bg header

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Idli

Le particolarità del pane indiano idli

Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto semplice da realizzare, basta farlo fermentare per almeno una decina di ore, un lasso di tempo necessario affinché gli amidi si spezzino e diventino più digeribili. Il sapore degli idli è molto delicato, dunque raramente vengono consumati da soli. In buona sostanza, proprio come il nostro pane, funge da accompagnamento. Di norma, gli idli vengono abbinati a preparazioni salate e speziate, magari a base di verdure e legumi. Queste tortine vengono talvolta utilizzate per accompagnare delle salse, in particolare la chutney.

Per prepararli è necessario un apposito strumento, l’idli maker. Si tratta di un set composto da un vassoio con stampi, una pentola molto larga e un coperchio. Quando l’impasto è pronto va inserito negli stampi, dopodiché il vassoio si trasferisce nella pentola con all’interno due bicchieri d’acqua; la cottura è dunque al vapore. L’idli ha un altro pregio, ossia è adatto ai celiaci e a chi soffre di problemi nell’assorbimento del glutine. Infatti, né il riso né tantomeno le lenticchie contengono questa sostanza. Per quanto riguarda il sale, potete inserirlo a vostro piacimento, alcune varianti, a dire il vero, ne fanno a meno.

Un altro pane che arriva dall’India alle nostre tavole è il chapati. Nel mondo, ci sono tanti prodotti e piatti tipici, e alcuni sono davvero molto interessanti. Non li conosciamo tutti ma il chapati è sicuramente uno di questi. Si tratta di un gustoso pane tradizionale non lievitato, tipico soprattutto dell’India del nord. Pertanto, se avete problemi a digerire i panificati lievitati, questa potrebbe essere un’ottima soluzione, gustosa e anche nutriente.

A far compagni al chapati e all’idli troviamo il Naan. È la soluzione ideale per chi ha voglia di cambiare e di provare nuovi sapori persino per quanto riguarda questi alimenti di base, che possiamo definire più “semplici” e che portiamo a tavola praticamente tutti i giorni. Il naan è speciale e potrà conquistarvi senza alcun dubbio, offrendovi nutrimento e soddisfazione. Potrete abbinarlo con tanti alimenti e offrirlo persino ai vostri ospiti, in qualunque occasione.

Mi mancano da provare il roti e il paratha.  In India il pane va preso sul serio e nei ristoranti il menù ha una pagina dedicata alle varie tipologie di pane,  quasi come nei nostri stellati che troviamo la lista delle acque e dei caffè. Una delle mie prossime mete sarà sicuramente l’India con tappa forzata al Taj Mahal. Credo che tutti sappiano di cosa sto parlando. Il Taj Mahal è il mausoleo più bello al mondo secondo tante persone. Ed’ è considerato una delle Sette Meraviglie del Mondo Moderno. Nel 1983 riconosciuto dall’ Unesco come Patrimonio dell’Umanità. Tanti amici mi raccontano che è difficile restare indifferenti al fascino che si sprigiona dai molteplici aspetti caratteristici dell’India, del suo popolo, della sua cultura indiana e delle sue tradizioni, oltre che dei luoghi che inevitabilmente hanno segnato il nostro immaginario nei secoli ma anche dalle tradizioni culinare.

Oltre alla moltitudine dei colori, l’India è affascinante per i suoi sapori. Le pietanze della tradizione sono davvero molte e diverse, riuscendo ad accontentare ogni genere di palato, ma soprattutto chi ama le spezie e il piccante, e in generale i sapori intensi non resite al suo fascino. Mai dire mai!

Le proprietà delle urad dal

Tra gli ingredienti più particolari di questi idli spiccano le urad dal. Con questa espressione si intendono dei particolari legumi coltivati soprattutto in Asia, che fungono da protagonisti per molte ricette indiane. Assomigliano a delle lenticchie, a tal punto che vengono associate a queste ultime, sebbene appartengono a una specie a parte. Si presentano con un chicco molto piccolo, di colore bianco, coperto da una buccia sottile. Proprio come le lenticchie nostrane, le urad dal spiccano per l’apporto di proteine, carboidrati e sali minerali, in particolare sono ricche di ferro.

Idli

In occasione di questa ricetta, le urad dal vanno ammollate a lungo, per almeno una notte. Dopodiché vanno frullate, integrando un po’ d’acqua, infine vanno unite a un altro “frullato”, in questo caso realizzato con il riso ben ammollato. Si va a formare in questo modo un impasto molto morbido, da sottoporre a fermentazione. Per quanto concerne il riso, andrebbe utilizzato il parboiled. Esso, infatti, è l’ideale per questo genere di preparazioni, dal momento che non assorbe troppi liquidi e contiene una dose equilibrata di amido.

Un approfondimento sull’olio di girasole

Per la ricetta degli idli andrebbe utilizzato solo l’olio di girasole. D’altronde, non funge da ingrediente vero e proprio, bensì da supporto. Nello specifico, viene impiegato per ungere gli stampi, anche se, nel corso della cottura, viene integrato nell’impasto. Ovviamente l’olio di girasole si difende molto bene anche dal punto di vista nutrizionale.

Il riferimento è alla presenza di antiossidanti, e in particolar modo della vitamina E. Questa sostanza riduce lo stress ossidativo, combatte i radicali liberi e agisce in funzione anticancro. L’olio di girasole, inoltre, è ricco di acidi grassi insaturi. Essi, se da un lato aumentano l’apporto calorico, dall’altro giovano alla salute del cuore, il riferimento è in particolare agli acidi grassi omega tre. Tutt’altro che trascurabile è poi la presenza delle vitamine, e in particolare della vitamina C.

Per accompagnare questi pani indiani solitamente vengono preparate delle deliziose salse. La maggioranza porta in tavola il Chutney, l’Hummus, la Raita, il Curry e la Tahina.

Ecco ricetta degli idli:

Ingredienti per 4-6 persone:

  • 3 tazze di riso parboiled,
  • 1 tazza di lenticchie bianche indiane urad dal,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di acqua,
  • 2 cucchiai di olio di girasole.

Preparazione:

Per la preparazione degli idli iniziate lavando il riso e ammollandolo per una notte. Fate lo stesso con le lenticchie, ma in un contenitore a parte. Macinate il riso e le lenticchie separatamente, usando un normale frullatore. A mano a mano che frullate, aggiungete un po’ d’acqua. Ora mescolate i due composti e aggiungete il sale. Conservate l’impasto così ricavato e lasciatelo fermentare per una notte.

Dopodiché, ungete di olio gli stampi (idli maker) e riempiteli fino al bordo. Poggiate il vassoio dell’idli maker su una pentola, versate due bicchieri d’acqua sul fondo e coprite con il coperchio. A questo punto accendete a fiamma media e cuocete per circa 20 minuti. In alternativa potete utilizzare degli stampi per muffin, ma in questo caso non dovreste andare oltre 1 centimetro dal fondo. Ad ogni modo, trascorso il tempo di cottura, rimuovete i tortini  dagli stampi con delicatezza utilizzando un cucchiaio

3.6/5 (9 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

1 commento su “Idli, dall’India un pane diverso dal solito

  • Pingback: Canapé | Blog di ViaggiandoMangiando

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di fiori di banano con fagiolini

Insalata di fiori di banano con fagiolini, un...

Parliamo dei fiori di banano Vale la pena parlare dei fiori di banano, che sono i veri protagonisti di questa insalata con fagiolini. Il nome non è creativo, ma molto descrittivo. Stiamo parlando...

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

logo_print