti Lo avrete già capito, i protagonisti di questa ricetta sono il melograno e la quinoa. Due ingredienti che raramente si trovano insieme, eppure...

logo_print