Clementine: un frutto all’insegna della vitamina C

Un medicinale naturale sempre alla portata di tutti: le clementine senza seme

Le clementine  sono dei frutti che fuoriescono dall’incrocio tra il mandarino e l’arancio. Esse si prestano a meraviglia per formare un’ottima macedonia insieme a tanti altri frutti di stagione che potete selezionare a vostra scelta.

Le clementine possono anche essere utilizzate per preparare dei dolci: risultano ottime se abbinate con la crema pasticcera che usate per farcire dolci e torte.

Le clementine, inoltre, considerata l’elevata quantità di vitamina C presente al loro interno, possono essere prese in considerazione anche per creare dei decotti con brandy soprattutto quando si è preda dell’influenza: l’effetto di questo composto è quello di ridurre notevolmente la temperatura in caso di febbre alta.

Oltre al grande apporto vitaminico che le clementine sono in grado di conferire al nostro organismo tanti altri componenti benefici di cui vogliamo parlare nel prossimo paragrafo, occupandoci di analizzare le principali caratteristiche nutrizionali di questo strepitoso frutto. Seguiteci!

Clementine:  le principali proprietà benefiche

Le clementine  in appena 100 g di prodotto contengono all’in circa il 49% di vitamina C e il 12% di vitamina A. L’apporto calorico di questo frutto è piuttosto basso: in un etto, infatti, rinveniamo all’incirca il 47 kcal. Risulta preponderante, invece, il contenuto di acqua presente all’interno delle clementine senza semi, pari all’87% circa.

Grazie alla sua presenza, produce anche degli effetti dissetanti e rinfrescanti. È anche buono il contenuto di fibre che stimola l’attività del nostro intestino aiutando soprattutto quelle persone che sono affette dal fastidioso problema della stipsi.

Le clementine, inoltre, contengono un quantitativo importante di zuccheri semplici. In virtù di ciò, ai soggetti in sovrappeso è consigliato un consumo moderato di questo frutto. L’elevata presenza di vitamina C e di vitamina A rende le clementine un valido alleato contro l’attacco da parte dei radicali liberi, in quanto assorbe un’ottima funzione di antiossidante.

L’elevato contenuto di vitamina A, inoltre, agevola la regolazione del processo visivo. Un tale minerale molto contenuto in questo frutto è il bromo: la sua azione è in grado di calmare il nostro sistema nervoso.

Grazie alle sue caratteristiche benefiche, possono venire incontro ai soggetti che soffrono di insonnia, ma anche di coloro i quali sono alle prese con vene capillari fragili e inappetenza, in quanto riescono a stimolare l’appetito.

Presentano anche un elevato tasso di acidità che potrebbe generare degli effetti indesiderati a coloro i quali sono affetti da colite e ulcere.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *