logo_print

Panna cotta al pistacchio e cioccolato, dolce gustoso

Panna cotta al pistacchio
Stampa

Perché è così buona la panna cotta al pistacchio salato e scaglie di cioccolato fondente?

La panna cotta al pistacchio salato e scaglie di cioccolato fondente è una deliziosa variazione sul tema delle classiche panne cotte. I motivi sono numerosi, a partire dalla lista degli ingredienti. Certo, il pistacchio e il cioccolato si trovano spesso insieme, ma non in queste due varianti: salato e fondente. Si apprezza, dunque, un intenso e piacevole contrasto, che dona personalità a questa preparazione. La lista degli ingredienti si avvale anche dello sciroppo di agave, che è un altro alimento poco utilizzato, almeno dalla maggior parte delle persone. Può essere considerato come un sostituto dello zucchero più leggero e salutare (anche perché è ricco di vitamine e sali minerali).

Questa panna cotta è senza lattosio, sia il latte che la panna, infatti, sono delattosati. Ciò è frutto di una scelta ponderata, e procede dalla consapevolezza che l’intolleranza al lattosio è un problema incredibilmente diffuso. Specifico che il processo di rimozione del lattosio segue in genere criteri “naturali”, quindi non ci sono strane metodiche chimiche e industriali. Molto banalmente il latte viene sottoposto all’enzima lattasi, proprio come avviene nell’intestino delle persone sane, in modo che si scinda in galattosio e glucosio. Questo processo non incide minimamente sul gusto, il latte e i derivati senza lattosio sono praticamente indistinguibili al palato.

I pregi insospettabili del pistacchio e le sue proprietà antiossidanti

Uno degli ingredienti principali della nostra panna cotta è proprio il pistacchio. Esso interviene in due fasi, all’inizio quando viene cotto insieme alla panna e alla fine, nel momento della decorazione, quando sotto forma di granella si spolverizza sulla panna. Il pistacchio è oggetto di pregiudizi e fraintendimenti e secondo l’immaginario collettivo farebbe male. In realtà può offrire molto, non solo dal punto di vista organolettico, ma anche sul piano nutrizionale. D’altronde si tratta pur sempre di frutta secca, quindi ha la stessa “dignità” delle più accreditate noci.

Ad ogni modo, il pistacchio contiene molti antiossidanti, sostanze che fanno bene al cuore e alla circolazione, contrastano i radicali liberi, stimolano la rigenerazione cellulare e si caratterizzano per la funzione antitumorale (in una prospettiva di prevenzione). I pistacchi sono anche ricchi di vitamine, e in particolare della E e ella B. Per quanto concerne l’apporto di calorie, il pistacchio si pone su livelli elevati: 100 grammi di prodotto apportano 562 kcal. Tuttavia, è sufficiente non abusarne per non subire l’effetto di queste calorie. In questa ricetta, per esempio, il pistacchio è presente solo in dosi “equilibrate”.

Panna cotta al pistacchio

Il cioccolato fondente, un alimento salutare che fa bene all’umore

Il cioccolato fondente è un altro alimento fondamentale per questa panna cotta senza lattosio al pistacchio salato, anche se interviene nella fase finale, ovvero durante la decorazione. I trucioli di cioccolato fondente conferiscono gusto e personalità a questa ricetta, e ne migliora l’impatto visivo. Per fortuna è anche un alimento salutare. Sicuramente più salutare rispetto al cioccolato al latte: più cacao infatti vuol dire più antiossidanti, che come ho spiegato nel paragrafo precedente sono sostanze che giovano all’organismo (e lo fanno a più livelli). Il cioccolato fondente, poi, fa bene anche all’umore, è una specie di antidepressivo naturale come dimostrano ormai tanti studi scientifici.

L’unico difetto del cioccolato fondente consiste nell’apporto calorico, che è mediamente elevato, più del cioccolato al latte, alle nocciole etc. E’ superato solo dal cioccolato bianco. Il motivo è semplice, il cacao è infatti “più grasso” del latte. Dunque, se consumato senza moderazione, può essere considerato un pericolo per la linea. Ovviamente è sufficiente non abusarne, proprio per questo le dosi che ho stabilito per questa ricetta mettono al riparo dagli effetti collaterali di questo prezioso alimento. Ad ogni modo, quale percentuale di fondente scegliere? Ebbene, da questo punto di vista avete ampio margine di discrezione, potete quindi optare per la percentuale che più preferite. Tenete a mente, però, che a percentuali elevate corrispondono elevati apporti calorici.

Ecco la ricetta della panna cotta al pistacchio salato e scaglie di cioccolato fondente:

Ingredienti per 10 panne cotte:

  • 500 gr. di panna consentita;
  • 250 gr. di latte consentita;
  • 12 gr. di colla di pesce + 60 gr. di acqua;
  • 50 gr. di pasta di pistacchio;
  • 50 gr. di sciroppo di agave;
  • 2 gr. di sale fino;
  • 200 gr. di cioccolato fondente in trucioli;
  • 50 gr. di granella di pistacchio.

Preparazione:

Per la preparazione della panna cotta al pistacchio iniziate ammollando la gelatina nell’acqua, poi scioglietela al microonde. In un pentolino mettete la panna, il latte, la pasta di pistacchio, lo sciroppo di agave e il sale.

Accendete il fuoco, portate a ebollizione, poi aggiungete la gelatina a fuoco spento e mescolate. Inserite il composto nei bicchieri di portata, poi fate addensare. Infine decorate con la granella di pistacchio e il cioccolato fondente in trucioli.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


15-11-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti