Acqua aromatizzata alla lavanda e lamponi, profumata

Acqua aromatizzata alla lavanda e lamponi
Commenti: 0 - Stampa

Acqua aromatizzata alla lavanda e lamponi, un bevanda dal gusto delicato

L’acqua aromatizzata alla lavanda e lamponi è una bevanda dal sapore delicato, capace di risultare gradevole a tutti i palati. È l’ideale per concedersi un momento di relax, ma anche per accompagnare aperitivi dal gusto tenue. La ricetta è molto semplice, quasi banale, dunque vale proprio la pena di provarla, anche perché rende molto con il minimo sforzo. L’unica difficoltà consiste nel reperire gli ingredienti, anzi uno in particolare: la lavanda. Non che sia un ingrediente raro, ma trovarla sotto forma di “rametto” è meno semplice di quanto possa apparire, di certo è raro reperirla al supermercato.

Tra l’altro, il rametto di lavanda non va trattato in alcun modo. Molto banalmente, va inserito nella caraffa già riempita d’acqua insieme all’altro ingrediente principale della ricetta: il lampone. Questi due alimenti si sposano molto bene l’uno con l’altro, in quanto la tenue dolcezza della lavanda valorizza il sapore leggermente acidulo del lampone. Il consiglio è comunque di rispettare le dosi, senza alcun margine di discrezione in merito, anche perché si correrebbe il rischio di creare una bevanda squilibrata. Il fai da te potrebbe portare ad una bevanda che, di contro, si caratterizza per un profumo e un sapore delicati.

La lavanda in cucina

La lavanda, utilizzata nella nostra acqua aromatizzata, è una specie vegetale dai molti usi. In genere, viene apprezzata e utilizzata soprattutto in virtù del suo profumo. Infatti, viene impiegata in particolar modo per profumare prodotti destinati all’igiene personale, come detersivi, saponi eccetera. Tuttavia, la lavanda trova applicazione anche in cucina, come dimostrano in alcune particolari culture gastronomiche. Il riferimento è alla cucina provenzale, che fa ampio uso della lavanda, molto diffusa nella Francia meridionale. Nella stragrande maggioranza dei casi, la lavanda viene utilizzata per insaporire dessert o bevande, proprio come accade in questo caso.

Acqua aromatizzata alla lavanda e lamponi

La lavanda vanta alcune proprietà interessanti, per esempio è un miorilassante e un antispasmodico. Alcune specie di lavanda, inoltre, sono considerate dei blandi sedativi. In ogni caso, anche in virtù del suo potere organolettico non indifferente, la lavanda contribuisce ad esaltare l’esperienza gustativa e a impreziosire momenti come il fine pasto, la merenda o addirittura l’aperitivo. E’ dunque davvero azzeccata la sua presenza nelle ricette delle acque aromatizzate.

I fiori di lavanda sono molto versatili, vengono utilizzati innanzitutto a scopo decorativo, visto il loro gradevolissimo profumo, la forma aggraziata e il colore suggestivo (un lilla insolitamente brillante). Tuttavia possono avere un ruolo anche dal punto di vista gastronomico.

I fiori di lavanda, oltre ad aggiungere un aroma delicato e un profumo suggestivo, recano molti benefici all’organismo. Sono infatti ricchi di antiossidanti, e in particolare di flavonoidi, i quali agiscono per contrastare i radicali liberi e contribuiscono alla prevenzione del cancro. I fiori di lavanda, poi, si caratterizzano per l’azione sedativa, tale per cui rappresentano l’ideale per arricchire una tisana da bere prima di andare a dormire. Tra l’altro, i fiori di lavanda alleviano il mal di testa, lo stress e la tensione muscolare.

Cosa c’è da sapere sul lampone

Un altro ingrediente dell’acqua aromatizzata alla lavanda è il lampone. E’ un frutto di bosco molto apprezzato per il suo sapore piuttosto accentuato, e per la capacità di richiamare al potere organolettico della fragola, senza per questo fornire i medesimi sentori aciduli. Sia chiaro, il lampone è leggermente acidulo, ma molto di meno rispetto agli altri frutti di bosco. A prescindere da questo, del lampone si apprezzano anche le proprietà nutrizionali. Il riferimento è all’eccezionale portata di vitamine e sali minerali. Il lampone, infatti, contiene discrete dosi di vitamina A e vitamina C, che come sicuramente già saprete contribuisce a rafforzare il sistema immunitario. Allo stesso modo, contiene una discreta concentrazione di potassio e magnesio.

Del lampone si apprezzano anche le proprietà antiossidanti, dovute ad una spiccata presenza di flavonoidi, che supportano i meccanismi di riproduzione cellulare, contrastano gli effetti dei radicali liberi e agiscono in funzione anticancro. Il lampone è anche rinomato per le proprietà diuretiche e debolmente lassative. Recenti studi, poi, dimostrano anche una certa capacità antinfiammatoria, inferiore a quella di alcune spezie come lo zenzero, ma comunque rilevante. Per quanto riguarda l’apporto calorico, siamo su livelli molto bassi, pari a 53 kcal per 100 grammi; infatti, il lampone non può essere considerato un alimento grasso. In occasione di questa ricetta, il lampone va semplicemente inserito nella caraffa, in quanto lo scopo è quello di aromatizzare.

Ecco la ricetta dell’acqua aromatizzata alla lavanda e lamponi:

Ingredienti per una caraffa da 1 litro:

  • 1 lt. di acqua,
  • 10 rametti di lavanda fresca,
  • 2 limoni bio,
  • 15 lamponi.

Preparazione:

Per la preparazione dell’ acqua aromatizzata alla lavanda iniziate versando l’acqua che avete a disposizione nella caraffa. Poi mettete il succo di un limone biologico e un altro limone tagliato a pezzi. Infine, inserite i lamponi, i rametti di lavanda e lasciate in infusione per una notte (o almeno una decina di ore). Servite la bevanda fresca.

5/5 (470 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Acqua aromatizzata con lime e melissa

Acqua aromatizzata con lime e melissa, molto rilassante

Acqua aromatizzata con lime e melissa, una bevanda salutare L’acqua aromatizzata con lime e melissa è una bevanda che coniuga leggerezza, gusto e attenzione per la salute. E’ una ricetta molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

Tisana alla verbena

Tisana alla verbena, una bevanda salutare e depurativa

Tisana alla verbena, altro che camomilla La tisana alla verbena è un’ottima bevanda facile da preparare, che offre molto in termini organolettici e nutrizionali. E’ una bevanda rilassante, come...

Bevanda alla melissa

Bevanda alla melissa, un cocktail analcolico per tutti

Bevanda analcolica alla melissa, una tisana simile ad un cocktail La bevanda alla melissa analcolica è un cocktail molto semplice da realizzare e in grado di regalare molto in termini di gusto e di...

sciroppo di melissa

Sciroppo di melissa, una preparazione multiuso

A cosa serve lo sciroppo di melissa? Sotto certi punti di vista lo sciroppo di melissa è come il classico sciroppo. I suoi usi, infatti, non si differenziano molto dagli altri sciroppi alla frutta,...

Succo di zucca e mela

Succo di zucca e mela, una combinazione perfetta

Succo di zucca e mela, un concentrato di gusto e nutrienti Il succo di zucca e mela è un bevanda dalle mille proprietà. E’ gustosa, leggera, nutriente e bella da vedere (il ché non guasta). Si...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-08-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti