Panino con hummus di ceci e avocado, un break unico!

Panino con hummus di ceci e avocado
Commenti: 0 - Stampa

Perché il panino con hummus di ceci e avocado è così buono?

Il panino con hummus di ceci, avocado e zucchine è uno spuntino davvero sui generis, il modo per trasformare la merenda o un pranzo veloce in un’esperienza unica all’insegna del gusto. E’ frutto, infatti, di una scelta di ingredienti ben pensata che lascia nulla al caso. Gli alimenti potrebbero apparire come se fossero agli antipodi l’uno rispetto all’altro, e in effetti lo sono, tuttavia si valorizzano a vicenda per formare una pietanza dal sapore inatteso.

Questo, è bene dirlo, è una specie di panino gourmet. Anche perché è meno semplice da preparare rispetto al classico panino. Per esempio, occorre prestare molta attenzione alla cottura dell’uovo, che deve essere perfettamente sodo, ma troppo asciutto. Per il resto, vi consiglio di rispettare le dosi, dal momento che anche il più piccolo cambiamento può generare conseguenze rilevanti sul piano del gusto.

Avocado (o aguacate) Sono cosi denominati con vocabolo azteco i frutti della Persea gratissima. Le piante crescono e sono coltivate nell’America del Sud (Peni, Brasile Settentrionale, Guyana), nell’ America del Nord (Messico, California e Florida), e inoltre nelle Antille, in Indonesia, Sud Africa e Australia. Il frutto è formato da una grossa drupa carnosa, a forma di pera o rotonda, di colore variabile dal verde al bruno, contenente una polpa molle, giallognola, di sapore gradevole, e un grosso seme.

Nei Paesi di origine gli avocado si mangiano tagliati a fette o in insalata. Il loro consumo si va diffondendo anche nel nostro Paese. E’ un frutto che si trova tutto l’anno.

Gli avocado sono venduti leggermente immaturi; quelli maturi cedono alla pressione delle dita. Usate subito i frutti maturi; gli altri maturano a temperatura ambiente in 3-5 giorni. Spruzzateli con succo di limone una volta tagliati, per prevenirne l’imbrunimento. È ricco di proteine, grassi (10-30% ), riboflavina, niacina, e contiene inoltre vitamina A e C.

Un ingrediente particolare e alternativo

E’ innegabile, l’ingrediente principale di questo panino è l’hummus di ceci & avocado Noa di Exquisa. D’altronde si tratta di un prodotto particolare, frutto di un’idea ben precisa, che propone un abbinamento solo in apparenza azzardato: ceci e avocado. Ne risulta una specie di patè dal sapore delicato e unico, apprezzabile da tutti i palati. Il processo di preparazione è naturale al cento per cento, come da tradizione per i prodotti Exquisa.

Panino con hummus di ceci e avocado

E d’altronde l’hummus di ceci e avocado è un perfetto esempio della visione di Exquisa. Una visione che premia la creatività (l’abbinamento ceci-avocado non si vede tutti i giorni), ma anche il gusto e la salute. Ovviamente, questo prodotto è anche ricco di importanti nutrienti e, nonostante la presenza dell’avocado, anche povero di grassi.

La zucchina, un alimento chiave nel panino con hummus di ceci e avocado

Tra i vari ortaggi che compongono il panino con hummus di ceci e avocado spiccano le zucchine. Una scelta tutto sommato classica, ma che ha voluto premiare un alimento mai sufficientemente apprezzato. Anzi, viene dato per scontato sia in termini di gusto che nutrizionali, non evidenziati a dovere. In primis l’apporto calorico è davvero basso, tale da rendere la zucchina l’alimento perfetto per le diete.

Per quanto riguarda l’aspetto nutrizionale, il riferimento è al contenuto di vitamine e sali minerali. La zucchina, infatti, contiene concentrazioni elevate di vitamina C (100 grammi offrono il 30% del fabbisogno giornaliero), inoltre apporta buone quantità di potassio, fosforo, calcio e magnesio. La zucchina contiene anche molte fibre, che giovano all’apparato digerente e stimolano i processi digestivi. Infine gode di una spiccata versatilità che la rendono protagonista di varie ricette, dai primi ai secondi passando anche per i panini.

Ecco la ricetta del panino con hummus di ceci, avocado e zucchine:

Ingredienti per 4 panini:

Preparazione:

Per il panino con hummus di ceci e avocado potete preparare il pane secondo le ricette che trovate su Nonnapaperina.it. Se non avete tempo o voglia, potete sempre acquistarli al supermercato. Io comunque consiglio di prepararli a casa, saranno certamente più genuini e ne trarrete una maggiore soddisfazione. Ad ogni modo, iniziate con le zucchine. Tagliate via le due estremità, poi fatele a fette sottili di circa 3 mm. Se siete particolarmente precisi potete utilizzare un coltello molto affilato, altrimenti utilizzate una mandolina o un’affettatrice. Adagiate le fette di zucchina su una griglia e cuocetele girandole di tanto in tanto. Poi posatele sulla carta da cucina.

Adesso occupatevi delle uova, posatele in un pentolino e ricopritele con acqua fredda aggiungendo un po’ di sale. Assicuratevi che il pentolino sia abbastanza alto da contenere l’acqua in ebollizione. Il sale è importante in quanto contribuisce all’integrità del guscio, che in questo modo resiste bene alle elevate temperature e rende l’albume più sodo. Dopo che l’acqua ha raggiunto l’ebollizione, cuocete per

9 minuti. Quando sono pronte, scolate le uova, mettetele subito sotto acqua fredda in modo da interrompere la cottura. Rompete il guscio delicatamente rotolando le uova con una mano, in questo modo il guscio si sfalderà praticamente da solo. Infine sciacquate ancora sotto l’acqua fredda per eliminare eventuali residui.

Ora lavate i rapanelli, togliete via le foglie, la punta e sbucciateli per bene. Poi affettate i rapanelli e fateli riposare in acqua fredda in modo che rimangano croccanti. Adesso componete i panini: tagliateli per lungo, spalmate un primo stato di hummus di ceci e avocado, un secondo di zucchine grigliate, poi qualche fetta di uovo sodo e di rapanelli. Condite con un filo d’olio extravergine d’oliva, chiudete e servite.

5/5 (386 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tacos con speck e funghi

Tacos con speck e funghi, un fast food...

Tacos con speck e funghi, quando la tradizione messicana incontra i sapori mediterranei I tacos con speck e funghi rappresentano l’unione tra la tradizione messicana e quella italiana. I tacos...

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


20-08-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti