Crema pasticcera al matcha, una variante dal sapore unico

Crema pasticcera al matcha

Crema pasticcera al matcha, un’idea per stupire

La crema pasticcera al matcha è una variante dal sapore particolare e dall’impatto visivo importante. Come potete vedere dalla foto è di colore verde, grazie al tè matcha, utilizzato anche come colorante in alcune ricette della cucina giapponese. La ricetta non è molto complicata, o per lo meno non è più complicata della crema pasticciera standard. La parte più difficile consiste, paradossalmente, nella necessità di mescolare in continuazione in quanto vi è il rischio che gli ingredienti si sleghino. Inoltre, occorre mescolare anche per evitare che le uova si coagulino a causa del calore cui il composto è sottoposto.

La fase finale prevede un passaggio in freezer, che ha lo scopo di stabilizzare il composto. Per il resto, la crema pasticcera si conserva in frigorifero. Abbiate cura, tuttavia, di mescolarla con energia prima di utilizzarla. Per quanto concerne le applicazioni, esse non differiscono da quelle della normale crema pasticcera. Questo tipo di crema è ottima per farcire le torte e per decorare le crostate. Insomma, è un valido aiuto per le ricette di pasticceria, soprattutto se sono pensate per stupire, o sono basate su un approccio sperimentale.

Le interessanti proprietà del tè matcha

Il protagonista della crema pasticcera al matcha, o l’elemento che la contraddistingue maggiormente, è il tè matcha. Per l’occasione, il tè matcha viene utilizzato in polvere e va aggiunto quasi a ricetta conclusa, come se fosse un aroma in più. Bastano due cucchiaini di tè matcha, sufficienti per cambiare il gusto della crema e anche il suo colore. La crema assume quindi delle tonalità tendenti sul verde, mischiando il giallo sbiadito che la contraddistingue. Vale la pena parlare del matcha, che tra tutti i tè è probabilmente quello più salutare. E’ frutto di un processo specifico, che prevede una sorta di affumicamento al vapore delle foglie, a cui segue una pressatura in grado di concentrare le proprietà coloranti e nutrizionali.

Crema pasticcera al matcha

A seconda della miscela, il tè matcha può essere anche rosa o blu. Per esempio, in quest’ultimo caso a fungere da protagonisti sono i petali del pisello Farfalla, una varietà che spicca proprio per il colore. Il matcha è quasi un alimento curativo. In primo luogo, è ricco di sostanze antiossidanti che fanno bene al cuore. Secondariamente, aiuta a calmare nausea e problemi gastrointestinali, fungendo da antiacido in caso di reflusso o di gastrite. E’ anche ricco di vitamine e sali minerali, e in particolare di fosforo, una sostanza che sostiene le facoltà mentali, in primis la memoria. Il matcha, va ricordato, è uno stimolante proprio come il caffè, dunque è bene non esagerare con le dosi.

Il contributo della vaniglia

Anche la vaniglia gioca un ruolo fondamentale nella crema pasticcera al matcha. Essa viene aggiunta al latte dopo le uova montate, e insieme al burro e al sale. La vaniglia ha due pregi fondamentali: aromatizza e dolcifica. L’aroma della vaniglia è inconfondibile e viene chiamato in causa in molte ricette. Le capacità di dolcificazione della vaniglia permettono di ridurre la quantità di zucchero, un aspetto positivo per non aumentare la glicemia, un problema non da poco per i diabetici e per chi vuole dimagrire. La vaniglia è vittima di alcuni pregiudizi, come quello secondo cui farebbe ingrassare.

Di certo è parecchio calorica, ma meno di quanto si possa pensare. Inoltre, viene impiegata in dosi minime, visto il suo potere insaporente. Per questo motivo, raramente impatta sulla linea o sulle calorie in generale. A suo modo la vaniglia fa bene, infatti contiene la vanillina, una sostanza che aiuta a prevenire il tumore e fa bene al cuore. L’unico vero problema legato al consumo di vaniglia è l’abbondanza di sodio, un motivo in più per non abbondare con le dosi.

Ecco la ricetta della crema pasticcera al matcha:

Ingredienti:

  • 2 tazze di latte intero consentito,
  • 3/4 di tazza di zucchero semolato,
  • 1/4 di tazza di amido di mais,
  • 3 tuorli d’uovo grandi,
  • 2 cucchiai di burro non salato,
  • 1/4 di cucchiaino di sale,
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia,
  • 2 cucchiaini di tè matcha in polvere setacciato.

Preparazione:

Per preparare la crema pasticcera al matcha iniziate foderando una teglia da forno piccola con la pellicola per alimenti. Mi raccomando, anche i lati della teglia devono essere coperti. Versate il latte e un cucchiaio di zucchero in una pentola dal fondo resistente. Accendete a fiamma medio alta e fate riscaldare la soluzione fino a portala a bollore. Intanto prendete una ciotola di grandi dimensioni, mescolate e sbattete lo zucchero restante, i tuorli d’uovo e l’amido di mais. Quando il latte è sul punto di bollire, versate un quarto di tazza per volta nella soluzione di uova e zucchero. Sbattete mentre versate il latte caldo in modo che il calore si distribuisca equamente, condizione necessaria affinché le uova non si coagulino. Quando il latte è quasi finito, mescolate per bene con una frusta.

Versate il nuovo composto nella pentola dove avete riscaldato il latte. Poi, riscaldate il composto a fiamma media, fino a quando non otterrete una crema della giusta densità (senza smettete di mescolare). Continuate a riscaldare fino a quando non vedrete le prime bolle. Poi spegnete il fuoco e aggiungete il burro, l’estratto di vaniglia e il sale kosher. Sbattete fino a quando la crema non sarà diventata liscia.

A questo punto integrate la polvere setacciata di matcha di color verde, e amalgamate il tutto. Trasferite la crema pasticcera sulla teglia rivestita con la pellicola. Distribuite la crema uniformemente, applicate un secondo strato di pellicola e fate riposare in congelatore per circa 15 minuti. Poi trasferite la crema in un contenitore a chiusura ermetica e riponetela in frigo, dove rimarrà fino al suo utilizzo. In ogni caso, prima di utilizzare la crema pasticcera al matcha, dovrete sbatterla con energia, o usare uno sbattitore elettrico.

4.5/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostata con pasta di mandorle

Crostata con pasta di mandorle, un dolce squisito

Le particolarità della crostata con pasta di mandorle La crostata con pasta di mandorle è una crostata molto diversa da quelle standard. Infatti, si segnalano importanti differenze, sia per la...

Mousse di guava

Mousse di guava, un dolce esotico per Natale

Mousse di guava, un dolce dai sentori esotici La mousse di guava è un dolce da sfoderare nelle grandi occasioni. Io lo preparo spesso a Natale, in quanto spicca per un gusto diverso dal solito,...

Torta soffice con ribes

Torta soffice con ribes per una merenda da...

Torta con ribes, un delicato equilibrio di sapori La torta soffice con ribes è il perfetto esempio di come sia possibile preparare un dolce squisito ed esteticamente gradevole con una manciata di...

Torta con pastinaca e nocciole

Torta con pastinaca e nocciole, un dessert singolare

Torta con pastinaca e nocciole, una singolare lista di ingredienti La torta con pastinaca e nocciole è un dessert dal gusto speciale in quanto particolari sono gli ingredienti con cui è...

Semifreddo allo zabaione

Semifreddo allo zabaione, un dolce d’alta pasticceria

Semifreddo allo zabaione, bello da vedere e buono da gustare Il semifreddo allo zabaione è frutto di un’idea creativa e simpatica. Si tratta, infatti, di unire un prodotto per sua stessa natura...

Pancake senza farina con banana

Pancake proteici con banana per una colazione sana

Pancake proteici con banana e cocco, un dolce dietetico Il pancake proteici con banana e cocco è l’ideale per una merenda o una colazione a bassissimo contenuto di carboidrati. Come suggerisce il...

16-11-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti