Panna cotta alla camomilla e lavanda, un dessert floreale

Panna cotta alla camomilla e lavanda
Commenti: 4 - Stampa

Panna cotta alla camomilla e lavanda, un’idea semplice e preziosa

La panna cotta alla camomilla e lavanda si inserisce sul solco delle tradizionali panne cotte, che si distinguono per la versatilità e prestano il fianco alle più fantasiose sperimentazioni. In questo caso, la novità è rappresentata dalla presenza della camomilla e della lavanda, che aggiungono un tocco floreale e più aromatico alla preparazione.

I principi della panna cotta tradizionale vengono comunque preservati, anche perché il procedimento non offre molte sorprese. Si tratta, infatti, di cuocere una soluzione di panna e latte, arricchita occasionalmente da aromi (in questo caso la camomilla e il miele).

Per quanto concerne il sapore, la panna cotta alla camomilla e lavanda è molto equilibrata. Un dettaglio non da poco, se si considera che la lista degli ingredienti è un po’ più lunga del normale. Le innovazioni, infatti, vengono integrate in maniera saggia e bilanciata nella ricetta originale.

L’apporto calorico, va detto, non è trascurabile. D’altronde stiamo parlando di un dessert, e la leggerezza non è un requisito fondamentale. Niente di eccessivo, ma la panna e il latte presentano le proprie quantità di zuccheri e grassi.

Il ruolo della lavanda

La lavanda svolge un ruolo importante in questa panna cotta alla camomilla, più di quanto si possa immaginare. Di base interviene alla fine della preparazione in fase di decorazione, durante la quale vengono apposti i petali. Ciononostante, la lavanda impatta profondamente sia dal punto di vista estetico che organolettico.

Visivamente crea un bel contrasto cromatico con la panna cotta, in virtù del suo caratteristico colore viola. Sul piano organolettico, invece, conferisce maggiore delicatezza in quanto la lavanda ha un sapore delicato e molto leggero. Buono è anche l’effetto a livello di texture, che si avverte già al primo assaggio.

Panna cotta alla camomilla e lavanda

Sul piano nutrizionale la lavanda da decisamente il suo contributo. Le sue proprietà non sono quelle degli ingredienti veri e propri, tuttavia esercita alcune funzioni importanti, che hanno un impatto sul benessere psicofisico. Il riferimento è in particolar modo all’azione calmante e distensiva, utilissima in caso di stress.

La lavanda è però anche un battericida e un antisettico. In virtù di ciò, può giocare un ruolo importante in caso di sindromi influenzali. Non è un caso che la lavanda non venga utilizzata solo come ornamento o in cucina, ma anche in prodotti erboristici e di cosmetica. Dalla lavanda si ottiene, infatti, un ottimo e salutare olio essenziale.

Il prezioso contributo della camomilla

Anche la camomilla gioca un ruolo fondamentale in questa panna cotta alla lavanda. Anzi, se possibile, incide più della lavanda stessa. D’altronde interviene in due momenti distinti: all’inizio e alla fine. Infatti è uno degli aromi con cui si arricchisce il composto di latte e panna.

La camomilla va preparata come al solito, dunque con il metodo dell’infusione, e poi inserita nel pentolino insieme agli altri ingredienti.In questo modo si ottiene una base molto particolare, diversa da quella delle panne cotte tradizionali.

Ovviamente fate attenzione a non esagerare con le dosi, dal momento che la camomilla, a dispetto di quanto comunemente si pensa, ha un sapore non solo riconoscibile, ma anche preponderante.

La camomilla interviene anche in fase di decorazione, quando va applicata in forma essiccata. Va dato spazio anche alle proprietà della camomilla, che vanno oltre ciò che il senso comune suggerisce. Infatti non si limita a “distendere i nervi” e a favorire il sonno. La camomilla associa all’attività sedativa anche quella antimicrobica, antibatterica e persino antinfiammatoria.

La camomilla è nota anche per la funzione anti-emetica, sicché aiuta a risolvere i problemi di stomaco, quando non sono particolarmente gravi. Infine, si segnala la presenza abbondante di flavonoidi, degli antiossidanti che, in virtù della loro azione di contrasto ai radicali liberi, aiutano a prevenire il cancro.

Perché è opportuno utilizzare il miele?

Il miele sostituisce lo zucchero nella panna cotta alla camomilla e lavanda. Sono molti i motivi che spingono a impiegare il miele al posto dello zucchero. In primis dolcifica in maniera intensa, ma senza generare sentori “dolciastri” e quasi sempre sgradevoli. Secondariamente ha un indice glicemico abbastanza moderato, un dettaglio non da poco per i malati di diabete o per chi sta sostenendo una dieta dimagrante (alti indici glicemici sono associati a un maggiore senso della fame).

Il miele, rispetto allo zucchero, insaporisce e conferisce una texture morbida. Non c’è molto da dire sul sapore del miele, visto quanto l’ingrediente è diffuso e trasversale agli stili alimentari. Va segnalata, però, la presenza di molti tipi di miele, ora decisamente aromatici ora più delicati (ad esempio il miele di Ulmo).

Dal punto di vista nutrizionale il miele aggiunge molto. E’ ricco di vitamine e sali minerali, ma anche e soprattutto di antiossidanti. Queste sostanze, come ho già accennato, agiscono in funzione antitumorale.

Il miele contiene molto fruttosio, ma l’apporto calorico non è affatto esagerato. Di certo, a parità di “portata dolcificante”, è molto più leggero dello zucchero.

Ecco la ricetta della panna cotta alla camomilla e lavanda:

Ingredienti per 4 panne cotte:

  • 300 ml. di panna fresca consentita,
  • 200 ml. di latte intero consentito,
  • 4 tazze di camomilla,
  • 4 gr. di agar agar,
  • 2-4 cucchiai di miele + altri 4 cucchiaini per la finitura,
  • un cucchiaino di lavanda e camomilla essiccati.

Preparazione:

Per la preparazione della panna cotta alla lavanda iniziate preparando la camomilla e lasciarla in infusione. Una volta pronta versatela in un pentolino insieme alla panna e al latte. Portate a bollore, ma appena vedete le prime bolle  aggiungete l’agar agar e mescolate bene per 1 minuto. Spegnete la fiamma, unite due cucchiai di miele e date una bella mescolata.

Poi assaggiate per verificare che il composto sia abbastanza dolce, in caso contrario aggiungete altro miele. Non preoccupatevi se vi pare liquida. L’ agar agar si addensa con il freddo.

Ora distribuite la panna cotta nei bicchierini e lasciateli intiepidire. Poi fate riposare in frigo per 12 ore o più. Al momento di servire, integrate ciascun bicchiere con qualche petalo di lavanda e un cucchiaio di miele.

3/5 (2 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

4 commenti su “Panna cotta alla camomilla e lavanda, un dessert floreale

  • Mer 11 Ago 2021 | Franca ha detto:

    Cosi non vale… quando comincio la dieta?

    • Mer 11 Ago 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Franca rimandi a lunedi! Scherzo ovviamente. Un peccato di gola ogni tanto ci sta

  • Gio 12 Ago 2021 | Fedora ha detto:

    Un vero spettacolo. Quasi quasi la preparo

    • Gio 12 Ago 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Fedora ti garantisco che è un’ottima scelta. Fammi sapere

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


11-08-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti