Melanzane perline sott’olio, una conserva dal sapore forte

Melanzane perline sottolio
Stampa

Melanzane perline sott’olio, una conserva per molte occasioni

Le melanzane perline sott’olio sono una conserva diversa dal solito. Lo potete evincere in primo luogo dalla tipologia di melanzane utilizzate, che non risponde propriamente ai canoni della tradizione, ma soprattutto alla presenza di ingredienti insoliti, che suggeriscono abbinamenti molto interessanti. Il riferimento è ovviamente alle acciughe, che sono utilizzate nelle conserve, ma quasi mai in contemporanea ad altri alimenti, specie se vegetali. Ad ogni modo, la protagonista di questa ricetta è la melanzana perlina, una tipologia che non figura tra le più diffuse, ma che può regalare molto sotto il profilo organolettico e gastronomico.

La melanzana perlina si presenta con una bizzarra forma a bocciolo, frutto di una serie di incroci naturali. Le dimensioni sono ridotte e la sua lunghezza raramente raggiunge i 15 centimetri. La melanzana perlina spicca non solo per l’aspetto ma anche per il sapore, che è molto più dolce di quello delle melanzane standard. I sentori dolciastri contrastano in maniera gradevole con la sapidità delle acciughe e, in generale, con i sapori forti che emergono dalle spezie impiegate per formare la conserva.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali, le melanzane perline si pongono al medesimo livello delle melanzane normali. Spiccano per la presenza di antiossidanti e di antocianine, che generano il colore violaceo ed esercitano una funzione protettiva nei confronti dell’apparato cardiovascolare e dei meccanismi di riproduzione cellulare. Le antocianine, come tanti antiossidanti del resto, contribuiscono a prevenire il cancro. Le melanzane perline sono altresì ricche di sali minerali, in particolare di potassio e magnesio. L’apporto calorico è molto basso, pari a 25 kcal per 100 grammi.

Perché abbiamo utilizzato le acciughe in una conserva di melanzane?

Alcuni di voi, scorgendo il termine acciughe nella lista degli ingredienti delle melanzane perline sott’olio potrebbero aver storto il naso. In effetti, è strano trovare un alimento ittico all’interno di una conserva realizzata con alimenti vegetali. In realtà, le acciughe e le melanzane perline formano un abbinamento strano, ma in grado di farsi apprezzare da tutti i palati, in quanto espressione di un contrasto salato-dolce che rende veramente onore a questa ricetta.

Melanzane perline sott'olio

La ragion d’essere delle acciughe, almeno in questa conserva, è data anche dalle loro proprietà nutrizionali, che sono veramente interessanti. Certo, si tratta di un alimento abbastanza grasso, ma i loro grassi fanno bene alla salute, come dimostrano le elevate concentrazioni di acidi grassi omega tre. Nello specifico, gli omega tre agiscono a protezione dell’apparato cardiocircolatorio, del sistema nervoso centrale e della funzione visiva. Inoltre, le acciughe rappresentano un’eccezionale fonte di proteine, che ha poco da invidiare alle più consumate carni rosse. Infine, contengono svariati sali minerali e abbondano di fosforo.

Tutto il potere nutrizionale dei capperi

Anche i capperi contribuiscono ad aumentare la profondità organolettica di questa interessante conserva di melanzane perline sott’olio. In particolare, aggiungono sapidità a una conserva che, altrimenti, risulterebbe troppo tendente al dolce (nonostante la presenza delle acciughe). Il consiglio è di dissalare i capperi in maniera accurata, se optate per quelli conservati sotto sale.

Ad ogni modo, i capperi forniscono anche alcuni elementi nutritivi di fondamentale importanza per l’organismo. Il riferimento è al potassio, presente in dosi notevoli, ma anche ai già citati antiossidanti. Inoltre, hanno un apporto calorico davvero ridotto, pari a 23 kcal per 100 grammi. In linea di massima si tratta di una presenza preziosa, in grado di rendere questa conserva davvero speciale.

Ecco la ricetta delle melanzane perline sott’olio:

Ingredienti per 2 barattoli da 250 ml:

  • 1 kg di melanzane perline,
  • 200 ml. di aceto di vino bianco,
  • 350 ml. di olio extravergine,
  • 6 acciughe sott’olio,
  • un cucchiaio di capperi sott’olio,
  • 1/2 peperoncino,
  • 1 spicchio di aglio,
  • 1 rametto di timo,
  • 100 gr. di sale grosso,
  • q. b. di sale fino.

Preparazione:

Per la preparazione delle melanzane perline sott’olio iniziate lavando le melanzane e asciugandole con un panno pulito. Con un coltello dividetele per lungo in due parti e adagiatele in un contenitore, alternando uno strato di melanzane e uno strato di sale grosso. Poggiate un piatto sul contenitore e mettete un peso sopra per assicurarvi che siano sotto pressione. Lasciate le melanzane così per una notte intera. Il giorno dopo igienizzate i barattoli e i tappi. Poi pelate l’aglio e ricavatene delle fettine sottili. Infine, sbucciate i peperoncini, lavateli e fate anche questi ultimi a fettine.

Ora portate ad ebollizione una soluzione di acqua e aceto di vino bianco. Al primo bollore immergete le melanzane ben asciugate e strizzate (nel frattempo avranno perso la loro acqua di vegetazione). Fate bollire per pochi minuti, poi scolatele e lasciatele intiepidire. Intanto sbucciate il timo e lavatelo per bene. Infine, componete il barattolo alternando le melanzane, qualche fettina di aglio e di peperoncino, i capperi, le acciughe sott’olio e il timo. Concludete versando l’olio fino a coprire le melanzane e pressatele accuratamente in modo che non si formino spazi vuoti.

CONDIVIDI SU

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


30-08-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti