Tagliatelle rustiche al sugo di trota: un piatto sfizioso

Tagliatelle rustiche al sugo di trota
Commenti: 0 - Stampa

Gustose tagliatelle rustiche al sugo di trota

Siete alla ricerca di idee per un buon pranzo sfizioso e saporito? Queste tagliatelle rustiche al sugo di trota fanno al caso vostro, dunque tenetevi pronti ad un primo davvero gustoso. La materia prima non potrà che essere fondamentale per questo piatto, ovviamente un buon pesce fresco, meglio se naturale e non d’allevamento. Tuttavia non possiamo trascurare l’apporto dato da una buona pasta. Una pasta di grano qualunque non darebbe il sostegno necessario a questo sughetto leggero con la trota, quindi sfoderiamo un tocco di qualità in più.

Per questo sugo vi consigliamo delle tagliatelle rustiche De Angelis, una specialità che in termini di sapore, consistenza, rugosità e capacità di raccogliere il condimento non teme rivali. In aggiunta a tutte queste caratteristiche, lo sottolineiamo con orgoglio, queste tagliatelle all’uovo sono composte con una ricetta senza glutine quindi assolutamente sicure anche in caso di celiachia.

sugo di trota

Un gusto delicato ma riconoscibile

Un pesce come la trota ha, per sua natura, caratteristiche peculiari e differenti rispetto al pesce di mare. In un piatto come le tagliatelle rustiche al sugo di trota queste caratteristiche si percepiscono tutte al primo assaggio. I cubetti di trota si uniscono a quelli di pomodoro e la sapidità leggera viene ravvivata giusto un po’ dai capperi e dal sale aggiunto. La trota contiene poco sodio e la sua stessa carne mostra con un sapore dolciastro questa sua caratteristica.

Meno sapido non vuol dire però meno gustoso o meno nutriente. Il pesce di lago, di fiume, d’allevamento o di torrente, caratterizzato dunque da una vita in acqua dolce, va cucinato diversamente e con qualche accortezza per insaporirlo. Nella nostra ricetta, abbiamo indicato aromi semplici ma efficaci come aglio, timo, olio, capperi e pomodorini. Il risultato sarà un sughetto saporito, capace di abbracciare alla perfezione le tagliatelle all’uovo.

Tagliatelle rustiche al sugo di trota

Come esaltare le caratteristiche della trota

Per comporre al meglio queste tagliatelle con sugo di trota ci servirà inevitabilmente un fornitore di fiducia che possa darci dell’ottimo pesce fresco di giornata. La trota fresca non sarà semplicissima da trovare lontano dalle zone di pesca in cui è maggiormente diffusa.

Affidatevi dunque solo ad un pescatore di fiducia o ad un centro commerciale affidabile, leggendo con attenzione le indicazioni di confezionamento e consumo. O magari avete un maritino appassionato con la pesca? Commissionate la caccia giusta e saprete subito come preparare una bella trota appena pescata!

Ed ecco la ricetta delle tagliatelle rustiche al sugo di trota:

Ingredienti:

  • 400 gr. di tagliatelle rustiche De Angelis
  • 300 gr. di filetti di trota
  • 250 gr. di pomodorini
  • 1 spicchio d’aglio
  • una manciata di fior di capperi
  • 1 rametto di timo fresco
  • 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Ripulite uno spicchio d’aglio ed affettatelo finemente. Lavate un ramoscello di timo ed asciugatelo.
Scottate poi i pomodorini nell’acqua bollente e, quando si saranno raffreddati, riduceteli a cubetti. Dissalate infine i capperi e tagliate la trota a cubetti. In una padella, con circa due cucchiai d’olio, cuocete pomodorini, capperi, aglio e trota. Lasciate in cottura il tutto per circa 7-8 minuti.

Qualora non fosse di gradimento il sapore dell’aglio, lasciate lo spicchio intero e rimuovetelo prima di aggiungere i cubetti di trota. Nel frattempo, lessate le tagliatelle in abbondante acqua lievemente salata. Scolate la pasta ancora al dente e versatela in padella con i condimenti. Insaporite col timo fresco e servite. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


08-06-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti