Riso rosso con zucchine e menta, un primo profumato

Riso rosso con zucchine e menta
Stampa

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto

Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’ presente il riso, ovviamente, e le verdure. Tuttavia, il procedimento è completamente diverso, e ricorda più che altro le insalate di riso. Il riso, infatti, viene cotto separatamente dopo essere stato tostato. Anche le verdure e gli altri ingredienti vengono cotti a parte. In fase di impiattamento si riunisce il tutto, mescolando abbondantemente. Il risultato è comunque straordinario, sia in termini visivi che organolettici. D’altronde, con una lista di ingredienti come questa non c’è di cui stupirsi. Gli abbinamenti proposti sono suggestivi e solo all’apparenza coraggiosi. Le zucchine e la menta, per esempio, si valorizzano l’un l’altra. La delicatezza delle prime è potenziata dalla portata aromatica della seconda.

L’uva sultanina e i pinoli, poi, aggiungono allo stesso momento un sapore corposo e un retrogusto gradevolmente dolce. Il protagonista di questa ricetta, comunque, è il riso rosso. Molti di voi avranno certamente assaggiato il riso integrale, alcuni magari anche il riso nero. La varietà rossa, sono certo, è sconosciuta ai più. Eppure si tratta di una varietà molto interessante, in grado di impreziosire i piatti non solo dal punto di vista cromatico, ma anche organolettico e nutrizionale. Il riso rosso è, infatti, una miniera di nutrienti. Il colore è dato principalmente dalla presenza delle antocianine, che abbondano anche in alcune specie di radicchio e nelle melanzane. Sono formidabili antiossidanti che contrastano l’azione dei radicali liberi, riducono  lo stress ossidativo e aiutano a prevenire alcuni tipi di tumori. Il riso rosso è coltivato soprattutto in Africa, ma è abbastanza reperibile in Italia, soprattutto nei negozi di prodotti bio.

Perché abbiamo scelto i pinoli di cedro?

Tra gli ingredienti più suggestivi di questo riso rosso con zucchine e menta spicca il pinolo di cedro. A dispetto del nome si differenzia parecchio dal classico pinolo di pigna. Stiamo parlando, infatti, di un super-food in grado di apportare numerosi benefici all’organismo e di rivelarsi una straordinaria fonte di nutrienti. Il riferimento è alla elevata concentrazione di acidi grassi omega sei, piuttosto rari in natura, soprattutto negli alimenti di origine vegetale. Queste sostanze rappresentano un toccasana efficace per l’apparato cardiovascolare, infatti riducono il colesterolo cattivo come poche altre.

Riso rosso con zucchine e menta

I pinoli di cedro apportano anche numerose vitamine e sali minerali. In particolare, contengono tantissime vitamine del gruppo B, ma anche sostanze come calcio, fosforo, magnesio, ferro e zinco. L’unico difetto è l’apporto calorico, che non è esattamente trascurabile, infatti un etto di pinoli di cedro apporta 400-500 kcal. Va detto, però, che visto il loro sapore forte, sono utilizzate abitualmente in quantità molto risicate. In occasione di questa ricetta, i pinoli di cedro vanno tostati insieme alle altre verdure con cui formeranno il condimento principale del riso rosso.

Il ruolo della menta

Nel riso rosso con zucchine e menta, un ruolo importante è ricoperto proprio da quest’ultima spezia. La menta è una delle piante aromatiche più apprezzate. Oltre al suo sapore, che si fa amare da tutti, si distingue per la versatilità. E’ un ingrediente da cucina, ma anche sostanza curativa. Può trasformarsi in una bevanda dal gusto spiccato ma rilassante, previa infusione. In occasione di questa ricetta viene trattata come ingrediente vero e proprio. Infatti, viene stufata insieme agli ingredienti che, successivamente, andranno a formare il condimento del riso.

L’esposizione al calore modifica un po’ la portata organolettica della menta, che rimane comunque gradevole. Invece, modifica poco o nulla la sua composizione chimica. Anche stufata, la menta si rivela un alimento sano, ricco di vitamine e sali minerali, ma allo stesso tempo capace di esercitare funzionalità al limite del terapeutico: analgesica, astringente, depurante.

Ecco la ricetta del riso rosso con zucchine e menta:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di riso rosso,
  • 1 scalogno,
  • 2 zucchine,
  • 30 gr. pinoli di cedro,
  • 20 gr. di uva sultanina,
  • qualche fogliolina di menta,
  • q. b. di olio di oliva extravergine,
  • q. b. di sale e di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del riso rosso con zucchine e menta iniziate facendo reidratare l’uvetta in una tazza con acqua a temperatura ambiente. Versate due cucchiai di olio extravergine di oliva in una padella e fate tostare il riso per circa 2 minuti. Poi mettete mezzo litro di acqua, un po’ di sale e coprite con il coperchio. Cuocete così per circa 45 minuti, infine scolate il riso e sgranatelo con poco olio.

Mente il riso è in cottura, tagliate le zucchine e fatele a tocchetti. Poi stufatele in quattro cucchiai di olio di oliva con un trito grossolano di scalogno, l’uvetta ben scolata, i pinoli, qualche foglia di menta, un po’ di sale e un po’ di pepe. Quando è tutto cotto, scolate il riso rosso, unitelo alle zucchine, guarnite con l’olio e mescolate accuratamente. Completate con le foglioline di menta rimaste e buon appetito.

5/5 (470 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


19-06-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

Vellutata di lattuga con gamberi

Vellutata di lattuga con gamberi, un primo leggero

Vellutata di lattuga con gamberi, un piatto elegante e leggero La vellutata di lattuga con gamberi e spuma di mozzarella è un primo che coniuga eleganza, gusto e leggerezza. Propone abbinamenti...

culurgiones con salsa di bottarga

Culurgiones con salsa di bottarga, primo sardo

Culurgiones con salsa di bottarga, un primo che parla della Sardegna I culurgiones con salsa di bottarga sono un primo che si ispira alla tradizione sarda. Una tradizione che vanta alcune...

Lasagne vegetariane

Lasagne vegetariane, un mondo da scoprire

Lasagne classiche e lasagne alternative Le lasagne vegetariane sono versioni alternative delle lasagne classiche. Possono sembrare una stravaganza bizzarra, ma in realtà rappresentano - a modo loro...

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti