Tagliatelle di calamari in insalata, un’ottima ricetta

Tagliatelle di calamari in insalata
Commenti: 0 - Stampa

Tagliatelle di calamari in insalata, un piatto leggero e gustoso

Le tagliatelle di calamari in insalata sono un piatto leggero, dal sapore intenso e molto bello da vedere. D’altronde, l’impiattamento non segue le regole classiche. Infatti l’insalata, dopo essere stata condita con un’emulsione aromatica, viene trasferita nei bicchieri da portata. In questa forma, la pietanza potrebbe essere considerata anche un raffinato antipasto. La lista degli ingredienti è abbastanza lunga, ma i protagonisti sono comunque i calamari, una delle specie ittiche più apprezzate. In occasione di questa ricetta i calamari vengono tagliati a strisce sottili, come a replicare la forma delle tagliatelle, e cotti al vapore.

I calamari si fanno apprezzare per il loro sapore inconfondibile e delicato, ma anche per le buone proprietà nutrizionali. Il riferimento è alla presenza di grassi buoni, come gli acidi grassi omega tre, che fanno bene al cuore, alla vista e alle funzioni cognitive. Il medesimo impatto è dato dalla presenza del fosforo, che è qui molto abbondante. I calamari non sono granché calorici, in quanto apportano 170 kcal per etto, ma contengono molto colesterolo. Tale caratteristica è condivisa con molti altri molluschi, quindi occorre consumarli con moderazione. Un altro pregio dei calamari è l’apporto proteico, che è superiore rispetto alle specie ittiche della stessa categoria: un etto di calamari apporta circa 18 grammi di proteine. Buono è anche l’apporto di vitamine e sali minerali, come il calcio, il potassio, il fosforo, il selenio e la vitamina B12.

Cos’è il cerfoglio?

Uno dei punti di forza di queste tagliatelle di calamari in insalata è il condimento, che è saporito e molto leggero. Non si tratta del solito olio extravergine di oliva, bensì di un’emulsione preparata ad hoc, che prevede tanti altri ingredienti. Nello specifico viene utilizzato il pepe, il sale, il succo di limone e il cerfoglio. Molti di voi non conoscono quest’ultimo ingrediente, anche perché non è tra i più usati in cucina. Si tratta di una pianta aromatica il cui sapore ricorda quello del prezzemolo, ma a differenza di quest’ultimo, presenta foglie a lamina. Il cerfoglio cresce abbondante nelle nostre campagne e nei nostri boschi, dunque si potrebbe persino raccoglierlo in prima persona, se si impara a riconoscerlo.

Tagliatelle di calamari in insalata

Come molte erbe aromatiche, esercita funzioni interessanti e al limite del terapeutico. Il riferimento è alla sua azione depurativa, che supporta in particolar modo l’attività del fegato. Il cerfoglio è anche un buon stomachico, quindi stimola la produzione di acidi gastrici, aiutando la digestione. Il cerfoglio è anche un buon antinfiammatorio, un antisettico e un diuretico. Proprio per questo non è un caso che venga consumato sotto forma di infusi o di impacchi.

Le proprietà del sedano bianco

Le tagliatelle di calamari in insalata sono valorizzati dalla presenza di altri due ingredienti. Le patate, che vengono cotte al vapore, e il sedano bianco, che va inserito crudo. Le patate dovrebbero appartenere alla categoria “pasta gialla”, in quanto sono quelle con il sapore più spiccato e con la consistenza più soda, in grado di resistere a una cottura più o meno lunga. Per quanto riguarda il sedano non si deve fare altro che tagliarlo a tocchetti e amalgamarlo agli altri ingredienti. Il sedano bianco è una varietà più morbida, in grado di esprimere una certa croccantezza. Inoltre, ha un sapore più tenue rispetto al sedano verde.

Il sedano bianco si caratterizza anche per le buone proprietà nutrizionali. Il riferimento va al contenuto di vitamine e sali minerali come la vitamina A, la C, la E e la K, oltre al potassio, al magnesio, al fosforo, al calcio, allo iodio e al sodio. Il sedano bianco apporta poi la luteina, un antiossidante che riduce lo stress ossidativo e aiuta a prevenire il tumore. La luteina esercita anche una funzione protettiva sulle cellule cerebrali.

Ecco la ricetta delle tagliatelle di calamari in insalata:

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 calamari di medie dimensioni già puliti,
  • 1 limone,
  • 2 gambi di sedano bianco,
  • 2 patate,
  • 1 ciuffo di cerfoglio fresco,
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle tagliatelle di calamari in insalata iniziate creando un’emulsione con il trito di cerfoglio, tre cucchiai di olio d’oliva, il succo di limone, un po’ di sale e un po’ di pepe. Mescolate bene il tutto e lasciate da parte un po’ di cerfoglio per la guarnizione finale. Tagliate i calamari a mo’ di tagliatelle da circa 1 centimetro, poi cuocete al vapore per 5 minuti.

Ora lavate le patate, pelatele e fatele a cubetti. Infine cuocetele al vapore per 7-8 minuti, tuttavia il tempo di cottura può variare in base al grado di maturazione delle patate ed alla varietà scelta. Quando patate e calamari sono cotti, versateli in una ciotola e unite il sedano tagliato a tocchetti piccoli. Condite con l’emulsione e sistemate il tutto dentro quattro bicchieri da insalata. Guarnite con il cerfoglio messo da parte e servite.

5/5 (533 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato, dal sapore insolito Il tortino con prosciutto e melone disidratato prende ispirazione dal celebre prosciutto e melone, un antipasto di origine ispanica...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


24-04-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti