bg header
logo_print

Cipolle rosse stufate su crema di verza, un contorno corposo

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

cipolle rosse stufate su crema di verza
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 30 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (1 Recensione)

Cipolle rosse stufate su crema di verza e noci, un contorno ricco

Le cipolle rosse stufate su crema di verza e noci sono un ottimo contorno semplice, molto corposo e ricco di ingredienti, che potrebbe essere anche un primo piatto. Di certo fa leva su sapori antichi, che richiamano alle tradizioni più genuine. D’altronde la ricetta è molto semplice e non richiede molto tempo. Si tratta infatti di creare una vellutata con lo scalogno, le patate e la verza, da cuocere e da frullare insieme. Su questo delicato letto si poggiano delle deliziose cipolle rosse stufate a parte. Il tutto, infine, viene guarnito con noci e semi di lino. Le protagoniste di questa ricetta, al netto di una lista di ingredienti lunga, sono le cipolle e la verza. Le cipolle rosse garantiscono un aroma intenso e allo stesso tempo capace di interagire efficacemente con gli altri alimenti. Sono anche le più salutari in quanto contengono le antocianine, delle ottime sostanze antiossidanti.

Troviamo infine una decisa abbondanza di vitamine del gruppo B e di sali minerali: fosforo, calcio e potassio. Per quanto concerne l’apporto calorico siamo su livelli molto bassi: 26 kcal per 100 grammi. La verza propone un sapore corposo e allo stesso tempo gradevolmente amarognolo. Inoltre, in virtù della sua tonalità particolare di verde, impatta sulla pietanza anche esteticamente. La verza eccelle anche in quanto a proprietà nutrizionali, infatti si segnala una certa quantità di vitamina C e di vitamina A, utile alla cute e alla vista. La verza abbonda anche di betacarotene, che favorisce l’assorbimento della vitamina A e funge da antiossidante. Infine la verza è poco calorica, in quanto non raggiunge le 30 kcal per 100 grammi.

Ricetta cipolle rosse stufate

Preparazione cipolle rosse stufate

Per preparare le cipolle rosse stufate su crema di verza e noci procedete così. Lavate e tagliate le verze a striscioline, poi pelate e affettate finemente lo scalogno. Pelate anche le patate e tagliatele a tocchetti. Infine tritate grossolanamente le noci. Ora prendete una padella antiaderente, fate rosolare con un filo d’olio lo scalogno e aggiungete prima le verze e poi le patate. Versate il brodo e fate cuocere lentamente per circa mezz’ora.

Frullate il tutto fino ad ottenere una crema densa e liscia. Poi pelate e tagliate in quattro parti le cipolle. Sfogliatele e stufate con un po’ di olio a fuoco lento in una casseruola con coperchio. Infine sistemate in un piatto la crema, versate un mestolo di cipolle stufate e guarnite con le noci, i semi di lino e un filo di olio.

Ingredienti cipolle rosse stufate

  • 4 cipolle rosse
  • 200 gr. di verza
  • 2 patate di dimensioni medie
  • 60 gr. di noci di macadamia
  • 20 gr. di semi di lino
  • 1 scalogno
  • 1 bicchiere di brodo vegetale
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. di sale e di pepe.

Quali patate scegliere per le cipolle rosse stufate?

Il letto su cui poggiano le cipolle rosse stufate è impreziosito anche dalle patate, che vengono cotte insieme alla verza. A questo punto la domanda sorge spontanea: quale tipo di patate scegliere? D’altronde a disposizione ce ne sono tantissime, e ciascuna può offrire un contributo diverso in quanto a sapore e consistenza. E’ inevitabile che la scelta ricada su quelle più diffuse, ovvero sulle patate a pasta gialla e sulle patate bianche. A mio modesto parere vanno entrambe bene, pur producendo effetti diversi. Le patate a pasta gialla, infatti, garantiscono un sapore più corposo e un colore più brillante. Le bianche, invece, hanno un sapore più delicato e tendono a cuocersi più rapidamente.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali non si segnalano differenze di sorta. Tutte le patate si caratterizzano per un apporto di carboidrati importante, ma che non corrisponde a una resa calorica esagerata. Siamo Infatti sulle 80 kcal per 100 grammi. Infine troviamo una certa abbondanza di vitamine, sali minerali e amido.

Un focus sulle noci di macadamia

Le cipolle rosse stufate su crema di verza sono una pietanza che attinge a piene mani dalla tradizione italiana. Tuttavia non disdegnano una piccola ma importante variazione sul tema, ossia l’uso delle noci di Macadamia per la guarnizione. Le noci di Macadamia sono originarie dell’Australia per quanto diffuse ormai anche dalle nostre parti. Le noci di Macadamia spiccano per una texture liscia, che ricorda quella delle nocciole. Il sapore è inoltre molto dolce, a tal punto che vengono utilizzate spesso per rendere più delicato il sapore delle carni.

Il profilo nutrizionale invece è simile alle noci nostrane. Al netto di un apporto calorico maggiore, che supera le 700 Kcal per 100 grammi, le noci di Macadamia garantiscono una certa quantità di grassi benefici omega 3 e omega 6. Questi grassi agiscono in funzione antinfiammatoria, proteggono il cuore e contribuiscono ad abbassare il livello del colesterolo cattivo. Le noci di macadamia si fanno apprezzare anche per l’apporto di magnesio e di vitamina E, una sostanza che svolge una formidabile azione antiossidante. In occasione di questa ricetta le noci di macadamia vengono tritate e inserite a fine preparazione come decorazione.

Come preparare un buon brodo vegetale?

La ricetta delle cipolle rosse stufate su crema di verza conta anche sul contributo del brodo vegetale. La sua funzione è quella di consentire alle patate e alla verza di cuocere in maniera uniforme. Potreste essere tentati di utilizzare il classico dado vegetale, tuttavia è sempre meglio procedere con la preparazione casalinga del vostro brodo vegetale. In questo modo avrete pieno controllo sugli ingredienti e soprattutto sulla sapidità.

Come preparare un buon brodo vegetale? Qui sul sito ne ho parlato spesso, quindi vi rimando alla ricetta del brodo vegetale fatto in casa. Il consiglio comunque è di scegliere con cura gli ortaggi, magari andando oltre il sedano, la cipolla e le carote. A seconda delle preferenze personali, è possibile aggiungere anche le patate, i pomodori e i porri. L’importante è non scuocere gli ingredienti e terminare la cottura ben prima che comincino a sfaldarsi. In questo caso particolare attenzione dovrebbero prestare soprattutto gli intolleranti al nichel, in quanto questa sostanza è presente un po’ dappertutto tra gli ortaggi e le verdure.

Ricette di cipolle ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cous cous con vongole e zucchine

Cous cous con vongole e zucchine, un piatto...

Uno sguardo alle vongole Tra i protagonisti di questo cous cous spiccano le vongole, tra i molluschi più apprezzati in quanto capaci di trasmettere delle note ittiche in un contesto di generale...

carbonara vegana

Carbonara vegana, un piatto audace ma squisito

Come sostituire la salsa di uova Quando si prepara una carbonara vegana la prima sfida è la sostituzione delle uova, d’altronde sono proprio queste a rappresentare l’ingrediente principale...

Gnocchi alla sorrentina

Gnocchi alla sorrentina: una ricetta a base di...

Gnocchi alla sorrentina, le differenze con la ricetta originale riguardano i formaggi Le differenze più importanti tra questi gnocchi e gli gnocchi alla sorrentina tradizionali consistono nei...