bg header
logo_print

Anko, la confettura di fagioli rossi azuki

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

confettura di fagioli rossi azuki
Ricette per intolleranti, Cucina giapponese
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 12 ore 20 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4/5 (13 Recensioni)

Che cos’è l’anko? E’ una confettura di fagioli rossi azuki

L’anko è una tipica confettura giapponese fatta con i fagioli rossi del tipo azuki, coltivati quasi esclusivamente nell’Asia Orientale. Questa confettura viene utilizzata per diverse preparazioni, come ad esempio i dorayaki, i daifuku o i taiyaki. I fagioli azuki sono particolari e diversi dai legumi cui siamo abituati, hanno un sapore dolciastro che per questo si presta bene alle preparazioni dolci, come la marmellata di fagioli rossi o i gelati. Ci siamo occupati già in passato di diverse ricette tipiche della cultura giapponese ma questa confettura di fagioli rossi è considerabile una preparazione di base per molti altri dolci tipici.

Ricetta anko o confettura di fagioli rossi azuki

Preparazione confettura di fagioli rossi azuki

Mettete i fagioli azuki secchi a bagno nell’acqua per una notte. Il giorno dopo cambiate l’acqua e metteteli a lessare finché non si inteneriscono le bucce. Potrebbero essere necessarie alcune ore. Quando i fagioli saranno completamente cotti, scolateli e passateli sotto l’acqua fredda. A questo punto pesateli (così da regolarvi sulla quantità di zucchero) e metteteli in una pentola antiaderente con un po’ di acqua e lo zucchero. Accendete il fuoco e mescolate continuamente, fino a far sciogliere lo zucchero. A questo punto spegnete e versate i fagioli zuccherati nel frullatore, passate poi il tutto nel mixer. Frullate fino ad ottenere un composto simile a quello della confettura.

Per testare la densità, mettete un piattino da caffè nel freezer per circa 5 minuti. Trascorso il tempo indicato, riprendente il piattino e versateci sopra la marmellata. Se il composto si mostrerà eccessivamente liquido, fatela cuocere ancora. Se, al contrario, la marmellata dovesse sembrarvi troppo pastosa, aggiungete qualche goccia d’acqua. Versate dunque l’anko in barattoli sterilizzati finché è ancora caldo. Chiudete e capovolgete i barattoli e teneteli così finché non saranno freddi, così da creare l’effetto sottovuoto. Conservate in dispensa

Ingredienti confettura di fagioli rossi azuki

  • Per due o tre barattoli
  • circa 500 gr. di fagioli azuki rossi
  • zucchero

Preparazioni simili, ma con fagioli lievemente differenti, sono il mamean che vengono preparati con fagioli mungo verdi oppure lo shiroan confettura fatta con fagioli cannellini. L’anko è inoltre tradizionalmente proposta con delle varianti, ad esempio nello tsubuan i fagioli non vengono frullati ma lasciati interi ed il koshian in cui i fagioli vengono frullati finemente fino a diventare una crema.

Fagioli giapponesi azuki dolci! Da provare

Per noi occidentali l’idea che i fagioli possano essere dolci è tendenzialmente difficile da accettare. Ancor più difficile è assimilare il pensiero che con dei fagioli si possano preparare dei dessert. Basterà un primo approccio con queste delizie, tuttavia, per scoprire un mondo inaspettato ed inesplorato di sapori atipici, ma non per questo meno buoni dei dessert “più occidentali”. I fagioli azuki dove comprarli? Io li ho trovato al supermercato ma si possono acquistare on line su Amazon.

Con la confettura di fagioli rossi giapponesi vengono spesso farciti dolci composti con farina o riso, ma anche direttamente i gelati (allo stesso modo dei nostri topping al cioccolato). Come abbiamo accennato, la confettura di fagioli rossi azuki può essere preparato in versione koshian, maggiormente amalgamata e morbida, oppure tsubuan, più grossolana e ruvida. Generalmente i dorayaki vengono farciti con l’anko tsubuan, in cui siano ancora distinguibili le forme dei fagioli.

confettura di fagioli rossi azuki

Dal Giappone, non solo sushi!

La cucina Giapponese ha conosciuto negli ultimi decenni un’enorme diffusione nel mondo occidentale. Trainanti da questo successo sono sicuramente i ristoranti all you can eat e la scoperta del sushi. Queste pietanze sono oggetto di un vero e proprio culto e, per questo, cominciano ad entrare nella mentalità comune occidentale in cui sono sempre più conosciute ed apprezzate.

Relativamente ai dolci la conoscenza è ancora limitata, cogliamo dunque l’occasione per porre l’attenzione sui wagashi, dolci giapponesi composti da zucchero di canna, fagioli dolci azuki, farina di riso glutinoso, l’agar agar e dell’estratto d’alga. Tra i più noti dolci di questo tipo i mochi, daifuku, dorayaki, manju, dango, yokan adzuki, ecc.

Ricette confetture ne abbiamo? Certo che si!

4/5 (13 Recensioni)
Riproduzione riservata

7 commenti su “Anko, la confettura di fagioli rossi azuki

  • Gio 21 Gen 2021 | Alice ha detto:

    Nella ricetta dei mochi spieghi come fare la marmellata in maniera approssimativa e dimentichi di dire quando aggiungere lo zucchero, come hai fatto invece in questo post.

    • Gio 21 Gen 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Leggendo mi sembra chiaro il procedimento anche nei mochi. La ringrazio comunque e cerchero’ di riscrivere il pezzo in maniera piu esaustiva

  • Mar 29 Mar 2022 | VALERIA VIVA ha detto:

    …. Essendo cuoca soprattutto in svariati sapori di frutta marmellate in genere provato anche con castagne… guardando un film …le ricette della signora Doku…anche di fagioli rossi perché no…. sono che nel film nella bollitura aggiungevano della roba bianca gelatinosa…. sarà stata gelatina vira e propria…. ☘☘☘⁉️

    • Mar 29 Mar 2022 | Tiziana Colombo ha detto:

      Valeria onestamente non ho mai guardato quel film. Mi riprometto di farlo se lo trovo su Nexflix. Cosi da capire cosa aggiunge!

      • Dom 24 Apr 2022 | Andidia ha detto:

        Ho visto anch’io il film, alla fine aggiungono lo sciroppo di glucosio

    • Dom 5 Feb 2023 | manuela ha detto:

      Penso sia gelatina di agar agar

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Curry di makhane

Curry di makhane, dall’India un piatto speziato e...

Cosa sono i makhane? Giunti a questo vale la pena svelare cosa siano i makhane, i protagonisti di questo suggestivo curry. I makhane non sono altro che le noci del loto, che si caratterizzano per il...

ghriba bahla

I ghriba bahla, deliziosi biscotti alle mandorle marocchini

Il modo migliore per gustare i ghriba bahla I ghriba bahla sono biscotti alle mandorle tendenzialmente morbidi e versatili. Sono ottimi da soli, ma anche in accompagnamento al caffè, cioccolata...

Chutney di semi di melone

Chutney di semi di melone: una ricetta gustosa...

I semi di melone: una gradita sorpresa ricca di nutrienti I semi di melone sono i veri protagonisti di questa chutney, una salsa che prende ispirazione da uno dei più famosi piatti indiani per...