Colcannon, il piatto tipico della festa di San Patrizio

Colcannon
Commenti: 0 - Stampa

Colcannon, una zuppa dallo spirito irish

Oggi vi presento il colcannon, una pietanza tradizionale, generalmente preparata per celebrare al meglio il St. Patrick’s day. Per affrontare la stagione fredda nel migliore dei modi, il buon cibo è una tra le migliori soluzioni per chi soffre le basse temperature.

Se poi si usano ingredienti come patate, verza e cipollotti – oltre a riscaldare il palato – si riscalda anche il cuore e ci si lascia trasportare in un vero e proprio viaggio virtuale in Irlanda del nord e del sud, per la celebrazione della famosa festa di San Patrizio ( festa nazionale in Irlanda ).

Questa festa viene festeggiata anche fuori dall’Irlanda. Ho scoperto che negli Stato Uniti pare siano 34 milioni gli americani con origini irlandesi. Si è creata una vera e propria comunità di irlandesi che è molto unita e compatta.

In questo giorno organizzano una parata a New York che attira milioni di partecipanti e spettatori. A Chicago versano nel fiume omonimo circa 20 chili di tintura speciale di colore verde proprio per festeggiare la ricorrenza.

Si pensa che San Patrizio usò il trifoglio come icona della Santissima Trinità.  E’ una festa di origine cristiana che si celebra ogni anno il 17 marzo di ogni anno in onore di questo santo Patrono d’Irlanda. 

Questa festività ha ormai nettamente varcato i confini di Dublino ed è onorata in tantissime altre parti del mondo. L’allegria degli irlandesi è davvero contagiosa e si trasferisce anche in tavola, proprio con il colcannon.

Il 17 marzo è una data simbolo per un Paese in cui, oltre a circolare fiumi di birra, le tradizioni culinarie sono vive e rigorosamente rispettate.  Tra queste, il colcannon riscuote sempre grandissimo successo grazie al suo sapore deciso ed intenso, che rivela l’identità della cucina irlandese.

Preparato per il giorno della festa di San Patrizio, il colcannon è un piatto che viene riproposto nella stagione invernale, anche per altre occasioni, tra le quali Halloween. Del resto, le patate – così come i cavoli – sono tra gli ingredienti protagonisti dell’arte della cucina irlandese e, come tali, raccontano storie e leggende che riguardano Dublino e dintorni.

Un focus sulla festa di San Patrizio

Il St. Patrick’s Day o festa di San Patrizio è certamente la festa più importante per gli irlandesi. Il giorno di San Patrizio è atteso con grande entusiasmo, sia all’interno sia al di fuori del Paese.

Il colore tradizionale delle celebrazioni che durano per tutta la giornata è il verde, riproposto naturalmente anche in cucina. Il popolo irlandese ama vestirsi di verde in questa giornata. Anche i più famosi monumenti della città si tingono di verde.

Non a caso, una tra le pietanze più gettonate, è proprio il cavolo verza, particolarmente utilizzato nelle preparazioni tipiche irlandesi.

Colcannon

A mitigare il freddo del 17 marzo – oltre a concerti, balli e fuochi d’artificio – ci pensa la cucina tradizionale che porta in tavola un fumante colcannon, segno di un sottolineato ed orgoglioso senso di appartenenza alla comunità. Ma oggi, in onore all’Irlanda, San Patrizio viene festeggiato anche in altre zone del mondo, tra cui anche in Italia.

Il ruolo delle verdure e degli ortaggi nel colcannon

Non c’è festa di San Patrizio senza portare in tavola il gusto di una ricetta come quella del colcannon. C’è, però, da sottolineare come questo piatto, oltre che ideale per i festeggiamenti, è perfetto per qualsiasi occasione grazie alle sue straordinarie proprietà benefiche.

Infatti, essendo a base di patate, verza e cipollotti è un piatto jolly che può essere servito sia come primo sia come secondo, oltre che come contorno o addirittura come piatto unico. Le patate sono un’eccezionale fonte di carboidrati, mentre la cipolla e la verza sono in grado di fornire fibre e proteine all’organismo.

Tra l’altro, le verdure hanno un eccezionale potere diuretico e contribuiscono alla salute delle vie urinarie. Questo consente anche di eliminare tutte le tossine e le sostanze nocive mediante la diuresi e, di conseguenza, costituiscono un valido aiuto per chi soffre di pressione alta.

Le proprietà nutritive di questo piatto tipico dell’Irlanda sono davvero perfette perché garantiscono l’assorbimento di tutti i macronutrienti necessari. In realtà, il Saint Patrick’s day irlandese non è solo un giorno di festa, ma è diventato un una vera e propria tendenza per tutto quello che riguarda più da vicino anche i regimi alimentari.

Il Colcannon è realizzato con ingredienti naturali e da mangiare nei mesi invernali, nella stagione dei cavoli. Questa tipica pietanza irlandese solitamente si porta in tavola quando fa freddo e viene servito con prosciutto bollito, pancetta e carne in scatola. Ogni regione ha delle varianti.

In Irlanda viene servito in tutti i ristoranti e pub proprio per la semplicità della ricetta e dei ingredienti. E’ un piatto che puo’ essere servito anche freddo.

Nel periodo di Halloween viene servito con un anello e un ditale nascosto nel piatto. A volte si inseriscono anche delle piccole monete. E’ credenza che chiunque trovi questi gingilli o monete avrà un anno di prosperità in arrivo.

Ecco la ricetta del colcannon:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg. di patate,
  • 1⁄2 kg. di verza,
  • 3 cipollotti,
  • 200 ml. di latte intero consentito,
  • 40 gr. di burro chiarificato,
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del colcannon iniziate rimuovendo la buccia dalle patate, poi sciacquatele e asciugatele per bene. Infine, riducetele a tocchetti di circa 3 cm.

Ora immergete le patate in abbondante acqua fredda, poi bollitele per una decina di minuti, infine scolatele e mettetele da parte affinché si raffreddino. Sbucciate e lavate la verza, poi rimuovete le foglie più scure e dure.

Le foglie più morbide, invece, fatele a listarelle. Infine sbucciate i cipollotti e fateli a fettine sottili. Ora prendete una pentola e fate scaldare l’olio d’oliva, poi scottateci la verza per una decina di minuti mescolando almeno un paio di volte.

Versate poi i cipollotti e fate cuocere per altri 5 minuti. Poi moderate la fiamma, versate il latte e mescolate con cura. Unite anche le patate, schiacciandole con la forchetta, e fate andare per qualche minuto a fiamma bassa, mescolando spesso.

Una volta che il composto si sarà ben amalgamato, spegnete il fuoco e adagiate sui piatti da portata. Prima di servire, create un buco in mezzo e posizionateci una noce di burro. Servite il piatto caldo e buon appetito.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...

Pancho cake

Pancho cake, delizioso dolce dalla Russia gluten free

Il pancho cake, un delizioso dolce della tradizione russa La pancho cake è una ricetta della tradizione russa, in realtà frutto della commistione con la cucina francese. Ciò non deve stupire in...

Cupcake indipendenza americana

Torta o cupcakes per la festa del 4...

Torta o cupcakes per la festa del 4 luglio? Ogni occasione è buona per festeggiare, magari preparando una deliziosa torta del 4 luglio. Nel caso foste appassionati di cultura americana, il 4 luglio...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


09-03-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti