bg header
logo_print

Bignè ai lamponi e panna, un dolce unico con la pasta choux

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Bigne ai lamponi e panna
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Bignè ai lamponi e panna, dei dolci deliziosi che vanno a ruba

Oggi prepariamo i bignè ai lamponi e panna, dei dolci straordinari per gusto e scenografia, molto colorati e davvero deliziosi. Questi dolci sono la dimostrazione di come sia sufficiente apportare qualche modifica alle ricette originali per ottenere delle preparazioni gourmet, che appaiono uniche nel loro genere e trasformano il momento del dessert in una vera e propria esperienza.

In questo caso gli elementi di novità emergono già dal primo impatto. Il viola e il bianco si rincorrono, creando un bel contrasto a livello cromatico e facendo venire l’acquolina in bocca già alla prima occhiata.

La ricetta dei bignè al lamponi e panna ha un altro pregio: è facile da realizzare. Gli ingredienti sono semplici e si reperiscono senza alcuna difficoltà, mentre il procedimento è tutto sommato classico e non riserva sorprese. Certo le fasi sono numerose, d’altronde è necessario preparare la pasta choux, il ripieno e la glassa per decorare. Un po’ di manualità è gradita, ma anche i meno esperti possono ottenere risultati soddisfacenti.

Ricetta bignè ai lamponi

Preparazione bignè ai lamponi

  • Per preparare i bignè farciti ai lamponi iniziate proprio dai bignè. In una pentola versate l’acqua, il sale e l’olio. Accendete il fuoco e portate ad ebollizione. Poi incorporate la farina e mescolate con decisione. Proseguite la cottura per pochi minuti, fino a quando non avrete ricavato una sorta di composto omogeneo e compatto.
  • Trasferite il composto in una planetaria, montate l’accessorio a foglia e fate mescolare. Quando il composto ha raggiunto i 50 gradi di temperatura incorporate le uova e fate andare un altro po’. Alla fine dovreste ottenere un impasto morbido ed elastico, ma non molto denso.
  • Trasferite l’impasto (la cosiddetta pasta choux) nella sac à poche e formate dei bignè da 12 grammi ciascuno.
  • Posizionate i bignè su una teglia coperta con carta da forno ben distanziati tra loro. Cuoceteli per 20 minuti a 200 gradi, poi lasciateli asciugare sopra una griglia.
  • Intanto pensate al ripieno. Versate nel mixer i lamponi, lo zucchero a velo e il succo di limone. Poi frullate e setacciate direttamente in una ciotola.
  • Montate la panna fredda e arricchitela con quattro cucchiai di salsa ai lamponi, compiendo movimenti dal basso verso l’alto. Trasferite il composto appena ottenuto in una tasca per dolci con bocchetta piccola e farcite i bignè.
  • Fondete il cioccolato a bagnomaria, poi lasciatelo addensare un po’ e usatelo per coprire il bignè. Guarnite con la granella di pistacchi e con lo zucchero a velo prima di servire.

Per i bignè:

  • 250 gr. di acqua,
  • 100 gr. di olio extravergine di oliva,
  • 5 gr. di sale,
  • 150 gr. di farina di riso,
  • 5 uova medie

Per il ripieno e la glassa:

  • 200 gr. di lamponi,
  • 200 ml. di doppia panna fresca consentita,
  • 150 gr. di cioccolato ruby,
  • 15 gr. di zucchero a velo più quello da spolverizzare,
  • 50 gr. di granella di pistacchi,
  • 2 cucchiai di succo di limone

Bignè ai lamponi e panna: un dolce per celiaci

Per i bignè ai lamponi e panna ho usato una ricetta speciale, che permette anche ai celiaci di mangiarli senza correre alcun rischio. Proprio per questo la classica farina 00 è sostituita dalla farina di riso, che è naturalmente senza glutine. Questo tipo di farina è anche delicata, quindi lascia molto spazio agli altri ingredienti senza “scomparire” o essere relegata in secondo piano. E’ anche una farina leggera, povera di grassi e ricca di vitamine.

Per preparare questi bignè in modo sicuro per chi ha intolleranza al lattosio, puoi apportare alcune modifiche:

Usa una panna vegetale o una panna senza lattosio. Questi prodotti sono ormai facilmente reperibili e possono essere montati come la panna tradizionale.

Attenzione al Cioccolato Ruby: Dato che contiene latte in polvere, puoi optare per un cioccolato adatto ai lattosio-intolleranti o semplicemente escluderlo dalla ricetta.

Seguendo questi passaggi, potrai preparare dei bignè che siano non solo senza glutine ma anche adatti a chi ha intolleranze al lattosio, garantendo così un dolce gustoso e sicuro per tutti.

Una farcitura semplice ma d’impatto

I bignè che stiamo preparando sono farciti con la panna e con i lamponi. Insieme formano un ripieno colorato, che fa bella mostra di sé con un colore rosa-fucsia molto vivace. Il ripieno si ottiene unendo la panna montata a freddo con la salsa di lamponi, che viene preparata frullando i lamponi freschi, lo zucchero e il succo di limone. Ovviamente la salsa va ben filtrata prima di essere utilizzata.

Vale la pena sottolineare anche l’ottima versatilità dei lamponi, che sono tra i frutti rossi più apprezzati in assoluto. Sono più delicati della fragola e interagiscono efficacemente con una vasta gamma di ingredienti. Inoltre fanno molto bene alla salute, infatti sono infatti ricchi di vitamina C, potassio, antocianine (antiossidanti che agiscono in funzione antitumorale) e acido ellagico, che giova alla pelle.

Bigne ai lamponi e panna

Una guarnizione colorata e creativa per i bignè ai lamponi e panna

Tra i punti di forza di questi bignè ai lamponi e panna spicca la guarnizione, che è formata da tre elementi: lo zucchero, la granella di pistacchi e il cioccolato ruby.

Lo zucchero deve essere a velo, in quanto è l’unico capace di coprire uniformemente i dolci, generando un effetto gradevole. La granella di pistacchi, invece, deve essere abbondante per conferire ai bignè l’elemento croccante, dando vita ad un contrasto che si rinnova ad ogni morso.

E il cioccolato ruby? Sono sicuro che molti di voi non l’hanno mai sentito nominare. Si tratta di un cioccolato “recente” e allo stesso tempo antico. E’ stato commercializzato per la prima volta nel 2017 dalla svizzera Barry Callebaut, ma si ispira ad alcune tradizioni indigene dell’America centrale e meridionale. Il riferimento al nome è legato all’impiego delle fave di cacao “ruby” in qualità di pigmento, che donano al cioccolato ruby il tipico colore rosa. Si crea così un effetto caramelloso e molto bello da vedere.

In questa ricetta il cioccolato ruby va fatto sciogliere a bagnomaria, poi va lasciato solidificare un po’ e distribuito sulla superficie dei bignè a mo’ di cascatella.

FAQ sui bignè ai lamponi e panna

Perché non si gonfiano i bignè?

I bignè potrebbero non gonfiarsi per almeno tre motivi: il forno è poco potente o impostato a una temperatura troppo bassa, sono stati cotti per poco tempo, oppure hanno riposato per troppo tempo prima della cottura. Inoltre, è consigliabile usare la carta forno per avere una cottura uniforme e senza bruciature.

Come si ammorbidiscono i bignè?

Il segreto per ammorbidire i bignè è di utilizzare la giusta quantità di uova. Alcuni tendono ad utilizzare meno uova rispetto a quelle necessarie, in quanto sono intimoriti dall’eccessiva morbidezza dell’impasto a crudo, che assomiglia quasi ad una crema. Ad ogni modo andrebbero utilizzate almeno 2 uova per ogni etto di farina.

Dove sono nati i bignè?

Stando alla tradizione i bignè sono nati a Firenze in pieno Rinascimento. Sarebbero opera del cuoco Penterelli, al servizio di Caterina de’ Medici.

Da dove deriva il termine bignè?

Il termine bignè deriva dal francese rinascimentale e per la precisione da “beignet”, che significa “bugna” e indica un tipo di paniere. Il riferimento è al processo di accumulare i bignè all’interno di cestini prima di passare alla fase di farcitura.

Ricette di bignè ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Semifreddo al gianduia

Semifreddo al gianduia, un dessert perfetto come fine...

Come rendere il semifreddo con gianduia a prova di intolleranze Il semifreddo al gianduia contiene due derivati del latte: la panna e il mascarpone. Dunque, potrebbe impensierire gli intolleranti al...

Fekkas

Fekkas, dal Marocco dei deliziosi biscotti alle mandorle

Quali farine utilizzare per i biscotti marocchini? La ricetta dei fekkas non dice molto sul tipo di farina, tuttavia nella maggior parte dei casi si usa la farina normale, ossis la farins zero o...

Torta di mele di Hagrid

Torta di mele di Hagrid, una versione in...

Una torta di mele soffice e deliziosa Sono numerose le differenze tra la torta di Hagrid, così come l’ho immaginata io, e la classica torta di mele. Tanto per cominciare le mele non fungono da...