bg header
logo_print

Torta salata con tonno e pesto, una ricetta gustosa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Torta salata con tonno e pesto
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 15 min
cottura
Cottura: 00 ore 45 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Torta salata con tonno e pesto, un break all’insegna del gusto

La torta salata con tonno e pesto è una ricetta che coniuga genuinità e gusto. E’ sufficiente dare un’occhiata alla lista degli ingredienti per capirlo. Certo, sono presenti il tonno e le acciughe, ma anche tante verdure: cavolfiori, finocchi, patate e porri. Tutti alimenti in grado di valorizzarsi l’un l’altro e conferire gusto senza appesantire. Il procedimento è molto semplice, quasi banale, e la cottura è facile da gestire. Infatti, si tratta di creare due composti. Il primo è più cremoso e consiste in una salsa alle acciughe. Il secondo è più corposo ed è realizzato con il tonno, il presto e le verdure passate in padella.

Le verdure vanno distribuite in entrambi i preparati. Inoltre la ricetta non richiede una cottura vera e propria, infatti tutte le verdure impiegate possono essere consumate crude, mentre il tonno sott’olio è già pronto per essere consumato. I due composti vanno poi utilizzati per farcire la pasta sfoglia, che verrà ben stesa sulla teglia. Il passaggio al forno è breve, e dura il tempo necessario affinché la sfoglia si cuocia. Siamo di fronte, dunque, a una ricetta pronta in pochi minuti, il classico esempio di minimo sforzo con la massima resa.

Ricetta torta salata con tonno

Preparazione torta salata con tonno

  • Per la preparazione della Torta salata con tonno e pesto iniziate lavando con cura le patate, poi pelatele e fatele a dadini.
  • Ora lavate i finocchi e tagliateli a pezzi piccoli, fate lo stesso con il cavolfiore e il porro.
  • Intanto ungete una padella antiaderente con un po’ di olio e rosolateci l’aglio e le acciughe fino a quanto queste ultime non si saranno sfaldate.
  • Ora unite un po’ di verdure, salate e cuocete per 10 minuti.
  • In una ciotola a parte unite il pesto, un altro po’ di verdure e il tonno.
  • Mescolate con delicatezza fino a ricavare un composto il più possibile uniforme e regolate con un po’ di sale.
  • Ora non vi rimane che comporre la torta. Stendete la pasta sfoglia su una carta da forno, riempitela con il composto alle acciughe e con il composto al pesto e tonno.
  • Unite anche le olive e cuocete al forno, preriscaldato a 180 gradi, per 35 minuti. Servite la torta salata calda e buon appetito.

Ingredienti torta salata con tonno

  • 1 rotolo di pasta sfoglia consentita
  • mezzo cavolfiore
  • un finocchio
  • 1 patataun porro
  • 150 gr. di tonno sott’olio ben scolato
  • 100 gr. di pesto di basilico
  • 2 acciughe dissalate
  • 1 spicchio d’aglio
  • 50 gr. di olive nere denocciolate
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale.

Il contributo del tonno e delle acciughe

La Torta salata con tonno e pesto è essenzialmente una torta di verdure, d’altronde è ricca di alimenti di origine vegetale. Tuttavia, non manca l’elemento di carne, anzi di pesce. Nello specifico, la lista degli ingredienti comprende il tonno e le acciughe, che rappresentano un ingrediente importante nei due composti. Per l’occasione consiglio di utilizzare il tonno sott’olio e le acciughe dissalate. Il primo è già cotto, dunque pronto per essere integrato nella ricetta. Le acciughe, invece, necessitano di un breve tempo di cottura, che in ogni caso non è mai troppo lungo in quanto tendono a sfaldarsi in fretta.

Torta salata con tonno e pesto

Tonno e acciughe sono due specie ittiche molto diverse tra loro, ma hanno molto in comune. Non sono simili in termini di gusto, quanto per le loro proprietà nutrizionali. Entrambi, infatti, sono una buona fonte di proteine, tale da non far rimpiangere le più apprezzate carni rosse. Allo stesso modo contengono gli acidi grassi omega tre, che giovano alla salute del cuore, della vista e del sistema nervoso centrale. Anche l’apporto di sali minerali è simile. Entrambi contengono selenio e fosforo, che esercitano funzioni antiossidanti e migliorano le prestazioni cognitive.

Come preparare il pesto?

Un altro ingrediente semplice che ricopre un ruolo importante nella torta salata con tonno è il pesto. Per la precisione sto parlando del classico pesto alla genovese, realizzato con il basilico. Si tratta di uno dei condimenti più amati dagli italiani, in grado di arricchire paste e primi piatti in genere. Nella fattispecie di questa ricetta il pesto va mescolato con il tonno e con le verdure, in modo da realizzare una crema molto densa e dal gusto marcato ed equilibrato. L’aroma di basilico emanato dal pesto, infatti, è in grado di valorizzare quello più corposo e lineare del tonno.

La ricetta del pesto è molto semplice e quasi banale. Non è un caso che sia uno dei condimenti più frequentemente preparati in ambito domestico. Qui trovate una ricetta completa e qualche curiosità su questo tipo di preparazione. Ad ogni modo per preparare il pesto è sufficiente pestare in un mortaio il basilico, l’aglio, i pinoli, il sale e l’olio (da aggiungere gradualmente anche in seguito). Lo scopo è quello di ottenere una crema dal brillante colore verde e dal carattere aromatico. Alla fine si aggiunge il formaggio grattugiato e si mescola.

Ci va l’aglio nel pesto?

Ebbene sì, la ricetta del torta salata con tonno prevede l’uso del pesto alla genovese, che include l’aglio nella sua ricetta originale. Per alcuni è una cattiva notizia, in quanto associano a questo alimento a dei giudizi negativi. Il riferimento è a una certa pesantezza, alla capacità di rallentare i processi digestivi e alle conseguenze per l’alito. I timori sono fondati, ma solo se si immagina un consumo eccessivo di aglio. Nel caso del pesto se ne utilizza pochissimo, a malapena uno spicchio per 200-400 grammi di composto.

Va detto, poi, che l’aglio fa anche bene alla salute. Tanto per cominciare apporta vitamine e sali minerali abbastanza rari, come il selenio e lo zinco, che esercitano una funzione antiossidante e supportano il sistema immunitario. In secondo luogo apporta l’allicina, una sostanza che fa bene al cuore e al sistema vascolare, in quanto aiuta a preservare l’elasticità delle arterie. Non è un dettaglio di poco conto se si considera l’importanza di questo elemento per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

In questa ricetta l’aglio interviene anche durante la cottura delle acciughe, ma anche in questo caso se ne utilizza un solo spicchio.

Il ruolo delle olive nere nella torta salata con tonno

La lista degli ingredienti della torta salata con tonno comprende anche le olive nere denocciolate. Esse intervengono in una fase avanzata della ricetta, ovvero durante la composizione della torta rustica salata. Vengono poste per ultime, sopra i ripieni a base di tonno e acciughe. La presenza delle olive nere è giustificata dal loro aroma particolare, che è intenso ma allo stesso tempo versatile, più di quanto non sia quello delle olive verdi, che dal canto loro sono decisamente acidule.

Le olive nere, poi, regalano molte soddisfazioni anche dal punto di vista nutrizionale. Sono ricche di antiossidanti, sostanze che riducono la probabilità di contrarre il cancro, ridimensionano l’azione dei radicali liberi e rallentano l’invecchiamento cellulare. Sono anche ricche di grassi benefici, ovvero di grassi monoinsaturi che giovano al cuore e alla circolazione. Infine, non destano grandi preoccupazioni per la linea, in quanto apportano solo 110 kcal per 100 grammi.

Il contributo del cavolfiore

Il cavolfiore è un elemento importante nella ricetta di torta salata con tonno. Il cavolfiore è un ortaggio sottovalutato in quanto viene associato alla cucina più povera. In realtà può dare molto anche alla cucina gourmet, infatti esercita una funzione riequilibrante con il suo sapore corposo. Inoltre, smorza i sentori più intensi, rendendo le preparazioni in cui è inserito molto più appetibili. Infine, il cavolfiore impatta anche sulla texture, in quanto non è privo di capacità addensanti e quindi è adatto per i composti.

E poi il cavolfiore fa bene alla salute. E’ ricco di vitamina C e potassio, come si addice a tutti i vegetali. Tuttavia, apporta anche sali minerali rari come il calcio e il ferro. Infine, è ricco di fibre, un dettaglio importante per chi soffre di problematiche intestinali, costipazione, stitichezza etc. L’apporto calorico è molto basso e non va oltre le 85 kcal per 100 grammi.

FAQ sulla torta salata con tonno

Cosa si può abbinare alla torta salata?

Di base la torta salata è un pasto completo, tuttavia può essere considerata come un primo abbondante vista l’abbondanza di carboidrati nella base di pasta sfoglia. Se non presenta elementi di carne o di pesce, può essere abbinata a un secondo leggero. Invece, se contiene carne o pesce, può essere accompagnata da un contorno leggero a base di verdure a foglia larga.

Quanto dura la torta salata in frigo?

Se viene ben coperta, la torta salata dura in frigo per circa due giorni. Il consiglio è di conservarne in frigo sempre un po’, in quanto da fredda assume un sapore diverso, che alcuni giudicano più gradevole.

Quanta torta salata mangiare a dieta?

Dipende ovviamente dagli ingredienti e dal proprio piano nutrizionale. Di base una torta salata viaggia sulle 300 kcal per 100 grammi. Una porzione, per inciso, pesa un etto, un etto e mezzo (se la si considera come un pasto completo).

Ricette con tonno ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

kangaroo pie

Il pasticcio di carne che non ti aspetti:...

Cosa sapere sulla carne di canguro Giunti a questo punto è utile parlare della carne di canguro. Tanto per cominciare di cosa sa la carne di canguro? Se pensate a qualche sapore forte e sui...

Focaccia di Recco con stracchino

Focaccia di Recco con stracchino, ecco la ricetta...

Un focus sullo stracchino Lo stracchino è tra gli elementi distintivi della focaccia di Recco, nonché uno dei formaggi più amati in assoluto, simbolo dell’arte casearia del nord Italia. E’...

Torta salata con pere e formaggio

Torta salata con pere e formaggio, una ricetta...

L'umile pera, protagonista dolce e versatile nella nostra torta salata con pere e formaggio cremoso. Questa ricetta è una fusione straordinaria di semplicità e audacia, dove pochi ingredienti...