Il Caffè con panna a Vienna è la Dama in carrozza

Dama in carrozza
Commenti: 2 - Stampa

Caffè con panna : a Vienna chiamato Dama in carrozza. Il caffè è una bevanda diffusa in tutto il mondo ma particolarmente nel nostro paese: gli italiani, infatti, sono fortissimi bevitori di caffè.

Prodotto da una pianta d’origine africana, è coltivato su larga scala in tutti i paesi tropicali dove trova il clima più adatto per il suo sviluppo. Allo stato naturale il caffè si presenta sotto forma di grani ovali di colore giallo-verdastro.

Questi semi lavati, seccati e tostati vengono poi trasformati nei ben noti chicchi di un lucentissimo color marrone.

La qualità d’un buon caffè dipende soprattutto dalla sua perfetta torrefazione: infatti, se è troppo prolungata il caffè diventa amarognolo, se è scarsa o insufficiente i chicchi non sprigionano tutto il loro aroma. Il caffè contiene la caffeina in una proporzione variabile fra i 10 e i 20 centigrammi per ogni tazza di caffè.

Questa sostanza eccitante agisce sul cervello, sui nervi e sulla circolazione del sangue con effetto benefico, purché ingerita in dosi moderate. Una quantità eccessiva di caffeina può provocare, con il tempo, danni al cuore, al sistema nervoso oltre che insonnia.

Per ottenere un caffè migliore generalmente se ne mescolano due o più qualità che ne aumentano la forza e l’aroma. Tra i tipi più pregiati di caffè, il Moka, l’Haiti, il Costarica, il Portorico: tutti nomi che indicano il luogo d’origine.

Circa l’acquisto del caffè è consigliabile orientarsi verso le confezioni sotto vuoto che mantengono inalterato l’aroma. Ricordate che il caffè a contatto con l’aria si altera facilmente perché irrancidisce l’olio in esso contenuto. È quindi opportuno conservarlo sempre in barattoli ermeticamente chiusi. Sebbene oggi sia «di moda» acquistare per maggiore comodità il caffè già macinato non dimenticate che parte dell’aroma va irrimediabilmente perso: quindi, se volete bere un caffè «super», macinatelo al momento stesso della preparazione.

Dama in carrozza

Il Caffè con panna a Vienna, lo chiamano Dama in carrozza

Qualcuno ha detto che “bere il caffè” sia il principale sport al coperto praticato dagli austriaci. Questa abitudine ha origine nel lontano 1683 quando i Turchi, sconfitti alle porte di Vienna, nella ritirata abbandonarono sul campo di battaglia numerosi sacchi contenenti strani e scuri grani, di cui i viennesi ignoravano l’impiego.

Questo mistero fu chiarito da un certo Kolschitzky di origine polacca che, conoscendo la lingua e le usanze turche, spiegò che con la polvere di questi misteriosi chicchi i turchi preparavano una bevanda scura e aromatica che bevevano più volte al giorno. A questo polacco la città riconoscente regalò un locale dietro al duomo di S. Stefano che lui trasformò nel 1685 nella prima Kaffeehaus (“bottega del caffè”).

L’usanza del caffè era già conosciuta in altre città europee ma è qui a Vienna che ha assunto questa particolare influenza nella vita pubblica. Nacquero così numerosi caffè per tutte le classi sociali dove la gente si rifugiava non solo per bere il caffè ma anche per leggere i giornali e conversare in tranquillità dei fatti del giorno e di politica.

Fu così che si inventò l’arte di perder tempo che è entrata nel costume della città, senza farsi scalfire dall’incalzare della frenesia dei tempi moderni. Anche oggi, come allora, i frequentatori dei caffè si rifanno al vecchio motto viennese: “Dio ci diede il tempo ma della fretta non ha parlato”. E così i mitici caffè viennesi continuano a far parte della leggenda della città.

Per quanto riguarda il caffè, inteso come bevanda, si diceva che doveva essere “nero come la notte, dolce come l’amore e ardente come l’inferno”, così come nelle usanze arabe. Col passare del tempo i viennesi inventarono una cinquantina di modi per prepararlo e gustarlo.

Ingredienti per 1 persona

  • ½ cucchiaino di zucchero
  • ½ cucchiaino da te di caffè bollente
  • 1 cucchiaio di panna fresca consentita montata.

Preparazione:

Mettete lo zucchero in una tazza e versatevi sopra il caffè bollente. Mescolate fin quando lo zucchero sarà completamente sciolto, poi completate con un cucchiaio di panna montata. Quando preparerete questo caffè con panna alla viennese, non fatelo troppo forte, ma usate piuttosto un’ ottima qualità di caffè e panna freschissima.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

2 commenti su “Il Caffè con panna a Vienna è la Dama in carrozza

  • Ven 6 Gen 2012 | lu ha detto:

    quanto lo adoro, e lo adorava la mia mamma … ^^ un bacione Tiziana

  • Ven 6 Gen 2012 | Stefy ha detto:

    Buon anno!!!!!!Ne prendo volentieri una tazzina insieme a te…..

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Skyr con ananas e ribes

Skyr con ananas e ribes, una colazione nutriente

Skyr con ananas e ribes, una colazione diversa dal solito Lo Skyr con ananas e ribes è un’idea spettacolare per una colazione diversa dal solito, che presenta tutte le caratteristiche del...

Breakfast burrito

Breakfast burrito per una colazione all’americana

Il breakfast burrito, un break tra colazione e pranzo completo Il breakfast burrito, proprio come suggerisce il nome, è la variante della celebre pietanza “tex-mex” pensata per la colazione....

pancakes di avocado

Tutto sul pancake, curiosità storiche e varianti

Il pancake, un dolce americano dalle origini greche I pancake sono un po’ il simbolo della cucina americana. D’altronde affollano da sempre film e serie TV, e sono entrati anche...

Colazione iperproteica

Colazione iperproteica, una alternativa al cappuccino

Cosa si intende per colazione iperproteica? Avete mai sentito parlare di colazione iperproteica? Se non conoscete il significato, sappiate che è esattamente ciò che suggerisce il nome, ossia una...

Barretta di anacardi con ananas

Barretta di anacardi con ananas, una merenda esotica

Barretta di anacardi con ananas: una scelta di ingredienti particolare. Scordatevi le classiche barrette energetiche acquistabili in farmacia e al supermercato. Questa barretta di anacardi con...

Dalgona coffee

Dalgona coffee, un’alternativa al cappuccino

Dalgona coffee, una merenda squisita Se amate viaggiare, e in particolare siete stati in Giappone e in Corea del Sud, è probabile che conosciate già il Dalgona coffee. Si tratta di una variante...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


06-01-2012
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti