bg header
logo_print

Pesto di broccoli, un’alternativa al pesto di basilico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Pesto di broccoli
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Le differenze tra il pesto con i broccoli e il pesto di basilico

Il pesto di broccoli è una variante del tradizionale pesto alla genovese. Rispetto a quest’ultimo vanta dei punti in comune e alcune importanti differenze. Il pesto di broccoli, esattamente come l’originale, è una preparazione versatile, che può essere impiegata per condire la pasta, ma anche per realizzare deliziosi antipasti salati, torte salate e sfoglie. Anche la consistenza è simile, visto che è abbastanza morbido e uniforme, pur distinguendosi per una certa granulosità.

Le differenze riguardano ovviamente gli ingredienti e il sapore. Troviamo le cime di broccoli, che garantiscono un sapore più corposo e lineare. Poi ci sono le noci, che rendono ancora più sapido il tutto, il formaggio stagionato, i pinoli e l’aglio. Il basilico è presente in quantità minore rispetto al pesto tradizionale, ma è comunque necessario per garantire il giusto aroma, un colore tendente al verde e una consistenza adeguata.

Ricetta pesto di broccoli

Preparazione pesto di broccoli

Per preparare il pesto di broccoli occorre partire proprio dalle cime dei broccoli. Lavate i broccoli, tagliateli e rimuovete il gambo. Poi trasferiteli in una vaporiera e cuoceteli per 10 minuti circa. Trasferite le cime dei broccoli nel mixer, poi aggiungete anche l’aglio, le noci, i pinoli, il Parmigiano grattugiato (o il Pecorino) e un po’ di sale. Azionate il mixer e iniziate a frullare, aggiungendo poco per volta l’olio d’oliva.

Una volta ottenuta una crema morbida e uniforme, mettetela in una ciotola, avvolgetela con la pellicola alimentare a riponetela in frigorifero fino al suo utilizzo. Il pesto ai broccoli dura qualche giorno se viene posto all’interno di un contenitore ben chiuso. In alternativa può essere congelato in vaschette monoporzione.

Ingredienti pesto di broccoli

  • 500 gr. di cime di broccoli
  • 2 spicchi d’aglio
  • 30 gr. di pinoli di cedro
  • q. b. di foglie di basilico
  • 30 gr. di pecorino o Parmigiano Reggiano
  • 20 gr. di gherigli di noce
  • q. b. di olio extravergine di oliva
  • q. b. di sale.

Le proprietà nutrizionali dei pinoli di cedro

Anche il pesto di broccoli è realizzato con i pinoli. Consiglio però di utilizzare i pinoli di cedro, che spiccano per un aroma molto più complesso e allo stesso tempo delicato rispetto ai pinoli “standard”. Inoltre vantano una consistenza simile sia come texture, tendente al croccante, che come proprietà nutrizionali. Tuttavia anche i pinoli di cedro sono molto calorici, e ricchi di acidi grassi che fanno bene all’organismo, come gli acidi grassi omega 6. I pinoli di cedro siberiano apportano anche ottime dosi di vitamina E, che funge da antiossidante e aiuta a prevenire il cancro. Contengono inoltre molto magnesio, che incide sulla circolazione e sul tono muscolare.

Questo profilo nutrizionale è condiviso anche da alcuni tipi di frutta secca, come la noce, un altro ingrediente necessario per questa ricetta. Infine, sia i pinoli che le noci partecipano alla ricetta così come si trovano, ossia senza alcun trattamento o tostatura.

Quale formaggio scegliere tra il Pecorino e il Parmigiano Reggiano?

Di norma la ricetta originale del pesto vede come protagonista il Parmigiano Reggiano. In questo caso, però, potete scegliere tra il Parmigiano e il Pecorino. Quale alternativa regala più soddisfazioni? Beh, dipende dai gusti e dal risultato desiderato. Se volete un pesto di broccoli più sapido e dal sapore più intenso, optate per il pecorino. Se invece desiderate un pesto dal sapore più lineare – e con una certa abbondanza di sale – optate per il Parmigiano Reggiano.

Pesto di broccoli

Questi tipi di formaggio spiccano per le eccellenti proprietà nutrizionali, sebbene il Parmigiano sia  leggermente superiore. Ad ogni modo si conta un apporto di proteine fuori dal comune, che aumenta con l’allungarsi del periodo di stagionatura. Discorso simile per la vitamina D, che è abbastanza rara, ma fondamentale per la salute del sistema immunitario. Non manca poi il calcio, una sostanza che fa bene al denti e che gioca un ruolo importante nella prevenzione delle malattie degenerative delle ossa. In occasione di questa ricetta il formaggio scelto viene grattugiato e inserito nel mixer con gli altri ingredienti.

Come cuocere le cime di broccoli?

Le cime di broccoli sono le vere protagoniste di questo pesto, dunque vanno cotte con cura. A tal proposito la bollitura non è il metodo migliore, in quanto i principi nutritivi e il sapore rischiano di perdersi nell’acqua. L’alternativa sarebbe passarli in padella con un po’ d’olio, ma non è certo la scelta più ipocalorica in assoluto. Il metodo di cottura migliore rimane quindi quello a vapore. La cottura a vapore preserva gusto e valori nutrizionali, senza per questo dover aggiungere grassi. E’ necessario acquistare una vaporiera di ultima generazione per cuocere le cime di broccoli? Ovviamente no, infatti sono sufficienti una pentola capiente e un cestello in metallo forato.

Si versa un po’ di acqua nella pentola, poi si pone il castello e poi si procede con la bollitura dell’acqua. In questo modo il vapore salirà e raggiungerà la verdura attraverso i fori. Fate attenzione tuttavia al tempo di cottura, che dipende dalla consistenza e dalla durezza dell’alimento. Le cime di broccoli si pongono in una posizione media, sicché dovrebbe bastare una decina di minuti. Mi raccomando, i broccoli vanno comunque tagliati prima della cottura. Per la precisione, va rimosso il gambo e vanno ridotte le cime a pezzettini. In questo modo la cottura durerà per i tempi previsti, senza rischiare che l’acqua evapori del tutto.

Ricette pesto ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Ragù di pollo

Ragù di pollo, un sugo alternativo per primi...

Cosa sapere sulla carne di pollo E’ utile parlare della carne di pollo, che è il vero elemento distintivo di questo ragù. Si tratta di una carne “nobile”, in quanto è più leggera e...

salsa agrodolce agli azzeruoli

Salsa agrodolce agli azzeruoli, un condimento per la...

Come utilizzare la salsa agrodolce agli azzeruoli Come ho già accennato, la salsa agrodolce agli azzeruoli è molto versatile. Può essere utilizzata sui secondi di carne, sui secondi di pesce e...

Pasta al pesto di bruscandoli (

Pasta al pesto di bruscandoli, un primo dall’aroma...

Parliamo del pesto di bruscandoli Vale la pena parlare dei bruscandoli, che sono l’elemento principale di questa pasta al pesto. A differenza di tante tipologie di pesto, i bruscandoli...