bg header
logo_print

Kofte, dalla Turchia polpette di carne speziate e leggere

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Kofte
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, Cucina Turca
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Le kofte, una ricetta che stupisce

Le kofte sono polpette di agnello molto speziate ed allo stesso tempo leggere. Il merito va soprattutto al metodo di cottura alla griglia (o con padelle antiaderenti), che non prevede l’aggiunta di olio, burro o strutto. Le kofte sono uno dei piatti tipici della Turchia, anche se ricette simili si trovano in Iran, in Medio Oriente ed anche in Grecia. Ciò non deve stupire, infatti la cucina greca e turca hanno tanto in comune grazie alla vicinanza geografica e alla dominazione ottomana nei Balcani, durata più di mezzo millennio.

Le kofte sono molto facili da preparare, il procedimento è identico a quello delle altre polpette “mediterranee”. Non bisogna fare altro che mescolare gli ingredienti, formare un impasto e lasciarlo in frigo per mezz’ora per farlo stabilizzare, infine si formano delle palline. Queste dovrebbero essere grandi quanto una noce e avere una forma parzialmente ovalizzata.

Ricetta kofte

Preparazione kofte

  • Per preparare le kofte procedete in questo modo. Tritate la cipolla, l’aglio e il prezzemolo. Poi unite questo trito all’uovo, alla carne macinata e aggiungete un po’ di sale e il mix di spezie. Infine incorporate la mollica e iniziate a impastare, il composto deve risultare liscio e regolare. Poi mettete questo composto in una ciotola, copritelo e lasciatelo riposare in frigo per 30 minuti.
  • Trascorso questo lasso di tempo staccate delle palline dall’impasto e formate le polpette, dovrebbero essere grandi quanto una noce e con una forma vagamente ovale.
  • Infilzate le polpette con degli spiedi e cuocetele alla piastra, da un lato e dall’altro (dovrebbero bastare 6-7 minuti).
  • Servite le polpette turche con intingoli e contorni a piacere.

Ingredienti kofte

  • 450 gr. di carne macinata di agnello
  • 1 cipolla
  • 1 uovo
  • mollica di un panino consentito
  • 15 gr. di prezzemolo
  • 5 gr. di menta
  • 1 spicchio di aglio
  • q. b. di spezie (cumino paprika origano e sommacco)
  • q. b. di sale e di pepe

Cosa sapere sulla carne di agnello

La vera peculiarità delle kofte, almeno rispetto alle nostre polpette, consiste nel tipo di carne macinata utilizzata. In questo caso non si usa il suino, che è vietato dalla religione islamica, bensì l’agnello, una carne molto saporita con interessanti note rustiche di selvaggina. A dispetto di ciò che si pensa è una carne rossa, quindi si caratterizza per una marcata abbondanza di ferro e di altri oligoelementi riscontrabili nel manzo e nel suino.

In genere la carne di agnello viene marinata, in modo da ammorbidirne il sapore e la consistenza. In questo caso, però, non è necessario sia perché si usa il macinato (che è già molto morbido) e sia perché il sapore viene bilanciato con l’utilizzo di molte spezie.

Per quanto concerne l’apporto calorico siamo sulle 110 kcal per 100 grammi, dunque stiamo parlando di una carne magra.

Tante spezie per queste kofte

Queste deliziose polpette turche non possono prescindere da una corposa fase di aromatizzazione, l’impasto viene quindi valorizzato da un mix di spezie. Quali spezie vengono usate nello specifico? Dipende dal risultato che volete ottenere. Se desiderate delle “kofte minimali” potete fermarvi all’origano e al cumino. Il primo trasmette note aromatiche ma amarognole, mentre il secondo spicca per i sentori vagamente dolci che ricordano i semi di finocchio.

Se invece desiderate delle kofte veramente aromatiche e intense potete aggiungere la paprika e il sommacco. La paprika emerge in modo deciso nei composti più ricchi, invece il sommacco conferisce note particolareggiate, che richiamano ora all’aceto ora al limone.

L’importante è ragionare sull’impatto di ciascuna spezia e prevedere il modo con cui interagirà con le altre. Il rischio di creare dei contrasti troppo accesi è molto alto, inoltre correte anche il rischio di coprire il sapore della carne di agnello.

Come rendere le kofte a prova di intolleranza

Le kofte sono una ricetta tradizionale, dunque non tengono conto delle necessità dei celiaci degli intolleranti al lattosio. In realtà questi ultimi non hanno nulla da temere in quanto è la stessa ricetta originale a non richiedere latte e derivati. A differenza di molte polpette “nostrane”, quelle turche non contemplano l’uso del formaggio.

Discorso diverso per i celiaci, infatti la lista degli ingredienti comprende la mollica di pane, che in genere viene realizzata con le farine di grano. Come risolvere? Semplice, basta utilizzare del pane realizzato con farine senza glutine con un’ottima resa in termini di impasto, come la farina di riso e di mais.

E per quanto riguarda gli allergici e i sensibili al nichel? A preoccupare in questo caso è l’abbondanza di spezie, che contengono il nichel in misura variabile. In questo caso l’unica soluzione è quella di rinunciare alle spezie, snaturando tuttavia la ricetta nel suo complesso.

Kofte

Come valorizzare le kofte?

Per arricchire le kofte è sufficiente aggiungere qualche spezia in più. Per quanto concerne l’accompagnamento l’ideale è la salsa tzatziki, che è tipica della Grecia e della Turchia. Questo tipo di salsa è un intingolo ricavato dallo yogurt bianco colato e dai cetriolini. Il sapore è acidulo, vagamente di latte e molto delicato. Ovviamente nessuno vi vieta di utilizzare la salsa che preferite, inclusa la più comune salsa barbecue.

Per quanto concerne i contorni, invece, avete solo l’imbarazzo della scelta. Se volete optare per un approccio tradizionale accompagnate le kofte con del buon riso pilaf. Se invece volete andare sul classico servite le polpette insieme alle patatine fritte. Un’altra soluzione interessante sono i peperoni fritti.

Ci sono molte varianti regionali delle kofte, ognuna con il suo tocco unico. Ad esempio, le kofte turche spesso includono erbe aromatiche come menta e coriandolo, mentre le kofte greche spesso includono yogurt e limone.

I diversi tipi di Köfte: un viaggio gastronomico nella cucina turca

Una delle prelibatezze più apprezzate della cucina turca è indubbiamente il köfte, un piatto che si presenta in svariate varianti in base agli ingredienti, alla forma e ai metodi di cottura. Dal più semplice al più elaborato, esploriamo i diversi tipi di köfte che incarnano la ricchezza e la varietà di questa tradizione culinaria.

İnegöl Köfte: Originario della città di İnegöl, questo tipo di köfte è fatto principalmente di carne di manzo macinata, cipolla e aglio. Spesso cotto in brodo invece che arrostito o fritto.

İskender Köfte: Una variante del celebre İskender Kebab, questa versione vede i köfte serviti su una base di pane pita, ricoperti di salsa di pomodoro e burro fuso, e spesso accompagnati da yogurt.

Akçaabat Köfte: Proveniente dalla regione del Mar Nero, questi köfte sono fatti di carne di manzo e agnello, e sono speziati con pepe nero e aglio. Sono noti per la loro forma leggermente allungata.

Çiğ Köfte: A differenza di altre varianti, il çiğ köfte è una specialità cruda. Originariamente fatto con carne cruda, oggi è spesso preparato in versioni vegetariane con bulgur, pomodoro e una varietà di spezie.

Kadınbudu Köfte: Letteralmente “coscia di donna”, questi köfte sono fatti di una miscela di carne e riso, avvolti in un impasto e poi fritti. Sono una delizia croccante e succosa al tempo stesso.

Sulu Köfte: Si tratta di un tipo di köfte preparato in un brodo di verdure o di carne. La consistenza è più simile a quella di una polpetta, e spesso viene arricchito con pomodoro, peperoni e altre verdure.

Mercimek Köfte: Questo è un köfte vegetariano a base di lenticchie e bulgur. È un piatto molto popolare tra i vegetariani e viene spesso servito come antipasto.

Questi sono solo alcuni dei numerosi tipi di köfte che si possono trovare nella cucina turca. Ogni regione, e a volte anche ogni famiglia, ha la propria versione di questo piatto versatile. Dal dolce al piccante, dal fritto al bollito, il köfte è un vero e proprio emblema della ricchezza gastronomica turca. Provare le diverse varianti significa intraprendere un viaggio attraverso i sapori e le tradizioni di una cultura culinaria affascinante.

FAQ sulle kofte

Come si fanno le kofte turche?

Le kofte turche si fanno come tutte le altre polpette, ovvero si prepara un impasto a base di mollica, uova, carne di agnello e aromi. La cottura avviene alla piastra, quindi alquanto leggera in quanto priva di grassi aggiunti.

Cosa significa kofte?

“Kofte” significa “carne pestata”. Si tratta di un chiaro riferimento alla fase di macinatura e alla fase di impasto. Il termine, tuttavia, non è turco ma persiano, infatti la ricetta deriva da un piatto simile originario dell’Iran.

Com’è la cucina turca?

La cucina turca è molto buona in quanto è frutto di una commistione tra influenze mediterranee e orientali. In genere mette al centro la carne e le spezie senza esagerare. Eccellenti sono anche gli intingoli, come la celebre salsa tzatziki (che non è solo greca).

Che carne mangiano i turchi?

I turchi mangiano una grande varietà di carni, anche se prediligono quella di agnello, montone e pecora. Sono molte le ricette tradizionali che mettono al centro queste carni, tuttavia non mancano quelle a base di vitello. Il maiale è praticamente assente, viste le severe prescrizioni religiose.

Ricette di polpette ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Jalapenos Ripieni

Jalapenos ripieni, un delizioso piatto messicano

Il jalapeno, un peperoncino da scoprire La ricetta dei jalapeno ripieni ci danno modo di parlare di questo tipo di peperoncini di media grandezza e di colore rosso o verde, inoltre sono abbastanza...

Hamburger di quinoa con broccoli e zucchine

Hamburger di quinoa con broccoli e zucchine, una...

Gli altri ingredienti di questo alternativo hamburger di quinoa L’impasto di questi hamburger di quinoa è arricchito da altri ingredienti che da un lato agiscono sul sapore e dall’altro...

Burritos con indivia e hummus

Burritos con indivia e hummus, ispirato alla cucina...

L’indivia, una verdura particolare Perché abbiamo scelto proprio l’indivia? Semplice, è la verdura perfetta per dei burritos con indivia così particolari, che al sapore corposo del mais...