Chapati, pane ideale per chi ha problemi di lieviti

Tempo di preparazione:

Dall’India alle nostre tavole: ecco il chapati

Nel mondo, ci sono tanti prodotti e piatti tipici, e alcuni sono davvero molto interessanti. Non li conosciamo tutti ma il chapati è sicuramente uno di questi. Si tratta di un gustoso pane tradizionale non lievitato, tipico soprattutto dell’India del nord. Pertanto, se avete problemi a digerire i panificati lievitati, questa potrebbe essere un’ottima soluzione, gustosa e anche nutriente.

Quella che vi mostro oggi è una ricetta semplice che prevede l’uso della farina di riso integrale senza glutine, l’acqua, un pizzico di sale e olio. Perciò, con pochi ingredienti semplici, possiamo portare a tavola un pane diverso dal solito! Volete provarlo?

La farina integrale in cucina

Come abbiamo detto, oggi prepariamo il gustoso pane tradizionale non lievitato tipico soprattutto dell’India del nord. In molte abitazioni, si usa ancora preparare un grosso impasto ogni mattina, per poi consumarlo durante il giorno, accompagnandolo a piatti di verdura o alla zuppa di dhal. Non usando lieviti, è un panificato molto più leggero e digeribile, adatto a tutti.

La farina integrale che uso per preparare il chapati è senza glutine, ma comunque ricca di nutrienti importanti, validi in particolare per fornirci un buon senso di sazietà e per regolarizzare le funzioni intestinali. Ovviamente, è meno raffinata di quella bianca e questo la rende più genuina e capace di garantire un valore nutrizionale molto più sostanzioso.

È un alimento che ci propone numerosi aminoacidi importanti per il corretto funzionamento dell’organismo, ma anche acidi grassi, minerali e interessanti vitamine, come la E e le vitamine del gruppo B. Questa farina ci regala una valida dose di energia e il nostro corpo la digerisce più lentamente, permettendoci così di non aver fame per diverse ore.

Usiamo questa farina per il chapati e non solo…

La farina integrale è ottima per diverse preparazioni e ci consente di goderci tutto il nutrimento offerto dal grano, sotto forma di dolci ideali da servire al momento del dessert o da assaporare a colazione o a merenda. Possiamo usarla inoltre per infarinare gli alimenti, usandola al posto di quella bianca, e per preparare pizza, schiacciate e pasta fresca. In generale, è perfetta per essere abbinata con ingredienti liquidi e/o grassi (come olio, uova o acqua), e quindi per dare vita a impasti deliziosi.

Questi ultimi, in base agli ingredienti, possono trasformarsi in tutto quello che vogliamo. Perciò, oltre al chapati, possiamo utilizzare questa nutriente farina quando vogliamo, rendendo i nostri pasti più genuini e più carichi di nutrienti.

Ingredienti

 

  • 250 gr. di farina di riso integrale Probios – Senza Glutine
  • 1/2 tazza di acqua bollente
  • un pizzico di sale
  • 2 cucchiai di olio

Preparazione

Versare la farina in una ciotola capiente, aggiungere l’acqua, un piccolo quantitativo di olio e lavorare con le mani per 10-15 minuti fino ad ottenere un impasto omogeneo di consistenza elastica, che non deve risultare secco o appiccicoso. Nel caso la farina sia totalmente integrale può essere necessario aumentare il quantitativo di acqua.

In seguito, spruzzare l’impasto con un poco di acqua, coprirlo con un panno e lasciarlo riposare per una o due ore quindi lavorarlo nuovamente e dividerlo in parti uguali della dimensione di una piccola pesca o anche meno.

Con un mattarello spianare ogni pallina su di un ripiano leggermente cosparso di farina fino a ridurla ad un disco sottile di circa dodici centimetri di diametro, se possibile con le estremità leggermente più sottili del centro.

Riscaldare una padella dal fondo spesso o una piastra di ghisa fino a quando non risulta molto calda e porvi direttamente il disco. Cuocere da 30 secondi a tre minuti per lato, a seconda dello spessore dell’impasto, fino a quando assumerà una colorazione leggermente brunita e compariranno piccole bolle.

Usando delle pinze da cucina tenere il chapati direttamente sopra la fiamma del fornello – pochi secondi per lato – fino a quando non si gonfia un poco. Per terminare spennellare con olio.

Per mantenere caldo il chapati mentre tutti i dischi cuociono si suggerisce di avvolgere quelli già pronti in un telo pulito. Si consiglia di servire immediatamente.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *