logo_print

Pesche dolci alla lavanda: profumi e colori

pesche dolci alla lavanda
Stampa

Un’idea per concludere in maniera raffinata qualsiasi cena: le pesche dolci alla lavanda

Oggi voglio guidarvi alla scoperta di un dolce che non è solo perfetto per intolleranti al lattosio o celiaci, ma anche buonissimo, bello da presentare in tavola e capace di rimanere nel cuore di chiunque se lo trovi sul piatto alla fine di una cena.

Voglio parlarvi delle pesche dolci alla lavanda, un dessert super salutare o una fantastica idea per una merenda estiva. Facilissime da preparare, vi assicuro che vi consentiranno di svoltare qualsiasi cena e di venire incontro anche alle esigenze di chi vive ogni giorno l’esperienza delle intolleranze.

Viva la pesca, amica del sistema immunitario

L’ingrediente principe di questo dessert è la pesca, un frutto i cui colori raccontano di giornate estive, pomeriggi di relax all’aperto e mente sgombra dai pensieri. Addentare una pesca significa lasciarsi inebriare dal suo sapore inconfondibile, ma anche dare spazio a tantissimi benefici per la salute.

I più importanti riguardano la presenza di sostanze antiossidanti come la luteina nella buccia, particolarità che rende questo frutto un eccellente alleato della bellezza. Da non dimenticare è anche la presenza di vitamina C che, grazie all’alto contenuto, fa della pesca un’amica fantastica del sistema immunitario.

Digestiva, rilassante e alleata della pelle: tutti i benefici della lavanda

Questo piatto è reso speciale dalla presenza dei fiori di lavanda, che con il loro colore inconfondibile aggiungono bellezza a quello che è un dolce dove si fondono sapore e resa estetica finale. Cosa si può dire sui benefici di questa pianta? Bisogna ricordare prima di tutto che è un’ottima alleata del relax, come mostrano gli effetti positivi dei bagni a base di olio essenziale.

Utile per ottimizzare i processi digestivi, la lavanda consente anche di parlare di un contributo fantastico alla bellezza della pelle. La sua essenza è infatti molto utilizzata nella cura naturale dell’acne e di altre affezioni della cute, che possono presentarsi in età adolescenziale ma anche dopo in occasione di particolari momenti di stress o in periodi di eccessi alimentari.

Fungicida e analgesica, la lavanda viene impiegata anche per tenere sotto controllo i dolori durante la sindrome premestruale. Adesso penso che non vi resti altro che correre in cucina a preparare questo fantastico dessert, omaggio speciale alla bontà di un frutto dal sapore fantastico e dal colore altrettanto capace di conquistare.

Ingredienti per 4 persone

  • 4 pesche mature;
  • un cucchiaio di miele;
  • 1 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio;
  • 1 cucchiaio di succo di limone;
  • un cucchiaio di fiori di lavanda essiccati;
  • un cucchiaio raso di scaglie di mandorle

Preparazione

In una terrina lavorate il miele con il succo di limone, l’acqua di fiori d’arancio e un filo d’acqua calda se necessario per ammorbidire bene il miele e renderlo fluido.

Tagliate le pesche a tocchetti piccoli, poi condite con la salsina di miele e cospargete con fiori di lavanda e scagliette di mandorle.


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


26-07-2017
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti