bg header
logo_print

Mote con huesillos e papaya, un cocktail particolare

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Mote con huesillos e papaya
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana. Cucina Cilena
Ricette vegetariane
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (422 Recensioni)

Il mote con huesillos e papaya è un cocktail bizzarro, almeno secondo i gusti di un italiano medio. D’altronde è una bevanda tipica della cucina cilena, realizzata con ingredienti che all’apparenza non hanno nulla a che vedere tra di loro. Infatti, il nome del cocktail si traduce più o meno con “grano con pesche”.

Esatto, in questo cocktail uno degli ingredienti principali è il grano. Nello specifico, si tratta di chicchi bolliti e inseriti nel bicchiere a mo’ di fondo. Successivamente, il bicchiere viene riempito con un liquido particolare, ovvero quello ottenuto dalla reidratazione delle pesche secche.

Alcune varianti prevedono l’integrazione delle pesche, tuttavia la ricetta che vi presento oggi predilige la papaya gialla. In questo modo il cocktail acquisisce una maggiore profondità organolettica e una maggiore corposità.

Ricetta mote con huesillos

Preparazione mote con huesillos

Per la preparazione del mote con huesillos e papaya iniziate ammollando le pesche secche per 6 ore. Cuocete nell’acqua delle pesche la cannella, la chancaca e lo zucchero di canna. Infine, togliete la cannella e fate raffreddare.

Ora mettete il grano in acqua e fatelo cuocere per circa 20 minuti, poi scolatelo per bene e lasciatelo intiepidire. Posizionate il grano nei bicchieri, poi aggiungete le pesche (huesillos) e la papaya sbucciata e tagliata a dadini. Infine, integrate il tutto con l’acqua di cottura e servite.

Ingredienti mote con huesillos

  • 200 gr. di huesillos (pesche secche)
  • 1 stecca di cannella
  • 60 gr. di zucchero di canna
  • 50 gr. di chancaca
  • 100 gr. di mote (grano)
  • 100 gr. di papaya cilena gialla.

Il cocktail mote con huesillos e papaya  risulta comunque equilibrato al palato, infatti il sapore lineare del grano si fonde con quello fruttato del liquido e quello fresco della papaya. Il mote con huesillos non è affatto unico nel suo genere, se si fa riferimento alla tradizione enogastronomica cilena.

E’ la più importante di una lunga serie di bevande che spiccano per la presenza di ingredienti della cucina popolare, che non ci si aspetterebbe di trovare all’interno di un cocktail. Ciò è frutto di una dei leitmotiv della gastronomia del Cile, ovvero una creatività ottenuta con combinazioni solo all’apparenza ardite, ma in realtà ben bilanciate.

Il contributo della cannella

La lista degli ingredienti del mote con huesillos comprende anche la cannella. Nello specifico viene cotta nell’acqua dove sono state ammollate le pesche, insieme al chancaca. La cannella insaporisce il liquido e lo rende decisamente più aromatico, allo stesso tempo rende il cocktail più dolce.

D’altronde, la caratteristica principale della cannella è data dalla sua capacità di aromatizzare e dolcificare allo stesso tempo. Non è un caso che venga impiegata soprattutto nelle produzioni dolciarie.

Mote con huesillos e papaya

La cannella è anche una spezia preziosa sotto il profilo nutrizionale, infatti è ricca di antiossidanti, sostanze che contrastano i radicali liberali, sostengono i meccanismi di riproduzione cellulare e contribuiscono a prevenire il cancro.

E’ anche un buon antinfiammatorio, sebbene non a livello dello zenzero. E’ considerata anche un discreto digestivo, una caratteristica che a dire il vero appartiene a molte altre spezie. Per il resto, abbonda di vitamine e sali minerali.

Che dirvi della papaya

La Papaya è un albero con un fusto alto, ma poco ramificato che può raggiungere i 10 metri dal terreno. Il tronco è sottile e morbido, facilmente scalfibile.

Tagliandolo, fuoriesce della linfa bianca da cui però bisogna stare alla larga: è infatti tossica per l’uomo al solo contatto con la pelle.

Le ramificazioni si trovano perlopiù in cima, a meno che il tronco non presenti cicatrici: in questo caso è possibile vederne anche ad altezze meno elevate.Le foglie sono large e possono raggiungere i 70 cm di diametro.

Il frutto dell’albero di Papaya può essere di colore verde, giallo, arancione o rosa. Ha una forma oblunga ed una consistenza delicata. Il peso è notevole: infatti il frutto può arrivare anche a pesare quasi 10 kg! Si tratta di casi sporadici, però.

La vasta commercializzazione ha fatto sì che si prediligessero pezzi più facilmente trasportabili e consumabili. Nei mercati, infatti, si trovano esemplari di circa 0.5 kg.

Più il frutto è piccolo, più sarà semplice venderlo. Inoltre, le piante “nane” sono coltivate maggiormente perché sono quelle più produttive.

Cos’è il chancaca?

Il chancaca, usato nel mote con huesillos, è in ingrediente poco conosciuto al di là del Sud America. Eppure non è niente di esotico, infatti si tratta semplicemente di zollette di zucchero di canna sottoposte a un trattamento specifico.

Lo zucchero viene fatto dapprima bollire a temperature molto elevate, poi viene sottoposto ad evaporazione. In questo modo se ne ricava una melassa densa e quasi solida, che viene inserita in stampi rettangolari e lasciata solidificare. Il chancaca viene impiegato per dolcificare il caffè, il thé e a volte anche i cocktail, come in questo caso.

In virtù della presenza del chancaca, il mote con huesillos e papaya può essere considerato un cocktail di tipo dolce. Questo sentore è valorizzato ulteriormente dalla papaya gialla, che viene tagliata a pezzettini e sistemata sul fondo.

La papaya aggiunge anche un minimo di acidità, se non risulta eccessivamente matura. La sua presenza rende il cocktail ricco dal punto di vista nutrizionale, infatti è un frutto ricco di vitamina E (un ottimo antiossidante), vitamina A e C, oltre al magnesio, potassio, zinco e ferro.

La papaya è ricca anche di flavonoidi, che vengono considerati delle sostanze anticancro. Infine, ottimo è anche l’apporto di betacarotene, che funge da precursore vitaminico.

Ricette con papaya ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (422 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

kangaroo pie

Il pasticcio di carne che non ti aspetti:...

Cosa sapere sulla carne di canguro Giunti a questo punto è utile parlare della carne di canguro. Tanto per cominciare di cosa sa la carne di canguro? Se pensate a qualche sapore forte e sui...

Sutlac

Sutlac, il budino alla crema di riso della...

Quale riso utilizzare? Quale è la varietà di riso più adatta per la ricetta del sutlac. In linea di massima dovrebbe andare bene un tipo di riso che assorbe bene i liquidi, infatti lo scopo del...

tacos con baccala

Tacos farciti con baccalà, una ricetta tra Messico...

Qualche curiosità sui tacos farciti I tacos farciti sono un alimento base per la cucina messicana. Traggono origine nell’America precolombiana quando gli impasti venivano realizzati...