bg header
logo_print

Riso e verza, un piatto sano e gustoso per intolleranti

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Riso e verza
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Ingredienti per il riso e verza

Oggi cuciniamo riso e verza, un risotto semplice in grado di regalare molte soddisfazioni. Un primo piatto genuino e abbastanza leggero, che può essere consumato anche da chi soffre di intolleranza al lattosio e celiachia (gli ingredienti non contengono né glutine né lattosio).

In questa ricetta troviamo infatti il riso, che è il cereale gluten-free per eccellenza. A proposito, vi consiglio di utilizzare il riso Carnaroli, che è la varietà migliore per i risotti: non scuoce, sopporta le lunghe cotture e assorbe liquidi e aromi.

Tra gli ingredienti troviamo anche la verza, che è una verdura molto popolare ma spendibile anche per i piatti più raffinati. La verza piace per il suo sapore rustico, che ricorda il cavolo ma è capace di esprimere una nota amarognola. La verza fa bene alla salute in quanto è ricca di fibre, e quindi in grado di agevolare la digestione. Ottimo è anche l’apporto di vitamine e sali minerali, come la vitamina K che regola il grado di densità del sangue. La verza è anche ricca di betacarotene, una sostanza antiossidante che agevola l’assorbimento della vitamina A, essenziale per la pelle e per la vista.

Ricetta riso e verza

Preparazione riso e verza

Per preparare il riso e verza seguite questi passaggi.

  • Mondate la verza rimuovendo le foglie più coriacee e tritando quelle più morbide. Fate lo stesso con il cipollotto.
  • Versate il cipollotto in una pentola insieme a tre cucchiai di olio, rosolatelo e aggiungete la verza.
  • Dopo qualche minuto integrate il brodo caldo, salate e applicate il coperchio.
  • Cuocete a fiamma bassa per 40 minuti circa.
  • Ora aggiungete il riso e fatelo cuocere mescolando di tanto in tanto (se necessario integrate altro brodo).
  • Infine, versate il riso nelle fondine e guarnite con il Parmigiano grattugiato.

Ingredienti riso e verza

  • 400 gr. di verza
  • 230 gr. di riso Carnaroli
  • 1 cipollotto
  • 1 lt. e mezzo di brodo vegetale
  • 3 o 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale.

Il ruolo del Parmigiano nella ricetta del riso e verza

La ricetta del riso e verza suggerisce poi l’impiego del Parmigiano come unico ingrediente della marinatura. Una scelta che vuole premiare i sapori sapidi ma che gioca a favore degli intolleranti al lattosio, infatti il Parmigiano è completamente “lactose-free” in quanto è ben stagionato.

Il Parmigiano è anche uno dei formaggi più nutrienti in assoluto, infatti apporta tante proteine (da questo punto di vista è secondo solo a pochi ingredienti), calcio e vitamina D, che fanno bene alle ossa e al sistema immunitario.

Come preparare il riso e verza

La ricetta del riso e verza si inserisce nella tradizione dei classici risotti ma propone una procedura semplificata, che la rende adatta anche ai principianti. La ricetta impone la preparazione di un soffritto leggero a base di cipollotto e olio extravergine di oliva. E’ su di esso che si inserisce la verza, che viene successivamente cotta in abbondante brodo vegetale. Dopo una quarantina di minuti si aggiunge il riso e si porta a cottura anch’esso.

Non è necessario tostare il riso, come si fa con il riso al salto, quindi non si corre il rischio di attaccare il riso alla padella vista anche l’abbondanza di brodo. La presenza dell’amido, che viene rilasciato durante tutto il processo di cottura, contribuisce inoltre a rendere la texture del riso più morbida, facendo le veci di una mantecatura al burro. L’ultima fase consiste proprio nella mantecatura, che vede come protagonista solo il Parmigiano grattugiato.

Alcune varianti di condimento per arricchire il piatto

Riso e verza è un piatto genuino e anche abbastanza semplice, d’altronde la lista di ingredienti è molto corta. In virtù di ciò alcuni potrebbero avvertire la necessità di modificare la ricetta, ampliando lo spettro di sapori e di profumi. Cosa fare in questo caso? Si potrebbe pensare per esempio ad alcune erbe aromatiche. Le migliori in questo senso sono il prezzemolo e l’origano, entrambe esprimono note amarognole e delicate allo stesso tempo.

Riso e verza

Si potrebbe pensare di aggiungere anche un ingrediente solido, da cuocere a parte e inserire alla fine come guarnizione. In questo caso vi consiglio di usare la pancetta tagliata a dadini e abbrustolita, piuttosto che dello speck reso croccante da un passaggio in padella. Potete però rimanere anche sul classico e aggiungere alla verza una mezza patata. La patata va inserita circa a metà cottura della verza, dopo essere stata sciacquata per eliminare l’amido.

Suggerimenti per la cottura perfetta del riso e verza

Il riso Carnaroli è molto semplice da cuocere, d’altronde sembra essere pensato appositamente per i risotti: tiene bene la cottura e non richiede molte attenzioni. Ovviamente il discorso cambia se lo scopo è quello di preparare un risotto perfetto. In questo caso è bene prendere qualche accorgimento. Partiamo dal brodo vegetale, che funge da liquido di cottura per il riso. Il consiglio è di aggiungerlo poco per volta e integrarlo alla bisogna mescolando spesso.

Il brodo vegetale non funge solo da elemento di supporto, ma impatta anche sul risultato finale. In virtù di ciò vi consiglio di rinunciare al classico dado, che è comodo ma anche poco saporito e troppo sapido, procedendo a prepararlo in casa. Qui trovate la ricetta per un brodo vegetale leggero e genuino, vi consiglio di dare un’occhiata.

Quali vini abbinare con il riso e verza?

Quali vini scegliere per il riso e verza? Ovviamente si deve optare per un vino bianco. Il consiglio è di virare su vini fermi, che possano entrare in sintonia con la struttura corposa e rustica di questo piatto. Un Collio potrebbe andare bene, soprattutto se si considera il suo sapore ricco, che non manca di regalare un sentore fruttato in fase di retrogusto.

Un altro vino perfetto per il riso e verza è il Soave Classico, che abbina profumi intensi, eleganza e intensità con un carattere fruttato. E’ un vino molto versatile, infatti si sposa bene con tutti i primi piatti a base di verdura che non comprendano carni rosse.

Consiglio infine lo Chardonnay, che spicca per il tenore elegante ma anche “forte”. Il suo sapore è fruttato e tende leggermente all’acido, in virtù di ciò è consigliato anche per accompagnare i primi di pasta.

Idee per presentare il riso e verza in modo accattivante

La ricetta riso e verza sprizza rusticità da tutti i pori ma può essere trasformato in un piatto gourmet in pochi passaggi. E’ sufficiente curare l’impiattamento, dando spazio a soluzioni creative. Il segreto sta nell’abbinare i colori e creare dei bei contrasti. Alcune erbe aromatiche vengono in nostro aiuto con il loro verde intenso, che si contrappone al bianco del riso. In questo caso il consiglio è di utilizzare foglioline fresche, da porre intorno al piatto come se fosse una corona.

Per un effetto ancora più suggestivo utilizzate un coppapasta, un po’ come si farebbe con i timballi. In questo modo si conferisce regolarità al riso, conferendo al piatto un carattere scenografico. Infine, anche il piatto influisce sulla presentazione, proprio per questo vi consiglio di utilizzare dei piatti bianchi molto ampi.

FAQ sul riso e verza

Che gusto ha la verza?

Il sapore della verza è simile a quello del cavolo, tuttavia è più aromatica e leggermente amarognola.

Come si prepara la verza con il riso?

La verza è molto coriacea dunque richiede una cottura più lunga rispetto al riso. Proprio per questo va inserita in pentola per prima e cotta nel brodo, solo dopo va arricchita con il riso.

Quali sono i benefici della verza?

La verza è ricca di vitamine e sali minerali. In particolare contiene la vitamina K, una sostanza che regola la densità del sangue. Inoltre contiene il betacarotene, un antiossidante che agevola l’assorbimento della vitamina A e fa bene alla vista e alla pelle.

Quanti grammi di riso ci vogliono a persona?

Dipende dalla quantità di condimenti. Se i condimenti non sono eccessivi bastano 70 grammi di riso a persona. Invece, occorrono 100 grammi se state pensando a porzioni abbondanti.

Ricette di riso ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Risotto alla malva

Risotto alla malva, un primo piatto aromatico e...

Quale riso scegliere? Per quanto concerne il risotto alla malva vi consiglio di andare sul sicuro utilizzando il riso Carnaroli. E’ la varietà più comunemente usata per il risotto, in quanto è...

Shirataki con verdure e salsa teriyaki

Shirataki con verdure e salsa teriyaki, un piatto...

Cosa sapere sugli shirataki I protagonisti di questa ricetta sono gli shirataki, un tipo di pasta molto consumato in Giappone ma considerata una rarità dalle nostre parti. Gli shirataki si...

Gamberoni in guazzetto

Gamberoni in guazzetto, una raffinata ricetta di mare

I gamberoni, dei crostacei davvero speciali Tra gli ingredienti di spicco della ricetta del guazzetto troviamo i gamberoni. Rispetto ai gamberi propriamente detti si caratterizzano per le dimensioni...